Creato da beppenovara il 16/02/2007

Mina 1958 - 2011

Il tempo non passa mai con la musica della più grande cantante italiana

AREA PERSONALE

 

LA FOTO

 

TV SORRISI E CANZONI

 
SORRISI E CANZONI N°44 DEL 2002

 

IL CD DELLA SETTIMANA

MINACELENTANO (1998)

Acqua e sale
Brivido felino
Io non volevo
Specchi riflessi
Dolce fuoco dell'amore
Che t'aggia di'
Io ho te
Dolly
Sempre sempre sempre
Messaggio d'amore 

 

TUTTA MINA IN LINK

- Introduzione al blog
- 1959
- 1960
- 1961
- 1962-1963-1964
- 1965
- 1966 prima parte
- 1966 seconda parte
- 1967
- Sito ufficiale di Mina
- Mina Fan Club
- 1967 Sabato Sera
- Delirio spagnolo
- 1968
- 1968 Canzonissima
- 1969
- 1970 prima parte
- 1970 seconda parte
- 1971 prima parte
- 1971 seconda parte
- 1972 prima parte
- 1972 seconda parte
- 1972 terza parte
- 1972 La più imitata
- 1973 prima parte
- 1973 seconda parte
- 1974 prima parte
- 1974 Milleluci - presentazione
- 1974 Milleluci 1a puntata
- 1974 Milleluci 2a puntata
- 1974 Milleluci 3a puntata
- 1974 Milleluci 4a puntata
- 1974 Milleluci 5a puntata
- 1974 Milleluci 6a puntata
- 1974 Milleluci 7a puntata
- 1974 Milleluci 8a puntata
- Lo sconquasso universale
- 1974 Milleluci conclusioni
- 1974 Filo diretto con la Carrà
- 1975 prima parte
- 1975 seconda parte
- 1975 terza parte
- 1975 Curiosità
- 1976 prima parte
- 1976 seconda parte
- 1976 terza parte
- 1976 Curiosità
- 1977 prima parte
- 1977 seconda parte
- 1977 Curiosità
- Link foto
- 1978 prima parte
- 1978 seconda parte
- 1978 terza parte
- 1978 quarta parte
- 1978 L'intervista a Radio Taranto
- 1978 Curiosità e conclusioni
- Il sito di Rita Madaro: l'intervistatrice di Mina
- 1979 Nascita di una copertina
- 1979 Attila
- 1979 I singoli
- 1980 Singolo
- 1980 Kyrie
- Scuola di recitazione Dedalo - Milano
- 1981 I singoli
- 1981 Salomè
- 1982 Singolo
- 1982 Italiana
- 1982 Curiosità 1
- 1982 Curiosità 2
- 1983 Singolo
- 1983 Mina 25
- 1983 In spagnolo
- 1984 Intervista a Bernardini del 1991
- 1984 I singoli
- 1984 Catene
- 1984 La copertina di Catene
- Lo stupro della verità
- 1984 Sogno
- 1985 Singolo
- 1985 Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula
- 1985 Mina, Dracula e la copertina
- 1986 Singolo
- 1986 Sì buana
- 1986 L'Africa di Sì buana
- Sanremo, la musica è finita
- 1987 Proprio come sei
- 1987 Rane Supreme
- 1987 Titolo e copertina
- 1988 Oggi ti amo di più
- 1988 Ridi Pagliaccio
- 1989 Uiallalla
- 1990 Ti conosco mascherina
- 1991 Caterpillar
- 1992 Singolo
- 1992 Sorelle Lumiére
- 1992 Curiosità
- 1993 Mina racconta i Beatles per NOI
- 1993 Lochness
- 1994 Mazzini canta Battisti
 

FACEBOOK

 
 

 

« Contro la pena di morte1977 - Mina »

1977 - seconda parte

Post n°135 pubblicato il 12 Settembre 2007 da beppenovara

MINA CON BIGNE'

-         Da capo: Brano di apertura del disco che si presenta subito come il pezzo di punta. La canzone è strutturata in un crescendo emotivo ben sottolineata sia dal testo di Luberti che dalla musica di Cocciante: i pensieri e le azioni della protagonista che descrivono l’apatia morale e materiale in cui vive (cantati in modo quasi sussurrato) si susseguono fino a giungere alla consapevolezza rabbiosa di poter andare avanti dopo l’amore finito (con un’escalation di volume vocale perfetta) fino alla disperata arrendevolezza delle domande finali che non troveranno risposta (“ma per chi, ma perché?”).

-         Ma che bontà: Miglior esempio della Mina ironica. Gli arrangiamenti di Gianni Ferrio ben si accostano al gusto rétro e un po’ snob del personaggio impegnata in una serie di degustazioni gastronomiche.

-         Amante amore: Una Mina che segue ancora il filone erotico in voga all’epoca tra le cantanti italiane, questa volta su una musica esplicitamente da discoteca, che sembra fare anche da sfondo al testo della canzone: la ricerca di un incontro immediato e fugace senza implicazioni sentimentali (“strumento mio di una sera”). Spassosissima!

-         Oroscopo: Testo di Malgioglio e musica di Castellari per un brano delizioso. La ricerca di conferme negli astri nella speranza che l’amore possa manifestarsi in tutta la sua potenza. Un brano poco noto ma da riscoprire per la sua lucente bellezza: “E se non fosse vero/ la mia vita: uno zero/ se la notte mi vuole/ incrocio le braccia, nascondo la faccia./ Se mi prende in minore/ io lo amo in maggiore/ se mi dice divina/ lo sento davvero, rinnego lo zero”.

-         Balla chi balla: brano curioso e insolito per struttura e esecuzione. Il testo (tradotto portoghese da Giorgio Calabrese) presenta una sequenza frenetica di situazioni presentate come dei flash: tutto ciò viene strutturato su una musica ugualmente veloce e viene affrontato da Mina con voce acuta e quasi robotica. Uno spasso.

-         Giorni: Il ricordo e il rimpianto per i momenti felici di un amore vissuto, le immagini semplici ma cariche di una dolcezza quotidiana e rassicurante: e nel ritornello la conferma che in quei giorni “portavi un gusto che, non ritrovo più”. L’anima di Shapiro in questo brano è forte: e la sua struttura musicale ben si adatta a un testo così frammentato e singhiozzante. Appassionante.

-         Ormai: Pura ricca e imponente classicità. Atmosfera da opera e voce che fa sfoggio di tutta la sua bellezza e del suo colore cristallino che partendo dai toni bassi sale e si arrampica sul pentagramma per arrivare alla piena voce.

-         Tradirò: Prosegue dopo “Colpa mia” la collaborazione con Simonluca che regala a Mina dei momenti rock molto particolari e intuitivi. La rivalsa dura e rabbiosa di una donna di fronte ad un uomo che non si è rivelato “un campione d’onestà”.

-         Una ragazza in due: Remake già dei Giganti, anche qui la voce di Mina ha la possibilità di arrampicarsi sulla scala di note dimostrando una tecnica vocale invidiabile e pura.

-         Señora melanconia: La personificazione della malinconia presentata in questo brano intenso e perfettamente riuscito. Gli arrangiamenti contribuiscono a creare l’atmosfera giusta per un’interpretazione calibrata, emotiva ed emozionante.

-         La tua voce dentro l’anima: Atmosfera intimistica affrontata anche in questo caso con potenza orchestrale e con una intensa interpretazione vocale.

-   Che lui mi dia: Immagini forti e morbose che descrivono la disperazione provocata da un amore finito: si alternano patetiche illusioni, lei chiede un’ora per risvegliare il sentimento. Tra barlumi  di consapevolezza questa vana richiesta si tinge di angoscia e di alienazione. Questa canzone è di Chico Barque de Hollanda tradotta dal compianto Sergio Bardotti: un finale prestigioso per un disco che in generale si presenta di notevole qualità.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

QUESTA CANZONE (2011)

Video realizzato da Mauro Balletti

 

MINA: COME S E IO FOSSI LI'(2010)

 Il video realizzato da Fernando: come sempre il migliore!

 

 

MINA: LA CLESSIDRA (2010)

 

STO LEGGENDO:

 

FILM E DVD. IN QUESTI GIORNI HO VISTO...


 

PROPRIETA' FOTO

Le foto contenute in questo blog sono il frutto della fatica e della proprietà intellettuale di persone che fanno di questa arte un lavoro serio e rispettabile. Mi tengo ovviamente a disposizione di queste persone per eliminare le immagini usate, qualora la pubblicazione possa arrecare loro danno o fastidio.

Grazie, in ordine alfabetico, a Anna (per lo scanner), Andrea "Raffles306", ClaudioNA, Fabio, FedericoB, Francesco (Fortunato), MarioB,  MadameX e Maxbg per le foto.
E un grazie particolare a Loris per i preziosi suggerimenti iniziali.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Palermo4jerry742009dobermaaniz7hzvcavenati71dariodatarantoseb.midologiovanni.strazzullo3altamuraantonioludovico.galenoUgo.rosaridlsimonegino.daviddiarcadia70gcoformag
 

VISITE

free counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

Insisto:ne fanno un segreto dell'intervista 78 a Mina...
Inviato da: melinat
il 06/07/2011 alle 17:49
 
è uscito in contemporanea mondiale il CD Elena Ravelli: 50...
Inviato da: Simone
il 06/05/2011 alle 08:40
 
Ringrazio lei, maestro Bacchetta, della sua visita in...
Inviato da: beppenovara
il 28/03/2011 alle 21:10
 
Ringrazio l'autore della recensione per i lusinghieri...
Inviato da: Victor Bach
il 21/03/2011 alle 18:22
 
....ma le parole del testo chi le ha scritte????? STUPENDE
Inviato da: angela
il 13/11/2010 alle 09:51
 
 

FONTI

Le importanti fonti che mi permettono di portare avanti questo blog sono:

Paolo Belluso, Flavio Merkel: “Unicamente Mina” Gammalibri, 1983
Alberto Imparato: "MINA IN TV"
Loris Biazzetti, Antonio Bianchi: Le fanzine del Mina Fans Club
Fernando Fratarcangeli: "Mina talk", 2005
Romi Padovano: "I mille volti di una voce", 1998
Mina Disegnata Fotografata
TV Sorrisi e Canzoni

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31