Creato da Narciso_Ale il 02/12/2014

La Siciliana Bionda

Nenti vitti, nenti sacciu, ma quanto scrivo però...

 

« Che possa essere un rito...Considerazioni sulla pan... »

Vita da pendolare

Post n°163 pubblicato il 11 Ottobre 2021 da Narciso_Ale
 

Anno 2008, anno in cui ho iniziato la mia vita da pendolare. Vivere fuori città, soprattutto una come Milano, è il compromesso che unisce lavoro/casa con uno stipendio decente e un mutuo che non lo è.

Ritardi, cancellazioni, scioperi. Tutto nella norma. Ma quello che è successo venerdì, onestamente non mi era mai capitato.

Smart Working. Santo Smart Working. Si va in ufficio, bisogna contingentare entrate e uscite e quindi anche gli orari sono più flessibili. 

Venerdì 8 ottobre decido di finire alle 15 per prendere il treno delle 15.32 da Milano Rogoredo. 

Arrivo per le 15.25 circa. Binario 4. Controllo l'app dei treni. Nulla. Cerco di ascoltare i messaggi vocali. Nulla. Ad un certo punto, a poco meno di un minuto dall'arrivo del treno, l'app segnala un cambio di binario. Succede spesso. Dal binario 4 al binario 8. Avviso perciò gli altri passeggeri, che come me, in attesa del treno, non vedevano l'ora di salire per tornare a casa. Destinazione Bologna. Un bel tragitto.

Corriamo verso il binario 8, ma il tabellone segnala un treno diretto a Taranto, per cui rallentiamo. Ma mentre lo facciamo, vediamo partire un treno. Un vivalto. Uno di quei treni su due piani.

Strano, penso. Di solito i treni a lunga-media percorrenza non sono mai su due piani 

Vedo la suburbana e penso: mah, quasi quasi prendo questo treno. 

Niente, mi parte sotto il naso.

Prossimo treno, dopo 30 minuti. Tutti sconvolti Chi deve andare a Bologna non sa come fare.. 

Cerchiamo soluzioni, troviamo soluzioni. La rassegnazione ovviamente prende il sopravvento al nervosismo e in attesa cha arrivi il treno delle 16, ci si rassenga al fatto che si toernerà a casa più tardi.  

Alla fine arriva il treno delle 16 e..... beffa nella beffa, il capotreno prima fa notare ai passeggeri, che come me, sono rimasti nel gabbiotto, che non possono sedersi nel vagone vuoto perchè è inagibile (di solito è agibile ma durante il covid è destinato solo al capotreno) e poi, nonostante le lamentele di chi doveva recarsi a Bologna, ci chiede anche il biglietto/abbonamento Che voglio dire, in altre circostanze può anche andar bene, considerato che un controllore non si vede mai neanche a pagarlo, ma in quelle circostanze di nervosismo dovuto ad un disguido tecnico dei terminali e dopo aver perso un treno che non era stato annunciato, forse io avrei evitato.

Ma questa è la vita da pendolare. 

Hai voluto vivere fuori città.... Cazzi tuoi!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/LaSiciliana/trackback.php?msg=15654133

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
occhi_che_sorridono
occhi_che_sorridono il 24/10/21 alle 23:28 via WEB
Bentornata Ale, ci voleva un disguido ferroviario per leggerti di nuovo, non entravo da secoli ed è stata una bella sorpresa, come un tuffo nel passato, quel passato che ci ha fatto conoscere 🤗
 
cassetta2
cassetta2 il 15/12/21 alle 08:08 via WEB
Quando c'era lui i treni arrivavano in orario.
 
mikelsolaree
mikelsolaree il 25/12/21 alle 19:22 via WEB
Ho letto quanto hai scritto, e riflettevo ai disagi che spesso hanno i pendolari. Inoltre anche al fatto che, come hai scritto, sei emigrata al nord per poter lavorare, così come purtroppo tante persone del Mezzogiorno. La Svimez ha calcolato 2 milioni di emigrati dal sud in 15 anni. CERVELLI IN FUGA Rapporto Svimez, “2 milioni di emigrati dal Sud in 15 anni. Addio a giovani e lavoratori qualificati” Rapporto Svimez, “2 milioni di emigrati dal Sud in 15 anni. Addio a giovani e lavoratori qualificati” La ripresa dei flussi migratori, si legge nel Rapporto Svimez, è "la vera emergenza meridionale, che negli ultimi anni si è via via allargata anche al resto del Paese". Un paese spaccato, un Sud svuotato dall’emigrazione di migliaia di giovani e laureati. E se cresce il divario tra Italia meridionale e settentrionale si amplia anche quello tra Nord e resto dell’Europa.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom