Blog
Un blog creato da pigilli il 06/10/2006

PIERLUIGI LUPO

RACCONTI

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gianp.mazzilli2010giusidda66cassetta2jessicamarinoniada81_2Recreationpipe76amaryllis6padryaenailaadribrandihattori_hanzo1975onofrisandropigillicetra5revrev
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per articolo È troppo bello. Piu Grandi Film
Inviato da: Recreation
il 08/02/2018 alle 13:34
 
Ciao, e grazie.
Inviato da: pigilli
il 22/03/2014 alle 11:28
 
bella storia :)) un saluto e complimenti.. sasà
Inviato da: informatore66
il 01/03/2014 alle 19:51
 
Beh, naturalmente le lezioni sono indirizzate a coloro che...
Inviato da: pigilli
il 29/04/2013 alle 11:05
 
Consapevolmente qualche mezzo ce l'avrei,mi manca il...
Inviato da: melen.me
il 28/04/2013 alle 21:17
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« RACCONTO DI NATALERICORDANDO VINCENZO MONTELLA »

LASCIARSI IL 31

Post n°19 pubblicato il 02 Gennaio 2007 da pigilli
 

immagineA Capodanno si muore, con l’anno vecchio, e io son morto lì, quell’anno. In quella notte fredda. Sotto quel cielo incendiato dai fuochi artificiali, accanto agli uccelli uccisi nella gran piazza, tra le cartacce e le bottiglie vuote finite ai bordi delle strade, sotto i marciapiedi.

Era stata una questione di orgoglio. Il mio, il suo. Poche parole: “Mi hai rotto, basta!” “Vaffanc…”. Finita. E non ci siamo più rivisti da quella notte maledetta.

Al telefono rispondeva sempre la madre, vecchia cornacchia che sadicamente riversava su di me tutta la colpa, che sua figlia era buona e brava, che non c’entravo nulla con lei, ero un mascalzone e dovevo togliermi di mezzo! 

immagine

 Spiarla, un giorno, più giorni, disperatamente, fu l’atto conclusivo di un amore che diventava folle, impossibile, per questo ancor più sublime. Avrei venduto l’anima al diavolo per riaverla, per stringerla ancora forte tra le mie braccia, anche per un’ultima volta! Niente. Solo giorni, mesi, di sofferenze mute e infiniti perché. Tempo che passa. E il tempo mi disse ch’era finita, inesorabilmente finita. Faticosamente ripresi a camminare nella mia nuova vita, quel che ne restava.

 

A voi è capitato di lasciarvi all’ultimo dell’anno?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog