Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
black.whaleTerzo_Blog.Giusdas.silvialascrivanamonellaccio19r1ck1viscontina17SEMPLICE.E.DOLCElicsi35peba.vi60cruelangelsriccidoratiwoodenshipCarlAlbertoBarbagliadonadam68
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

Messaggi di Gennaio 2019

 

DEREK WALCOTT :IL LEVRIERO DI TIEPOLO ALLE ANTILLE

Post n°277 pubblicato il 31 Gennaio 2019 da gabbiano642014
 

 

             

               Derek Walcott   St.Lucia - Antille

               Photo by Micheline Pelletier/Corbis - Getty Images


Derek Walcott nacque il 23 gennaio 1930  e morì il 17 marzo 2017.

Poeta e scrittore, nel 1992 viene insignito con il Premio Nobel

per la Letteratura.


John Keats,il poeta del cuore del Romaticismo inglese nel 1818 scrisse:

"Ogni epoca,vive nella piccola fonte della poesia ovunque".

Duecento hanni più tardi.

Nel 2010 Derek Walcott rilascia un intervista al Sole 24 Ore:

"Lo scopo della poesia è di glorificare Dio:se in un luogo della

parola "Dio" usi la parola "luce",cosa che succede di continuo in

Dante,puoi capire come la poesia non sia altro che un atto celebrativo.

Un gesto di gratitudine.Forse,talora,un gesto di sconcertato stupore.

La grande poesia riguarda qualcosa che si trova al di là della nozione

di mortalità.Al di là di ciò che è effimero.La poesia è ritmo,incantagione.

E' un articolazione della parola che si può addirittura pensare come

fondamento della religione,perchè viene "prima", per così dire, della

religione stessa".

Derek nella sua poesia è il senso dell'estraneo che legge se stesso.

La sua poesia è la rappresentazione che unisce la natura del

promontorio nell'Isola di St.Lucia con la sua passione per l'arte.

Il cielo notturno nelle rime imperfette  dell'Omero e ne "Il levriero di

Tiepolo" è stata la meraviglia nel leggere la poesia.

Io scrivo che nelle più svariate composizioni definite da Umberto Eco

imperfette ,la poesia vive nel tempo,nelle immagini e permette

all'Uomo di respirare nello "smog" della società.

Un Uomo non può vivere senza poesia.

La poesia è come la musica,la pittura policromia di versi,di pennellate

rivolte allo specchio di verità e bellezza di chi scrive e di chi legge.