Creato da beppenovara il 16/02/2007

Mina 1958 - 2011

Il tempo non passa mai con la musica della più grande cantante italiana

AREA PERSONALE

 

LA FOTO

 

TV SORRISI E CANZONI

 
SORRISI E CANZONI N°44 DEL 2002

 

IL CD DELLA SETTIMANA

MINACELENTANO (1998)

Acqua e sale
Brivido felino
Io non volevo
Specchi riflessi
Dolce fuoco dell'amore
Che t'aggia di'
Io ho te
Dolly
Sempre sempre sempre
Messaggio d'amore 

 

TUTTA MINA IN LINK

- Introduzione al blog
- 1959
- 1960
- 1961
- 1962-1963-1964
- 1965
- 1966 prima parte
- 1966 seconda parte
- 1967
- Sito ufficiale di Mina
- Mina Fan Club
- 1967 Sabato Sera
- Delirio spagnolo
- 1968
- 1968 Canzonissima
- 1969
- 1970 prima parte
- 1970 seconda parte
- 1971 prima parte
- 1971 seconda parte
- 1972 prima parte
- 1972 seconda parte
- 1972 terza parte
- 1972 La più imitata
- 1973 prima parte
- 1973 seconda parte
- 1974 prima parte
- 1974 Milleluci - presentazione
- 1974 Milleluci 1a puntata
- 1974 Milleluci 2a puntata
- 1974 Milleluci 3a puntata
- 1974 Milleluci 4a puntata
- 1974 Milleluci 5a puntata
- 1974 Milleluci 6a puntata
- 1974 Milleluci 7a puntata
- 1974 Milleluci 8a puntata
- Lo sconquasso universale
- 1974 Milleluci conclusioni
- 1974 Filo diretto con la Carrà
- 1975 prima parte
- 1975 seconda parte
- 1975 terza parte
- 1975 Curiosità
- 1976 prima parte
- 1976 seconda parte
- 1976 terza parte
- 1976 Curiosità
- 1977 prima parte
- 1977 seconda parte
- 1977 Curiosità
- Link foto
- 1978 prima parte
- 1978 seconda parte
- 1978 terza parte
- 1978 quarta parte
- 1978 L'intervista a Radio Taranto
- 1978 Curiosità e conclusioni
- Il sito di Rita Madaro: l'intervistatrice di Mina
- 1979 Nascita di una copertina
- 1979 Attila
- 1979 I singoli
- 1980 Singolo
- 1980 Kyrie
- Scuola di recitazione Dedalo - Milano
- 1981 I singoli
- 1981 Salomè
- 1982 Singolo
- 1982 Italiana
- 1982 Curiosità 1
- 1982 Curiosità 2
- 1983 Singolo
- 1983 Mina 25
- 1983 In spagnolo
- 1984 Intervista a Bernardini del 1991
- 1984 I singoli
- 1984 Catene
- 1984 La copertina di Catene
- Lo stupro della verità
- 1984 Sogno
- 1985 Singolo
- 1985 Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula
- 1985 Mina, Dracula e la copertina
- 1986 Singolo
- 1986 Sì buana
- 1986 L'Africa di Sì buana
- Sanremo, la musica è finita
- 1987 Proprio come sei
- 1987 Rane Supreme
- 1987 Titolo e copertina
- 1988 Oggi ti amo di più
- 1988 Ridi Pagliaccio
- 1989 Uiallalla
- 1990 Ti conosco mascherina
- 1991 Caterpillar
- 1992 Singolo
- 1992 Sorelle Lumiére
- 1992 Curiosità
- 1993 Mina racconta i Beatles per NOI
- 1993 Lochness
- 1994 Mazzini canta Battisti
 

FACEBOOK

 
 

 

« 1979 Nascita di una copertinaUn'ombra - 1970 - dalla... »

1979 Attila

Post n°171 pubblicato il 04 Novembre 2007 da beppenovara

Attila si apre con una canzone da vera disco-music, TIGER BAY. Mina, presentandola in anteprima nella sua trasmissione radiofonica Incontri musicali del mio tipo, una quindicina di giorni prima dell’uscita dell’album, annuncia entusiasticamente: “Ragazzi, sentite bene questa roba perché è proprio una novità…” E nello stesso periodo confida all’amico e giornalista Ranuccio Bastoni: “Mi sono divertita come una pazza a inciderla…”. Con MA CI PENSI invece abbiamo un brano classico, che più classico non si può, e proprio per questo sempre attuale nell’ascolto anche oggi. Il testo è di Nino Romano mentre la musica è di Federico Monti Arduini. L’arrangiamento di Giulio Libano è delicatissimo e, infine, meraviglioso è il suono dell’armonica di Bruno De Filippi.

SE IL MIO CANTO SEI TU: pubblicata in 45 giri ottiene un buon successo per la ventata fresca e giovane che sprizza da ogni nota e verso. Musica e arrangiamenti di Beppe Cantarelli, testo di Paola Blandi. Le note di NON TORNERO’ ci portano a una canzone epistolare in cui una donna racconta la propria esistenza fatta di orgogli, ripicche e disillusioni. Il testo di Paola Blandi è ricco di spunti e di immagini quotidiane alternate all’esplorazione dei sentimenti più intimi dall’amore al suo contrario: Cantarelli riesce a valorizzare il tutto con un arrangiamento mai invadente, donando a questa canzone la preziosità di una perla sempre troppo poco conosciuta. Entusiasmante sottoognni punto di vista è CHE NOVITA’: l'arrangiamento di Rudy Brass su un testo che racconta la noia nella coppia e la ricerca del sesso come soluzione a un dialogo ormai spento.

BONNE NUIT: arrangiata da Shel Shapiro è una dolce ninna nanna impreziosita da un testo non banale e da una voce delicata e allo stesso tempo pastosa, piena e convinta.

SENSAZIONI e IL VENTO: i due brani d’esordio di Massimiliano Pani con Valentino Alfano. E la giovinezza dei due autori vuole essere trasmessa sia nell’intenzione vocale di Mina sia nell’arrangiamento fortemente ritmico. E’ soprattutto grazie a Sensazioni, vero tormentone in radio in quel periodo, che Attila comincia a volare in classifica. Chiude il primo volume la starordinaria UN PO’ DI PIU’, splendida cover di Sergio Bardotti e Shel Shapiro, che l’ha riarrangiata per l’occasione. La versione originale è del 1972 per l’album “Sì incoerenza” di Patty Pravo: entrambe le versioni sono incentrate sul contratso tra l’iniziale moderazione e lo sfogo carico e rabbioso successivo. Per chi ama Mina, questo è un gioiello di passione in cui la vocalità impetuosa utilizzata porta a un risultato veramente entusiasmante. Il secondo volume si apre con DON’T TAKE YOUR LOVE AWAY che con i suoi 9 minuti e 5 secondi è la canzone più lunga in assoluto del repertorio di Mina. Arrangiamento di Shel Shapiro, elegante, delicato, che fila liscio come l’olio. ROCK AND ROLL STAR, così grintosa e pienamente rock, è un’invettiva efficace contro un uomo egoista ed egocentrico. Splendida anche nella versione spagnola. Delicatamente scorre FIORE AMARO, di Enrico Riccardi, arrangiato da Mike Logan, una gustosa filastrocca non sense con un contributo vocale soffice ed ironico.

Beppe Cantarelli commentò così a proposito della sua prestazione vocale in SEI META’: “Mina ed io non sapevamo più che cosa studiare per fare delle follie…. E così mi sono messo a cantare con lei, Come è andata? Non lo so, lo abbiamo fatto a livello di divertimento, è stato bellissimo…ma ho tanta paura di averle rovinato il disco del tutto….”. Due sono le storie da raccontare legate alle due prossime canzoni:

- ANCHE TU. A proposito di Tambien tu, la versione spagnola di questa canzone, é molto bella la testimonianza raccolta, dagli amici del Mina Fans Club, ad Abramo Pesatori, il tecnico del suono di allora: “Eravamo in sala d’incisione con il responsabile della casa discografica spagnola, che doveva seguire il testo della canzone. Mina lesse due volte il testo della canzone, volle sentire due volte la base, poi, senza fare alcuna domanda sulla pronuncia, incise il brano in un quarto d’ora. La registrazione era perfetta, l’esperto spagnolo sconvolto: “Ma che cosa sono venuto a fare io?” chiedeva smarrito. Si rendeva conto che una come Mina, con quell’istinto musicale straordinario, nasce una volta in un secolo….”.

- STREET ANGEL. Sul finire degli anni '70 si stava quasi per concretizzare un ambizioso progetto discografico diretto al mercato internazionale: un album completamente statunitense con canzoni realizzate per lei da un team americano. Teddy Randazzo avrebbe coordinato l'intero lavoro: l’album avrebbe dovuto essere completamente orchestrato negli studi siti negli USA e quindi spedito in Italia, dove Mina ci avrebbe cantato sopra. Tutto il progetto sfumò e fu realizzata un’unica canzone, questa bellissima Street angel, composta ed arrangiata da Randazzo insieme ad Eric Bulling. Rimanendo fedele alle direttive degli autori, Massimo Salerno ne ha curato l’arrangiamento.

CHE VOLGARITA’: opera di Malgioglio arrangiata da Pino Presti, ma non è segnato..chissà perché…

ANCHE UN UOMO: il brano segna l’esordio di Celso Valli come arrangiatore per Mina. Questo brano, diventato oggi uno dei classici di Mina è un remake: infatti era uscito come lato B di un singolo di Anselmo Genovese, l’autore. E’ stato poi ripreso da Mina appositamente per la nuova edizione di “Lascia o raddoppia?”: la presenza di Mike Buongiorno e di Ludovico Peregrini tra gli autori è puramente contrattuale: essendo loro gli autori della trasmissione in cui il brano veniva utilizzato come sigla, avevano il potere di firmare su tutto ciò che era legato alla trasmissione. Il loro apporto al testo perciò è del tutto inesistente.

SHADOW OF MY OLD ROAD: pura disco music ma lussuosa nella strumentazione ed ironica nell’esecuzione e nelle intenzioni. Sempre piacevole.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

QUESTA CANZONE (2011)

Video realizzato da Mauro Balletti

 

MINA: COME S E IO FOSSI LI'(2010)

 Il video realizzato da Fernando: come sempre il migliore!

 

 

MINA: LA CLESSIDRA (2010)

 

STO LEGGENDO:

 

FILM E DVD. IN QUESTI GIORNI HO VISTO...


 

PROPRIETA' FOTO

Le foto contenute in questo blog sono il frutto della fatica e della proprietà intellettuale di persone che fanno di questa arte un lavoro serio e rispettabile. Mi tengo ovviamente a disposizione di queste persone per eliminare le immagini usate, qualora la pubblicazione possa arrecare loro danno o fastidio.

Grazie, in ordine alfabetico, a Anna (per lo scanner), Andrea "Raffles306", ClaudioNA, Fabio, FedericoB, Francesco (Fortunato), MarioB,  MadameX e Maxbg per le foto.
E un grazie particolare a Loris per i preziosi suggerimenti iniziali.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

androma.pnaromantiniarmandoarpajajerry742009dariodatarantoKing.s_Pubnonsonosolomassaggimarziodgl13sudpacificoisp.spinelligiannipiciuccorossivenusemiliograzianiAdmin_giuborgiannimadaro
 

VISITE

free counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

Insisto:ne fanno un segreto dell'intervista 78 a Mina...
Inviato da: melinat
il 06/07/2011 alle 17:49
 
è uscito in contemporanea mondiale il CD Elena Ravelli: 50...
Inviato da: Simone
il 06/05/2011 alle 08:40
 
Ringrazio lei, maestro Bacchetta, della sua visita in...
Inviato da: beppenovara
il 28/03/2011 alle 21:10
 
Ringrazio l'autore della recensione per i lusinghieri...
Inviato da: Victor Bach
il 21/03/2011 alle 18:22
 
....ma le parole del testo chi le ha scritte????? STUPENDE
Inviato da: angela
il 13/11/2010 alle 09:51
 
 

FONTI

Le importanti fonti che mi permettono di portare avanti questo blog sono:

Paolo Belluso, Flavio Merkel: “Unicamente Mina” Gammalibri, 1983
Alberto Imparato: "MINA IN TV"
Loris Biazzetti, Antonio Bianchi: Le fanzine del Mina Fans Club
Fernando Fratarcangeli: "Mina talk", 2005
Romi Padovano: "I mille volti di una voce", 1998
Mina Disegnata Fotografata
TV Sorrisi e Canzoni

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31