Creato da liberemanuele il 26/01/2009

Catallaxy

ordine spontaneo vs ingegneria sociale

 

 

« Cosa?Ecco l'occasione che as... »

La conferenza eco insostenibile.

Post n°74 pubblicato il 11 Dicembre 2009 da liberemanuele
 

Sono contento di essere nato in quest'epoca. Mi piace farmi la doccia quando voglio, cambiarmi la biancheria tutti i giorni e potermi vestire non pensando solo a coprirmi, ma magari soddisfacendo anche i miei gusti estetici o la mia voglia di mettere qualcosa di nuovo. Il tutto pur non essendo nessuno. Magari in epoche passate se lo potevano permettere solo i nobili. Poi, dimenticavo, adoro il caffè, quello della macchinetta del bar. Adoro prenderne più di uno al giorno, senza né fretta né zucchero, due dei tre nemici dell'espresso in tazzina ... chi è il terzo? Ma che domande! Rampini!

"Se si calcola l'energia consumata per coltivarlo, raccoglierlo, trasportarlo, infine azionare la macchina del bar, 6 tazzine di espresso al giorno, in un anno equivalgono alla CO2 immessa nell'aria da un volo Roma-Londra"

Federico Rampini, giornalista che ha scritto pagine bellissime su Cindia - Cina e India -, oggi si fa campione di eco-baggianate. Rampini condanna l'abitudine di lavarsi troppo, quella di lavare troppo i propri capi di abbigliamento e l'abitudine di comprare ogni stagione qualcosa di nuovo. Non per niente Rampini scrive su New Scientist ... ecco un altro scientista che vuole ridisegnare le nostre vite e le nostre abitudini: come se la complessità umana non esistesse, come se la massa-gregge debba essere guidata verso il proprio bene.

A Copenaghen intanto si fa a gara a chi la spara più grossa, si gioca molto sulle emozioni: l'uomo è un male per la terra, ora deve porre rimedio. Così, sull'onda dell'emotività, il potere coglie l'occasione per celebrarsi ed evitare di affrontare un' analisi razionale dei costi delle loro "buone intenzioni" - che com'è noto, lastricano la strada per l'inferno.

Sviluppo sostenibile fa rima con sussidi pubblici, al soldo degli altri: poco importa se improduttivi e se gonfiano una nuova "bolla": la salvezza del pianeta, non ha prezzo.

Zenawi, primo ministro etiope, dice alla Stampa che il suo continente è la prima vittima del Global Warming. Ha ragione, fa notare Mingardi su "IlRiformista" del 9 dicembre, ma non per le ragione da lui intese: "Ridurre le emissioni in economie che faticosamente stanno raggiungendo la rivoluzione industriale, significa aumentare in modo spropositato i costi delle imprese, rallentare il treno dello sviluppo, strangolare nella culla la possibilità di uscire dalla povertà".

Intanto viene fuori il Climagate: importanti scienziati inglesi, si mettevano d'accordo via mail, per truccare i dati climatici scomodi, che non confermavano l'emergenza clima, e per mettere in cattiva luce chiunque nel mondo della scienza osi non conformarsi al catastrofismo.

Ma arriviamo al dunque della conferenza di Copenaghen: l'esercizio di potere nel ridisegnare la vita delle masse ha un prezzo, piuttosto salato anche, 143 milioni di euro secondo Matthew Sinclair di "Taxpayers' Alliance". Perché sia chiaro, siamo noi che dobbiamo rinunciare alla vita comoda, mentre loro alloggiano in alberghi di lusso a nostre spese.

Al Gore ce lo insegna, il profeta verde ci dice come siamo sbagliati, che la crescita economica così com'è non è eco sostenibile, poi lui in un mese consuma quanto una casa statunitense media in un anno: 221,000 kWh nel 2006 per illuminare, riscaldare e abitare le 20 stanze della villa con piscina a Nashville - stime del Tennessee Center for Policy Research mai smentite.

Così Copenaghen. Poco importa del paradosso dato dall'emettere in 11 giorni 41.000 tonnellate di CO2 (come una città di 150.000 persone in un anno).

Andrew Gilligan fa due conti: 15.000 delegati; 5.000 giornalisti; 98 leader politici. Ognuno di loro in un giorno emetterà la quantità di CO2 che n cinese emette in sei mesi.


"Ma, dimenticavo. Costerà un mare di soldi, produrrà un oceano di emissioni, ma senza questo vertice, come faceva Greenpeace ad avere tanta risonanza coi suoi manifesti? "

Carlo Stagnaro

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/LiberEmanuele/trackback.php?msg=8120887

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
j1nz0 il 11/12/09 alle 10:15 via WEB
Il catastrofismo è un'arma psicopolitica ottima. Un'arma contro il capitalismo, si intende. Un'altra ad esempio è il pacifismo demenziale, la cui vera natura è rivelata quando a guerreggiare non sono conservatori amici delle multinazionali, ma socialisti insigniti del premio Nobel. Ormai credo l'intento sia più che chiaro.
 
 
liberemanuele
liberemanuele il 11/12/09 alle 10:50 via WEB
I termini austriaci sono davvero illuminanti. Il catastrofismo è una guerra all'azione umana - al fare umano e all'essere umano. Lo dicono chiaramente: la terra è il fine, l'uomo la minaccia. Credo che il loro modello di terra ideale non preveda la nostra presenza come esseri umani, se proprio dovessero conciliare la nostra esistenza con la natura ci ripenserebbero meno umani e più animali. Perché alla fine, tra decrescite dolci, contenimento delle emissioni, decrescita economica ecc.., la loro è una lotta anti-umana.
 
to_revive
to_revive il 11/12/09 alle 15:38 via WEB
Continuerò a farmi la doccia due volte al giorno, a riempire la mia piscina, a tenere l'aria condizionata a palla d'estate e il camino che brucia legna d'inverno. Al caffè non rinuncerò mai, così come alla cioccolata. Illuminerò il mio albero di Natale con mille lucine e non smetterò mai di adorare Las Vegas di notte per le luci colorate che la rendono unica, così come adoro salire su mio Hummer H3 V8 che essendo un 5300 di cilindrata beve come un cammello ma che mi piace guidare quando torno al mio Paese in Texas. Continuerò a comperare la mia costosissima crema idratante che contiene grasso purificato di balena e che, alla mia età, mi regala una pelle che stupisce chi mi guarda quando la rivelo. Per contro, per permettermi certi "piccoli lussi" lavoro come una bestia e mi merito tutto. Sono ancora troppo americana in questo, lo so bene, ma almeno non "predico bene e razzolo male" come fa Rampini. Che dici? Rischio la cancellazione dalla lista dei tuoi blog amici? Un abbraccio caloroso ( Kcal gratis ed ecologiche!)
 
 
liberemanuele
liberemanuele il 11/12/09 alle 16:32 via WEB
Ben tornata! Ormai sarai completamente rimessa immagino! Tornando al post: si sei ancora troppo americana, ma nel senso migliore. "Per contro, per permettermi certi "piccoli lussi" lavoro come una bestia e mi merito tutto. ": questo è uno degli insegnamenti più grandi della cultura del tuo paese. Sei sempre la benvenuta, anzi è bello rileggerti! Ricambio l'abbraccio ;-)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LE "INDISPENSABILI" DAL WEB

 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZA.

Tutti i testi sono liberamente copiabili e riutilizzabili, le immagini sono prese dalla rete: eventualmente venisse riscontrato una violazione di diritti vari, gentilmente, AVVERTITEMI.