Creato da vanessa.riva il 20/06/2008
 

Ma come si fa...

chi non muore si rivede!!!

 

 

Piccoli momenti di quotidianità...

Post n°171 pubblicato il 07 Maggio 2016 da vanessa.riva
 

Quando non hai dei figli dai per scontate delle attività quotidiane che quando arrivano i figli ti accorgi non essere così scontate... 

Per una vita sei andata in bagno ogni giorno, più volte al giorno, per espletare i bisogni, per truccarti, per farti una doccia, per esaminare i punti neri in viso alla luce impietosa della specchiera sopra il lavandino... Non hai prestato la giusta attenzione, non hai dato la meritata importanza a quei momenti!

 Se avessi saputo che per un bel pezzo quegli istanti di quotidianità così naturali non ci sarebbero più stati forse li avresti apprezzati di più!!!! 

Perché la verità è una ed inesorabile: quando hai un figlio piccolo lui ti segue dappertutto anche in bagno!!! 

E la doccia mattutina, prima momento catartico, diventa un incubo nel quale fai lo shampoo a velocità record che manco alla toilette per cani, ti passi il rasoio tagliuzzandoti tutte le gambe per la fretta che se in palestra ti prendono per autolesionista torto non ne hanno, il tutto accompagnato da urla e pugnetti sbattuti contro la porta del pargolo impaziente! 

E che dire di quando, armata di ogni bendidio del make-up, dedicavi 10/15 minuti al trucco? 

Oggi ti accontenti di passare alla meno peggio un po' di correttore sulle occhiaie perché altrimenti se ti prendono per tossica tanto torto non l'hanno, una striscia tremolante di eyeliner sulle palpebre (tremolante a causa del fanciullo appeso alla tua gamba che ti strattona per essere preso in braccio) e poi via a lavorare e sorridi comunque pensando che un giorno ritornerai padrona del tuo tempo e che comunque quelle manine cicciottelle che tamburellano sul vetro della porta ti mancheranno un po'...

 
 
 

Baby Jekyll & little Hyde

Post n°170 pubblicato il 06 Maggio 2016 da vanessa.riva
 

Mio figlio è uno di quei bambini dal visetto paffuto come gli angeli di Raffaello che quando sorride ti mette allegria con quella fila di dentini bianchi (11 di già) e l'espressione da simpatica canaglia! 

Non mi lamento -intendiamoci- è il tipico pargoletto che ovunque lo porti ti dicono: "è un angelo"! "Questo bimbo non si sente nemmeno!" 

E allora, da mamma ti riempi di orgoglio immaginando che le maestre quando la mattina lo porti a scuola non pensano "è arrivato il piccolo terminator" o che  gli amici non nasconderanno tutti i soprammobili della casa prima di invitarti a cena!!! 

Però c'è un però... 

Mio figlio è un esemplare di "baby Jekyll e little Hyde"!

 Un delizioso esempio di frugoletto che quando racconti alle amiche che con le sue urla è capace di bucarti i timpani in un nano secondo e di farti credere che quei gemiti striduli siano capaci di insinuarsi nel tuo cervello ed eroderlo inserorabilmente, loro ti ribattono che non può essere "perché è un santo"!!!

E che dire di quando gli scoppia improvvisamente la fame in piena notte e comincia ad urlare, buttandosi indietro ed inarcando la schiena come Linda Blair nell'esorcista??? 

Ed il cambio del pannolino durante il quale copiose lacrime rigano le guanciotte ciccione accompagnate da gemiti tali che prima o poi i vicini chiameranno il telefono azzurro? 

Glielo spiegate voi che pulire la sua cacca fa più male a me che a lui???? 

 

 
 
 

PRINCIPIO DI OTTIMIZZAZIONE

Post n°169 pubblicato il 05 Maggio 2016 da vanessa.riva
 

QUESITO: PU0' UNA MAMMA/LAVORATRICE AUTONOMA RIUSCIRE A LAVORARE, OCCUPARSI DEL PARGOLO/I E ANCHE DEDICARE UN PO' DI TEMPO A SE' STESSA?

ASSIOMA: La giornata è composta da 24 ore!

Il principio di ottimizzazione del tempo dovrebbe consentire alla mamma/lavoratice autonoma di riuscire ad assolvere ai diversi impegni contemporaneamente al fine di sfruttare la giornata che, come da premessa indiscutibile, è composta da sole 24 ore!

ESPERIMENTO N.1

Pomeriggio con prole: La "malcapitata cavia" tenti di occuparsi del pargolo - nel mio caso splendido esemplare maschio di monello di 13 mesi ancora non camminante ma agilmente e rapidamente gattonante- di mandare delle email di lavoro e di dare una forma accettabile al cespuglio arruffato che ha in testa dopo asciugatura rapida con phon nei 5 minuti che ha avuto a disposizione dopo la doccia.

In applicazione del principio di ottimizzazione decido di affidare al compositore vocale del mio cellulare il compito di scrivere la email di lavoro in modo da avere le mani libere per passarmi la piastra sui capelli.

Piccolo caterpillar nel frattempo è impiegato nella distruzione delle costruzioni futuristiche create la sera prima dal papà.

L'attività richiede pochi minuti perchè la sua vivace attenzione è subito attirata da tutto che ciò he tiene in mano la mamma!

Il gattino dalle sembianze umane si dirige verso di me con un preoccupante luccichio negli occhi... ancora non ho capito quale dei meravigliosi e misteriosi oggetti che sto maneggiando abbia catturato la sua attenzione.

Inizio dettatura email:

"Gentile collega, facendo seguito alla tua proposta transattiva - no amore la spazzola non si mette in bocca - formulata nell'interesse del tuo assistito - no amore l'olio essenziale per i capelli non è il tuo biberon - si precisa e rileva quanto segue - no amore nemmeno lo specchio puoi prendere - Il mio cliente sarebbe disposto a raggiungere l'accordo proposto -va bene prendi la spazzola che è meglio della piastra bollente!!!!

Esperimento n. 1 fallito miseramente!

Risultato: Capelli mezzi lisici e mezzi mossi (prima o poi andranno di moda o no??????); mail di lavoro da riscrivere; bimbo mangiaspazzola da arginare!!!!!!!!!

 
 
 

A volte ritornano...

Post n°168 pubblicato il 04 Maggio 2016 da vanessa.riva
 

Dopo più di due anni più vecchia e forse anche un po' più saggia grazie al piccolo incoraggiamento di una super donna che la blogger la fa di mestiere, rieccomi qui!

Ho deciso di rispolverare il mio avatar Vanessa Riva e di ricominciare a scrivere un po'...

L'ultimo post che ho scritto riguardava le mie imminenti nozze ... potrei rendere più interessante il post raccontando di colpi di scena, o di un matrimonio da fiaba come quello di William e Kate (che nel frattempo hanno pure fatto la doppietta con i pargoli), ma in realtà è stato un bellissimo matrimonio con soli 65 invitati, celebrato con rito civile seguito da un abbondante banchetto in un noto e pittoresco locale della mia città!

Ma considerato che sono già trascorsi più di due anni, non parlerò delle mie ormai trascorse nozze, anche perchè nel frattempo è pure arrivato il mio meraviglioso bimbo che ora ha 13 mesi e la mia vita è cambiata completamente!!!!!!!!!!!

Sono una di quelle felicissime e sempre di corsa mamme, un po' isteriche a causa dei mille impegni, che cerca ancora di capire se veramente il corpo umano può sopravvivere alla mancanza di sonno e per quanto tempo  e la domanda che oggi mi pongo e che ha pure surclassato il "ma che gli faccio agli uomini" dei tempi d'oro è:"ma come si riesce a far tutto?" - e soprattutto: si può davvero essere delle buone mamme/mogli/professioniste/amiche/sorelle/casalinghe contemporaneamente?

O ci dobbiamo rassegnare ad essere quello che ci viene di volta in volta, a seconda delle giornate, e sperare che almeno  due o tre cose della lista di cui sopra ci riesca bene?

Con questo interrogativo mi accomiato dal mio nuovo inizio su questo blog...

Mio figlio ha appena tirato giù tutti i libri della libreria altezza "nano di 80 cm e qualcosa!"

 
 
 

FIORI D'ARANCIO

Post n°167 pubblicato il 11 Ottobre 2013 da vanessa.riva
 

Ok, lo ammetto! Mi atteggio a donna super moderna, indipendente ed in effetti lo sono... ma anche io sin da piccola sogno il giorno del mio matrimonio ed ora che sta arrivando non sto più nella pelle!

Perché la verità è che, nonostante l'emancipazione, le battaglie delle femministe, i reggiseni bruciati, io credo che nel cantuccio del cuore di quasi (?) tutte le donne vi sia un posto riservato al sogno di essere una bellissima sposa (compatibilmente con ciò che la natura ci ha donato ovviamente!)

Quando io ed il mio futuro marito abbiamo deciso di convolare a nozze, io, dalla donna moderna che sono, ho detto: niente stupide formalità, niente confetti, niente partecipazioni...

Sono una buffona!!!!! i buoni propositi si sono dissolti come neve al sole... ed eccomi girare in un negozio a visionare sacchetti, sacchettini, veli, fiorellini per scegliere le bomboniere che più si addicessero ad i miei gusti...

Un mese dopo i buoni propositi avevo già i confetti, le partecipazioni con il cuoricino, il top cake (che poi sono gli omini che vanno sulla torta!!!) e la promessa del mio futuro marito che ci scambieremo "le promesse" come si vede nei film americani!!!!

BARBIE SPOSA, questa è colpa tua!!!!!!!!!! Con il tuo vestito di pizzo color avorio, l'acconciatura ed il bouquet ti sei insinuata nella mente malleabile di una giovane vita e le hai instillato il tarlo del matrimonio!!!

 
 
 

e se...

Post n°166 pubblicato il 04 Settembre 2013 da vanessa.riva

E se le giornate fossero di 48 ore, si andrebbe sempre di corsa oppure le 24 ore in più verrebbero impiegate per prendere la vita con più relax????

A volte penso che mi potrebbero bastare 24 ore in più al giorno: 4 ore in più per dormire così la mia pelle rimane liscia e luminosa, 2 ore in più per fare sport, 2 ore al giorno per imparare una nuova lingua, 4 ore da dedicare agli altri e 16 ore di stato vegetativo!!!!!!

Ok, sono pazza .... forse è meglio che le giornate siano di 24 ore, ma a volte sembra che non bastino affatto per fare tutto quello che devi e/o vuoi fare ... tipo scrivere cazzate sul mio blog per esempio!

 Ci sarebbe da dire: "tutto questo tempo senza scrivere e oggi trovi 5 minuti per delirare?".

Si, perché forse ogni tanto ci vogliono 5 minuti al giorno (anche di più se è possibile) per prendersi meno sul serio e "delirare un po'" ... la vita è bella anche per questo!!!

 
 
 

SE I MAYA AVESSERO RAGIONE... PARTE SECONDA!

Post n°165 pubblicato il 20 Dicembre 2012 da vanessa.riva

Secondo la profezia Maya oggi dovrebbe essere l'ultimo giorno prima della fine del mondo...

A parte che mi dispiacerebbe avere trascorso le ultime settimane a lavorare come una pazza piuttosto che entrare in ferie anticipate, spendere tutti i risparmi (pochi!) per togliersi qualche sfizio e soprattutto senza avere ricordato a tutte le persone che amo quanto le amo!!!

Anche se ti tratta solo di una profezia infondata e che il mono domani, e dopo domani, e l'altro giorno ancora, e così via, ci sarà ancora, sarebbe bello che ognuno di noi stanotte la vivesse al massimo senza sprecare nemmeno un istante, come se fosse l'ultima...

 
 
 

SE I MAYA AVESSERO RAGIONE...

Post n°164 pubblicato il 29 Novembre 2012 da vanessa.riva

... e il mondo finisse fra meno di un mese, cosa fareste per impiegare il tempo che ci rimane?

A partire della profezia, alla quale onestamente non credo affatto, ho fatto una riflessione - o se vogliamo un bilancio - su quello che ho fatto, che non ho fatto e che vorrei fare ancora nel resto della vita che rimane.

Forse se pensassimo che non c'è un lungo futuro davanti a noi, ma solo 22 giorni, riusciremmo a dire o a fare quello che non abbiamo avuto il coraggio di dire o fare in un'intera esistenza?

Non ho una risposta a questa domanda, ma sicuramente posso affermare che la vita ci mette davanti a delle scelte e che io spesso, come tanti altri, ho scelto la strada del pragmatismo e della praticità a discapito di quella molto più incerta del "quello che vorrei veramente dalla vita"...

Forse bisognerebbe credere di più ai propri sogni, che alle profezie vecchie di secoli!!!

E se, anzichè la fine, fosse l'inizio?

L'inizio non so di cosa, ma sperare non costa nulla, no?

 
 
 

EROI SENZA BANDIERA...

Post n°163 pubblicato il 20 Novembre 2012 da vanessa.riva
Foto di vanessa.riva

MARIA SANTOS GORROSTIETA 30 ANNI UCCISA DAI NARCOS...

Non c'è bisogno che si tratti di un connazionale per ricordare, commemorare e piangere un eroe... un eroe non ha bandiera, nè nazionalità, è un esempio, è una speranza...

Di Maria Santos Gorrostieta si è sentito parlare troppo poco in Italia, ma il fatto che fosse messicana e che abbia combattuto una battaglia per il suo Paese non significa che non possa essere considerata un'eroina anche da un'italiana come me.

Sono tanti i sentimenti che ha suscitato in me la storia di questa giovane donna...

RABBIA per una vita stroncata in maniera violenta e prematuramente!

AMMIRAZIONE per il coraggio dimostrato...

COMPASSIONE per il suo corpo offeso e mutilato dalla colonstomia che le aveva permesso di continuare a vivere...

ODIO per chi quella vita alla quale lei si era aggrappata con coraggio e forza, gliel'ha portata via...

Ho deciso di allegare al post una foto di Maria Santos Gorrostieta che sorride, probabilmente sarebbe meglio ricordarla così nella speranza che se c'è una vita ultraterrena lei possa avere ritrovato il sorriso e, perchè no, anche il marito che era morto qualche anno fa nel corso di uno dei tre attentati che lei aveva subito.

Due anni fa aveva deciso di farsi fotografare per mostrare a tutto il mondo il suo corpo ferito e mutilato a causa dell'attentato subito...

"Ho voluto mostrarvi il mio corpo ferito, mutilato e vessato perché non mi vergogno di lui, perché è il risultato di grandi disgrazie che hanno segnato la mia vita, quella dei miei figli e della mia famiglia" aveva scritto nella rivista del Comune di Tiquicheo Contacto Ciudadano. "Il mio corpo mutilato parla da solo, come una prova di quanto siamo vulnerabili, della fragilità della nostra vita e dei disegni di Dio, sempre presente nella vita quotidiana" (Fonte Rotta a Sud Ovest http://rottasudovest.typepad.com/rotta_a_sud_ovest/2012/11/i-narcos-uccidono-maria-santos-sindaco-coraggio-che-aveva-fotografato-le-sue-ferite.html)

Pochi giorni fa è arrivata la notizia che il corpo, di nuovo e per l'ultima volta vessato da torture e sofferenza, di Maria Santos Gorrostieta  è stato trovato senza vita.

Maria Santos Gorrostieta era stata sindaco di un piccolo Paese messicano, Tiquicheo, ha combattuto la sua battaglia contro i Narcos con coraggio... solo un proiettile alla nuca è riuscita a fermarla.

 

 
 
 

PUBBLICITA' REGRESSO!!!

Post n°162 pubblicato il 09 Ottobre 2012 da vanessa.riva

Quest'oggi, mentre camminavo a bordo del mio scooter, un manifesto pubblicitario posto sul retro di un autobus ha attirato la mia attenzione mentre, in sosta, attendevo che il semaforo diventasse verde...

Due glutei marmorei di donna, mal celati da uno striminzito perizoma, troneggiavano sul retro del mezzo pubblico... Quando ho letto lo slogan ed ho scoperto che trattavasi della pubblicità di una compagnia telefonica locale, un interrogativo si è affacciato nella mia mente:

MA CHE DIAVOLO C'ENTRA UN CULO - un bel culo devo essere sincera - con la pubblicità di una compagnia telefonica???

Già, tempo addietro, ero rimasta stupita della pubblicità di una mozzarella raffigurante due enormi seni fasciati da un bikini a triangolo che poco lasciava all'immaginazione, ma - lascivia a parte - potevo congliere un non so che di attinente con il prodotto reclamizzato... ma tra le chiappe di una donna ed una compagnia telefonica non riesco proprio a trovare un aggancio!

Ormai, per vendere qualsiasi cosa bisogna propinare donne nude in tutte le salse e allusioni sessuali?

E' necessario, per pubblicizzare vernici e prodotti simili, propinare un'improbabile cameriera/colf - con tanto di divisa di un paio di taglie più piccola - sexy ed ammiccante alla quale il titolare con espressione da satiro dice: "Brava, Giovanna, brava... "

Se ci tolgono pure Giovanni Rana è proprio la fine!!!

 
 
 

SAGGEZZA O DELIRIO DEL VENERDI' MATTINA?

Post n°161 pubblicato il 05 Ottobre 2012 da vanessa.riva

Questa  mattina, mentre stavo andando a lavorare, ho visto un'intera scolaresca aggirarsi per il centro, probabilmente per una gita: un ragazzino ed una sua compagna si tenevano per mano - o forse dovrei dire che lui la trascinava mentre lei parlava al cellulare - gruppetti di adolescenti truccatissime camminavano vicine vicine come se fossero incollate, studenti e studentesse sui quindici anni avevano invaso un'intera piazza con le loro risate ed il loro baccano...

Non dico che vorrei tornare adolescente, o ritrovarmi di nuovo al liceo... che periodo straordinario e mostruoso allo stesso tempo!

Ma, se devo essere sincera, ho provato un briciolo di malinconia per quell'età spensierata!

Quando si è adolescente ci si sente pieni di problemi a causa dell'acne, della linea non sempre perfetta -il seno piccolo o troppo grande, il giro vita non abbastanza stretto, una piccola statura, ecc. - o le mancate attenzioni del ragazzo del nostro cuore che le concede alla tua migliore amica, ed ancora i genitori che sembrano non capirti, i professori che ti assillano con la Divina Commedia...

Solo quando cresci e ti scontri con la realtà, con i problemi quotidiani delle bollette, dell'affitto, delle tasse, del bollo, dell'assicurazione, della vita di coppia, del rimandare continuamente una vacanza o di fare un figlio, allora vorresti avere un grosso brufolo sulla fronte - che coprirai con il correttore rubato a tua madre o con la frangetta - piuttosto che essere adulta e dirti: fatti forza, è venerdi... domani non si lavora!

 
 
 

OGNI MALEDETTO LUENDI'...

Post n°160 pubblicato il 01 Ottobre 2012 da vanessa.riva

Ogni maledetta domenica era il titolo di un film di Oliver Stone... lo prendo in prestito giusto per mandare le mie invettive al solito lunedì!

Forse è il giorno più odiato e bistrattato di tutta la settimana, tranne per titolari di negozi e adetti alla parrucchieria - per i quali il lunedì mattina è di solito giorno di chiusura - il lunedì mattina è il giorno in cui la vasta gamma degli appartenenti alla specie umana si esibisce nelle performance più strane...

Chi non ha ricordo di un/a prof. che arrivava il lunedì mattina in classe con il viso gonfio ed il segno del cuscino stampato in maniera apperentemente indelebile sulla guancia del/la malcapitato/a?

A chi non è mai capitato di essere convinto veramente e sinceramente che "questo lunedì se mi alzo dal letto non sopravviverò!"

Chi non hai mai visto un pover'uomo - o povera donna - competere in un'impari gara contro l'autobus che inesorabilmente si avvicina alla fermata troppo presto per le gambe affaticate di chi la domenica a pranzo ha mangiato quel che basta per sfamare un esercito e fermarsi ad osservare l'individuo accasciarsi sulla panchina della fermata con il fiatone e lo sguardo di chi sa che anche questo luendì arriverà in ritardo a lavoro!

Alzi la mano chi, appena sveglio, nonha mai  bofonchiato parolaccie e/o insulti nei confronti del datore di lavoro, maledetto schiavista che non istituisce il "lunedì mattina free", o comunque nei confronti di qualsiasi persona e/o ragione che lo obbliga ad abbandonare il letto prematuramente il lunedì mattina...

Manca poco, solo 14 o 15 ore e finalmente tornerò a dormire ed il lunedì sarà passato... anche per questa settimana!

 
 
 

IL PRIMO BACIO NON SI SCORDA MAI (?)

Post n°159 pubblicato il 30 Settembre 2012 da vanessa.riva

E' passato tanto tempo dall'ultima volta che ho scritto nel mio blog... forse sarà stata la malinconia a farmi venire in mente l'argomento del mio post, forse il guardare la mia nipotina che si affaccia nell'adolescenza mi ha fatto ricordare quanto sia meraviglioso e mostruoso quel periodo della vita!

Il mio primo bacio, anche se è passato circa un ventennio, me lo ricordo ancora...

Chissà se quando avrò 50 o 60 anni me lo ricorderò ancora, o se rammenterò solo alcuni dettagli o forse niente!

Sono una degli ultimi romantici, o il primo bacio è ancora una tappa importante della vita di una persona tanto da non dimenticarne i tempi, i modi, gli odori, i colori e tutti gli altri particolari?

Mi piacerebbe sapere se le altre persone ricordano ancora il nome del primo/a persona che ha fatto loro battere il cuore... se hanno memoria delle sensazioni di quel momento, della prima volta che le proprie labbra hanno incontrato quelle di un'altra persona, dello smarrimento, della sorpresa e dell'eccitazione provati.

Non voglio essere troppo fiabesca: la verità è che accanto a tutte queste emozioni, spesso, quel primo bacio ci fa credere che non sia tanto speciale... non sapevamo come muoverci, dove mettere le mani, come muovere la lingua! Cavolo, non riesco a trattenere un sorriso se ci penso!

Forse sto invecchiando un po', forse è la domenica che mette un po' di malinconia...

 
 
 

12 E 13 GIUGNO REFERENDUM

Post n°158 pubblicato il 12 Giugno 2011 da vanessa.riva
 

RIECCOMI QUI DOPO TANTO TEMPO!

tORNO IN TEMPO PER COMPLIMENTARMI CON IL 40 % DEGLI ITALIANI CHE E' GIA' ANDATO A VOTARE ... MANCA POCO PIU' DEL 10% AFFINCHE' IL REFERENDUM RAGGIUNGA IL QUORUM.

AL DI LA' DEL VOTO CHE SI ESPRIME (IO STO CON I SI) E' IMPORTANTE CHE TUTTI VADANAO A VOTARE.

IL REFERENDUM E' LO STRUMENTO PIU' DEMOCRATICO CHE IL NOSTRO CARO LEGISLATORE CI HA REGALATO ... USIAMOLO! NON NASCONDIAMO SEMPRE LA TESTA SOTTO LA SABBIA INCOLPANDO I POLITICI (DI DESTRA, SINISTRA, CENTRO E BANDERUOLE VARIE) CHE L'ITALIA VA ALLO SFASCIO.

FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE UNA VOLTA TANTO.

CHIEDO A QUEL 10 % DI ITALIANI CHE ANCORA NON HA VOTATO PERCHE' FORSE ERA FUORI PER IL WEEKEND DI IMPIEGARE CIRCA 10 MINUTI DEL PROPRIO TEMPO, MAGARI PRIMA DI ANDARE A LAVORO (O ALL'UNIVERSITA', AL SUPERMERCATO, ECC.) PER ANDARE AL SEGGIO A VOTARE.

DEMOCRAZIA SIGNIFICA GOVERNO DEL POPOLO ... E ALLORA ITALIANI ANCORA UNO SFORZO, FORSE DOPO PIU' DI 20 ANNI ABBIAMO DECISO DI FARE SENTIRE LA NOSTRA VOCE?

 
 
 

ROYAL WEDDING

Post n°157 pubblicato il 30 Aprile 2011 da vanessa.riva
 

Finalmente si sono tenute le nozze di William e Kate! Dopo settimane di tormentone mediatico ieri sono state celebrate le nozze dell'anno tra il Principe inglese William e la borgehese Kate Middleton.

Chi non ha visto nemmeno un minuto della cerimonia alzi la mano!

Ebbene, ad essere sincera io ho seguito, il post cerimonia in diretta su Sky, ho visto gli high lights ... probabilmente era impossibile non imbattersi nelle immagini delle nozze regali accendendo la tv.

Al di là di come andrà questo matrimonio (ovviamente auguro ai due giovani sposi ogni bene) non posso negare che, per alcuni momenti, mi è sembrato di vedere rappresentata una di quelle favole che, da bambine, i genitori ci leggevano prima di dormire!

La carrozza con i cavalli, il lungo teppeto rosso sul quale ha sfilato la futura sposa.

Una ragazza senza blasone che sposa il principe ereditario che un giorno diventerà re del Regno Unito!

Lei con il suo abito sobrio, forse poco da favola ma molto elegante, la tiara di brillanti prestata dalla Regina, i paggetti e le damigelle bellissimi come bambole di porcellana... e lui con l'uniforme rosso scarlatto, il contegno tipico dell'applomb inglese smorzato da uno sguardo liquido e da un labbro inferiore un pò tremante ... ditemi se non sembrava un pò la favola di un Cenerenotola moderna con le dovute differenze ovviamente!

La giovane Kate, infatti, ancor prima di diventarela Duchessa di Cambridge era tutt'altra che povera al contrario della fiabesca eroina!

Volendo essere un pò più concreti, bisognerebbe evidenziare che Kate avrà probabilmente più oneri che onori, avere una suocera come Camilla, una nonna acquisita come la regina Elisabeth , dover rispettare continuamente l'etichetta, doversi confrontare con i membri della monarchi inglese e con le aspettative dei sudditi.

Queste e tantissime altre potrebbero essere le eccezioni sollevate per sostenere che quella di William e Kate non sia un'autentica favola moderna... ma oggi voglio essere libera di sognare e credere che, ogni tanto, o almeno una volta nella vita, anche se per poco tempo, le favole possano diventare realtà

 
 
 

E' UNO SCHERZO VERO?

Post n°156 pubblicato il 01 Aprile 2011 da vanessa.riva
 

CONSIDERATO CHE OGGI E' IL PRIMO APRILE, LA GIORNATA DEL FAMOSO PESCE DEDICATA AGLI SCHERZI ED ALLE BURLE, MI ASPETTO DA UN MOMENTO ALL'ALTRO CHE VENGA RIVELATO AL TG QUELLO CHE NON PUO' NON ESSERE UNO SCHERZO!

LA CAMERA DEL SENATO, E RIPETO LA CAMERA DEL SENATO, NON LA CASA DEL GRANDE FRATELLO, SI E' RESA PROTAGONISTA DI SCENE CHE, SE NON SI TRATTASSE DELLE PERSONE A CUI OGNI GIORNO AFFIDIAMO IL DESTINO DELLA NOSTRA NAZIONE, SI POTREBBERO DEFINIRE UNO SPETTACOLO DI CABARET CHE DAREBBE FILO DA TORCERE A ZELIG O AL SATURDAY NIGHT LIVE (QUELLO VERO OVVIAMENTE NON LA BRUTTA COPIA ALL'ITALIANA!)

GIORNALI LANCIATI IN TESTA, VAFF... LANCIATI COME SI FA ALLO STADIO, SEDUTE SOSPESE, DEVE ESSERE PER FORZA UNO SCHERZO!

NON PUO' ESSERE CHE IN SENATO SI METTANO A LITIGARE IN UN MODO COSì INFANTILE MENTRE SI RISCHIA UN PERICOLOSO CONFLITTO MONDIALE CON LA LIBIA, MENTRE UN TENENE COLONNELLO DELLA FOLGORE RISCHIA UNA MANO ED UN OCCHIO A CAUSA DELL'ESPLOSIONE DI UN PACCO BOMBA, MENTRE LE REGIONI DEL SUD SONO SOMMERSE DA PROFUGHI DISPERATI CHE NON SANNO DOVE RIFUGIARSI!

DEVE ESSERE PER FORZA UN PESCE D'APRILE! ATTENDO CONFERMA...

 
 
 
 
 

UOMINI, DONNE E TECNOLOGIA

Post n°154 pubblicato il 07 Marzo 2011 da vanessa.riva

Ho un pò di malinconia per gli anni in cui l'amore, l'amicizia, addirittura i pettegolezzi non dipendevano dalla tecnologia.

Ricordo ancora l'imbarazzo di dover chiamare a casa del ragazzino che ti piaceva e rispondeva sempre la mamma o addirittura ( e quello era il massimo dell'imbarazzo) il fratello maggiore e sentivi il suo tono di presa in giro mentre passava la telefonata al fratellino dicendogli "c'è una ragazza al telefono con te".

Se un ragazzo/a ti interessava dovevi prendere il coraggio a due mani e chiamarlo/a a casa e, quando si andava sotto casa sua, dovevi citofonare non si poteva mandare un sms per dirgli di uscire!

Questo, ovviamente, era prima dei telefonini, prima delle mail, prima del messenger, di facebook o di twitter!

Ormai un ragazzo ad una ragazza non chiede più il numero di telefono, ma il contatto di facebook!

Più mi guardo attorno e più vedo ragazzi/uomini che non sanno più come si corteggia una donna senza il filtro di un minimo di tecnologia.

Ragazzi e ragazze che si scambiano 50 sms a testa anzichè chiamarsi al telefono e conversare senza utilizzare frasi short!

Anche il classico invito a cena ormai è superato! Andare a prendere un caffè per chiaccherare e conoscersi è out!

Ci si conosce prima su facebook, si valuta una persona dal suo profilo, da quanti amici ha (ci sono persone che arrivano anche a 1000 amici) e poi magari ci si incontra, casualmente (?) in un locale e si scambiano quattro parole dal vivo anzichè nel cyberspazio!

Anche gli incontri casuali sono ormai roba vecchia perchè basta guardare i continui aggiornamenti di facebook per sapere dove una persona si trovi minuto per minuto...

Si perchè non c'è bisogno di essere a casa davanti al pc per accedere al noto social network perchè è sempre a portata di mano sullo smartphone o sul tablet!

E se domani i ragazzi/uomini avranno voglia di festeggiare la festa delle donne, per favore regalate un fiore vero, di quelli che profumano, non mandate faccine, emoticon, o mms raffiguranti un mazzo di fiori!

Perchè la tecnologia è bella, ma il contatto vis à vis è sempre meglio!

 
 
 

CE N'E' PER TUTTI

Post n°153 pubblicato il 21 Febbraio 2011 da vanessa.riva

Dato che per adesso va di moda esprimere le proprie opinioni in maniera bipartisan (Luca Bizarri durante la finale di Sanremo ha espresso in maniera colorita il suo disappunto per questo clichè impostogli dalla dirigenza rai ...dategli torto!) oggi voglio esprimiere il mio rammarico un pò verso tutto il mondo della politica.

CE L'HO CON BERLUSCONI CHE RIMANE ATTACCATO AD UN RUOLO CHE PERDE VALORE E CREDIBILITA', A LIVELLO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, OGNI GIORNO DI PIU'!

CE L'HO CON BERSANI ED IL SUO PD, A CUI HO DATO IL MIO VOTO E CHE MI HA RAPPRESENTATO IN MANIERA POCO EFFICACE, A VOLTE STERILE, NEL CORSO DI QUESTA LEGISLATURA ... LA POLITICA NON E' UNA PARTITA DI CALCIO AD ELIMINAZIONE DIRETTA: CHI PERDE HA COMUNQUE IL DOVERE DI RAPPRESENTARE IL VOTO DI CHI HA CREDUTO IN LORO;

CE L'HO CON GIANFRANCO FINI CHE HA PECCATO DI POCA COERENZA RIMANENDO SEDUTO SULLA SUA POLTRONA DI PRESIDENTE DELLA CAMERA PUR NON ESSENDO PIU' D'ACCORDO CON IL PARTITO CON IL QUALE E' STATO ELETTO;

CE L'HO CON QUEI POLITICI-BANDERUOLE CHE PASSANO DA DESTRA A SINISTRA, DA SINISTRA A DESTRA E DAL CENTRO IN TUTTE LE DIREZIONI CON LA STESSA FACILITA' CON CUI PASSANO DA UN DOPOBARBA ALL'ALTRO;

CE L'HO CON I GIORNALI CHE CONTINUANO AD ASSILLARCI CON IL RUBYGATE: I PROCESSI SI FANNO NELLE AULE DI TRIBUNALE, NON SULLA CARTA STAMPATA;

CE L'HO CON I MAGISTRATI CHE PERMETTONO CHE LE INTECETTAZIONI VENGANO SBANDIERATE SUI GIORNALI, DIMENTICANDO CHE IL DIRITTO DI CRONACA E' IMPORTANTE, MA LE SEGRETEZZA DELLE INDAGINI LO E' ALTRETTANTO!

CE L'HO CON NIKI VENDOLA CHE E' UN UOMO PER IL QUALE HO GRANDISSIMA STIMA, MA CHE FORSE NON CREDE NEMMENO LUI CHE UN PARTITO DI MINORANZA POSSA FARE LA DIFFERENZA;

CE L'HO CON GLI ITALIANI CHE PERNSANO CHE LA POLITICA LA DEBBANO FARE SOLO I POLITICI E CHE, ANDANDO A VOTARE, IL LORO COMPITO TERMINI LI';

CE L'HO CON CHI CREDE CHE TUTTI I POLITICI POSSANO ESSERE COMPRATI E CHE L'INTERSSE CHE PERSEGUONO SIA SOLO IL LORO: ALLORA NON ANDATE NEMMENO A VOTARE!

CE L'HO CON CHI DICE: "TANTO LE COSE NON SI POSSONO CAMBIARE"!

 
 
 

La rivincita della coppa A

Post n°152 pubblicato il 19 Febbraio 2011 da vanessa.riva

Navigando su internet mi sono imbattuta in un articolo posto sull'homepage di libero intitolato "Piccolo è bello".

Onde evitare facili battute o imbarazzanti equivoci, spiego subito che si riferisce al seno delle donne ... non a qualche altra parte del corpo umano! Pure io non sono riuscita ad esimermi dalla battutaccia scontata!

Comunque, l'articolo spiegava i pregi del décolleté in formato mignon rispetto al più amato e sopravvalutato (?) davanzale di grandi dimensioni!

Chi ha un seno piccolo può dormire a pancia in giù, non vedrà il suo seno oscillare su e giù come due rigogliose mozzarelle di bufala mentre fa jogging, non subirà i fastidiosi mal di schiena dovuti al portarsi appresso le due ingombranti amiche!

E che dire dell'ampia scelta riservata alle taglie small nei negozi di biancheria intima?

Le maggiorate sono spesse costrette ad acquistare reggiseni che fungono da resistenti impalcature per evitare che il balcone straripi fuori!

Si dice che il seno perfetto sia quello a coppa di champagne, cioè quello che ha le dimensioni perfette per stare dentro la coppa al posto delle bollicine.

Quindi, care amiche, basta invidiare il seno generoso di Belen Rodriguez che nelle ultime sere c'è stato servito in tutte le salse, diciamo basta ai nostri uomini che strabuzzano gli occhi davanti alle curve mozzafiato di Ainett Stevens (la gatta nera).

Il futuro è di noi donne dal seno piccolo, ma comodo!

Riassumiamo: noi possiamo dormire a pancia in giù indossando  un'infinita varietà di biancheria intima, non soffriamo di mal di schiena e corriamo leggere e felici come gazelle...

E se questo non vi da conforto pensate ad una cosa: le legge di gravità.

Il nostro piccolo seno non cadrà rimarrà lassù al suo posto, fiero ed orgoglioso, anche quando saremo più in là con gli anni!

 
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 1
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

aristocraticvanessa.rivapinkhotelxniki84xalexdino1970mac220473marmonte1968marcienne71liberato77.lenrico505shantjetobias_shufflelaeternavenerev.s
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: vanessa.riva
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: MI
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20