LA MAESTRA ONLINE

E' tanto difficile far amare la scuola? Non ho la bacchetta magica ma...Ci proverò lo stesso!

 

OCCHIO AI COLORI!

Ad ogni gruppo tematico corrisponde un colore. Dal titolo si potrà capire con facilità a quale gruppo appartiene il post che state consultando.

AZZURRO: TEMI DI ATTUALITA' - PROBLEMATICHE SCOLASTICHE
ROSSO: HELP GENITORI 
VERDE: HELP STUDENTI
ARANCIO: PROPOSTE DIDATTICHE - LAVORI - SPUNTI
NERO: CURIOSITA' - VARIE ED EVENTUALI - UMORISMO SCOLASTICO

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

« FILASTROCCA PER NATALELA CENERENTOLA DELLA SCUOLA »

HELP GENITORI:

Post n°8 pubblicato il 16 Dicembre 2007 da Maestra_Gio
 

OCCHIO ALL'ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI!

Premetto che non sono un medico dietologo, ma la mia esperienza come insegnante di educazione motoria e di danza mi ha consentito di tenermi costantemente aggiornata sulle problematiche relative all'alimentazione e ai problemi di sovrappeso infantile. Dal 1976 al 2000 la percentuale di bambini obesi ha subito una crescita esponenziale: dal 7,6% si è passati al 15,3%. Sicuramente un dato preoccupante, che merita tutta l'attenzione di genitori e insegnanti. Educare all'alimentazione sta divenendo uno dei compiti principali di famiglia e scuola, in una società che rischia di trasformarsi in "Oversize". Se da una parte dobbiamo fare i conti con i disordini alimentari tipici di molti adolescenti, come anoressia e bulimia, dall'altro lato ci troviamo a far fronte all'emergenza opposta: l'obesità. Vediamo di entrare nel merito delle cause di questa patologia non sempre facilmente identificabili, nel caso di obesità dovuta a malattie endocrine (in questo caso il discorso che segue non ha valenza alcuna).

CAUSE DI NATURA ORGANICA

Nell'uomo la determinante genetica dell'obesità è comprovata dalla famigliarità o dall'esistenza di gruppi etnici geneticamente obesi. Sicuramente l'incidenza di più casi di persone obese in una famiglia non significa trasmissione ereditaria. Si tratta più che altro di cattive abitudini alimentari e di errato stile di vita della famiglia stessa. 

CAUSE DI NATURA PSICOLOGICA

Nell'insorgenza di obesità non dovuta a malattia endocrina, può avere una certa importanza l'aspetto psicologico. Fin dall'inizio della vita il cibo rappresenta qualcosa di più del semplice mezzo per nutrirsi. E' il mezzo che, ad esempio, lega madre e figlio tramite l'allattamento. Potrebbe sembrare assurdo, ma per tale ragione nel corso della crescita può divenire un'alternativa alla mancanza di legami affettivi profondi. Il bambino, che ha bisogni affettivi insoddisfatti, può reagire con una domanda crescente di cibo che rappresenta per lui compenso e conforto. Oltre alle carenze affettive ci sono altri fattori che, alterando profondamente l'equilibrio emotivo, possono favorire l'insorgere e il persistere dell'obesità come i traumi emotivi e il disadattamento sociale.

CAUSE DI NATURA SOCIO - AMBIENTALE

E' possibile far rientrare in questa categoria:

  • Attività extra scolastiche prevalentemente sedentarie: solo il 50% dei ragazzi in età scolare svolge regolare attività fisica; molti preferiscono dedicarsi a Tv e videogiochi.
  • Errato comportamento alimentare: il comportamento alimentare è importante perché le abitudini formatesi precocemente possono avere un considerevole impatto sullo stato di salute a lungo termine.
  • Abitudini famigliari: le abitudini dei genitori giocano un ruolo importante sul modo di alimentarsi dei figli fin dall' età prescolare.

GLI ERRORI PIU' FREQUENTI NELL'ALIMENTAZIONE:

Gli errori che più frequentemente si compiono a livello alimentare sono:

  • Prima colazione scarsa o  addirittura assente;
  • Scarso consumo di verdura e frutta;
  • Eccessivo consumo di insaccati, cioccolata, patatine fritte, caramelle e altri dolci confezionati, bevande gassate e zuccherate;
  • Eccessiva frequentazione di locali fast food, in cui viene proposto un modello alimentare ad elevato contenuto calorico. 

COME FARE?

La prima cosa da fare è INTERVENIRE TEMPESTIVAMENTE, cercando di ridurre le calorie introdotte con il cibo. Ciò non vuol dire non far mangiare il bambino, ma semplicemente scegliere con lui i cibi migliori per la sua salute (in accordo con i suoi gusti). Lo stile alimentare corretto dovrebbe COINVOLGERE L'INTERA FAMIGLIA, altrimenti si corre il rischio che il bambino veda tutto come un'imposizione, cosa che sarebbe più deleteria che benefica. 

COSA FARE?

  • Limitare le calorie, ma non in maniera drastica (al massimo il 30 % in meno del fabbisogno calorico);
  • Fornire pasti che facciano sentire sazio il bambino;
  • Limitare i grassi (meno del 30%), soprattutto quelli di origine animale;
  • Aumentare frutta e vegetali, diminuire gli zuccheri semplici (10%), utilizzare i carboidrati complessi come cereali, pasta e riso (60%);
  • Aumentare l'apporto di fibre;
  • Favorire l'attività fisica.

La scuola può fare la sua parte, promuovendo interventi di Educazione alla salute, fin dalla prima infanzia, con campagne di prevenzione che coinvolgano famiglie, insegnanti e personale addetto nelle mense. Mi sia concessa una piccola polemica: gli insegnanti, soprattutto nella scuola primaria, dovrebbero, oltre che promuovere un corretto stile alimentare, fare in modo che l'ATTIVITA' MOTORIA (già di per sè una Cenerentola) SIA VERAMENTE TALE E NON UN SURROGATO!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/MAESTRAGIO/trackback.php?msg=3770318

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 16/12/07 alle 18:56 via WEB
Finalmente un Blog intelligente, che fornisce buoni consigli e che dice la verità. Complimenti per le tue doti di scrittura!
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 16/12/07 alle 19:48 via WEB
Grazie, molto gentile da parte tua. Buona serata :-)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 18/12/07 alle 16:30 via WEB
Buongiorno, mi chiamo Angela e sono mamma di una bambina che frequenta la terza elementare. Vorrei complimentarmi con lei per la sua preparazione. A mia figlia fa ginnastica la maestra di matematica che il più delle volte si limita a lasciare che i bambini giochino da soli. Oppure per non portarli in palestra dice che sono in castigo!
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 18/12/07 alle 18:07 via WEB
Ho scritto un articolo in merito alla questione. La ringrazio per l'attenzione e la saluto cordialmente.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Maestra_Gio
Data di creazione: 04/12/2007
 

DISCLAIMER

Questo è un Blog dedicato ai bambini, alle famiglie e ai colleghi che come me credono che si possa ancora fare una buona scuola. Come insegnante di scuola primaria utilizzerò questo spazio per pubblicare lavori, spunti, suggerimenti. Sarò ben contenta di rispondere a domande inerenti la scuola e cercherò, nel mio piccolo, di aiutare chi avesse bisogno una mano per compiti e ricerche.

Chiaro che non accetterò nella maniera più assoluta intrusioni volgari e inutili, quindi provvederò a cancellare immediatamente i commenti ritenuti offensivi o non adatti ai potenziali utenti di questo spazio.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fatinaebullbenedettamoccianeni1977giorgio.cavinabratta08marco_cara1978bobbybrownbellesinicamilla98mammengiuseppe65ctluigiccnomariangelaburdinocittadella.infanziasofia_carboneLOSTSPIRIT
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao,insegno da una diecina d'anni in una scuola...
Inviato da: snemo
il 24/11/2014 alle 12:04
 
Grazie!
Inviato da: chris
il 26/01/2014 alle 10:51
 
Grazie!
Inviato da: ursula
il 26/01/2014 alle 10:51
 
Grazie!
Inviato da: Samie
il 26/01/2014 alle 10:50
 
Grazie!
Inviato da: coralie
il 26/01/2014 alle 10:50
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom