TraLeStelleDell'Orsa

La Luce di Mizar

 
 

PUNTI D'OSSERVAZIONE...

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ci sono  hit counter  stelle

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

papacifico0eugeniosoniaborges01Biagini26s.fabbritraslochim.lusinilaura.tellarini22Superfragilisticmarcello_dagostinigiuseppe.flaceM_i_z_a_rG1US3PPEgbeditorerobertovetrone
 

No alla pedofilia

No al nucleare

 

 

 


Riciclo

Vuoi il mio posto? Allora prenditi anche il mio handicap

 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

 

MATERA BY NIGHT

Le suggestive foto dei Sassi che vedete in questo box sono state scattate da Gerardo Fornataro, che mi onora della possibilità di arricchire e valorizzare il mio blog con i suoi lavori.
Grazie Gerardo.


































































































 
 

 

« Giorni dispariAvete presente... »

Giardini di pietra 2

Le foto che posto oggi risalgono a qualche settimana fa, esattamente al giorno dopo la mia visita al parco eolico di Grottole durante il lungo week end del 1° Maggio.
Questa volta però, invece di pubblicarle semplicemete voglio raccontarvele, portarvi con me...

Quel mattino, di buon ora, decisi di andare in uno de luoghi meno frequentati qui nei paraggi, il fondo della Gravina di Matera. Le Gravine sono erosioni geologiche, simili ai  canyon, che spaccano l'altopiano murgico in più punti. Non è difficile che sul loro fondo scorrano piccoli corsi d'acqua, a carattere torrentizio, che hanno favorito il sorgere di insediamenti umani di vario tipo fin dalla preistoria, come testimoniano diversi reperti venuti alla luce risalenti al paleolitico, alcuni dei quali sono custoditi nel Museo archeologico nazionale "Domenico Ridola", o i villaggi trincerati del neolitico.

...dopo aver lasciato la macchina in un punto conosciuto dai materani come Madonna delle Vergini, per la piccola chiesa rupestre che vi sorge (una delle circa 150 censite fin'ora nella murgia materana), comincio la discesa, non prima ovviamente di aver goduto del panorama...

I Sassi di Matera dalla Madonna delle Vergini

La mia intenzione è di raggiungere la sommità di quella collina rocciosa che si intravede sul lato destro della foto e che sembra fare da spartiacque all'interno della gravina, anche se oggi il torrente ne la lamibisce solo su un lato.

Di tanto in tanto mi fermo per cogliere qualche qualche scorcio, questo ad esempio mi ha colpito per la bellezza dei colori della vegetazione e delle formazioni rocciose...

Scorcio

..e tra una foto ed uno scivolone, eccomi arrivato... ci sono angoli in cui sembra che il tempo si sia fermato...

Murgia Timone vista dalla gravina

Per la destinazione finale dovrei andare verso destra, ma visto che ho tutta la mattinata a disposizione decido di fare prima una passeggiata, andando verso sinistra.
Nascosta da una dozzina di alberi da frutto, sotto una parete rocciosa che la minaccia da secoli, ecco la vecchia chiesetta della Madona di Monteverde, aihmé in rovina.

Madonna di Monteverde

Mi trovo più o meno alle spalle di questa gola, attraverso la quale scorre il torrente Jesce (del quale vi ho parlato in questo post), che pochi metri più avanti confluisce nel torrente Gravina... le ennesime immagini di schiuma e rifiuti ve le risparmio.
Torno indietro seguendo a distanza il percorso del torrente. Raggiungo un sentiero appena accennato che si arrampica su quella formazione rocciosa, il mio punto d'arrivo è proprio lassù. Ma prima c'è qualcosa che voglio farvi vedere...
La Civita dal fondo della Gravina

Il percorso non è per niente facile e dove il sentiero sembra confondersi tra le rocce non posso far altro che salire per dritto. All'arrivo un leggero fiatone mi convince a sedermi su una prominenza rocciosa per riprendere fiato, e ne vale la pena...
Santa Lucia

Murgia Timone

Mi trattengo un'oretta, non è un caso se sono venuto fin quassù (il perché lo vedrete in un prossimo post) e quando decido di tornare il cielo è ormai coperto ed è quasi ora di pranzo. Meglio che mi sbrighi...
Ridiscendo e risalgo dall'altra parte, per raggiungere la macchina. Un po' di fatica non rischia di togliere il piacere di visitare questi luoghi magari non molto accessibili, ma forse per questo più sugggestivi... un ultimo sguardo indietro...

Scorcio della Civita

...ed un inusuale modello fa da soggetto per lìultimo scatto.

Natura

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: mizar_s_light
Data di creazione: 08/12/2007
 

AREA PERSONALE

 

MIZAR

Zeta Ursae Majoris

Dall'arabo Miz'ar (cintura) è la stella centrale del "timone" della costellazione del Grande Carro, porzione dell'Orsa Maggiore e si trova a 60 anni luce dalla terra.
Il suo nome originario era Mirak, fu ribattezzata nel sedicesimo secolo da Giuseppe Scaligero.
Sua compagna inseparabile è Alcor, distante dalla terra 80 anni luce, più difficilmente visibile data la vicinanza ad una stella molto più luminosa, tanto che gli arabi la chiamavano Al-Suha "La trascurata". Nelle notti senza luna e fuori dalle città la si può vedere brillare debolmente, sopratutto se si cerca di non guardare direttamente Mizar. Nell'antichità la capacità di saper individuare nel firmamento le due stelle era considerata segno di buona vista.

I moderni telescopi hanno scoperto che il sistema Mizar-Alcor è tra i più complessi e tra i più affascinanti di quelli conosciuti. Entrambi gli astri infatti si dividono in sistemi multipli, Mizar è in realta una coppia strettissima di due stelle, Mizar A e Mizar B, che sono a loro volta una doppia ed una tripla, Alcor invece è una doppia.

Il motivo per cui Mizar è il mio nick e la luce di Mizar è il nome del mio blog è insito proprio in questa breve descrizione. Il suo sembrare un unica stella alla sola vista essendo in realtà un sistema molto complesso rispecchia la mia personalità ed il mio modo di pormi con gli altri. La prima impressione che trasferisco al mio interlocutore è sempre fuorviante rispetto alla mia vera essenza, la mia personalità è molto variegata e complessa e spesso mi piace "giocare" a far trasparire un lato piuttosto che l'altro. Mi piace essere poliedrico.
La luce di Mizar è una metafora del mio pensiero, perchè come la sua luce è il frutto e la somma delle luci delle stelle che la compongono, così il mio pensiero è il risultato dell'interazione di tutte le componenti della mia personalità.

Ed io non le conosco tutte...

 

VIAGGIO VERSO L'ORSA...

...attraverso un mondo, dighiaccio apparente.

Premi play
lacio drom

 

PER ME, IL POSTO PIÙ BELLO DEL MONDO

 

 

 

Io sono interista

 

 

 

 

LE MIE FOTO







































































































































 

LE MIE FOTO

 











 











 









 









      

 

 




01 Febbraio 2009 - Diga San Giuliano - Matera

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova