Creato da marina3210 il 28/12/2009
di tutto e di più

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

Ultime visite al Blog

carloguggiasaldo1212aPerturbabilemanueldaromaPerturbabiIemarina3210nahansvetlana90francesca_84tu_e_iodgl1tanmikil.caso_roby4das.silviamatteo.takgreen357
 

Ultimi commenti

Salutami Tanto Max Piazza Eco..y ahahahahahaha
Inviato da: carloguggias
il 09/01/2022 alle 02:02
 
lo so, tutto finisce... ma a volte dispiace.
Inviato da: svetlana90
il 10/01/2018 alle 23:44
 
Ops, sono stato un vero cafone... Estendo l'abbraccio...
Inviato da: panglos
il 24/09/2014 alle 07:52
 
By Panglos's [no] Blog
Inviato da: panglos
il 09/09/2014 alle 09:48
 
Benedetta Benedetta... ove mai ripasserai di qui Panglos...
Inviato da: panglos
il 09/09/2014 alle 09:48
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Troppo bella

C'era una volta - parte prima

Post n°28 pubblicato il 07 Novembre 2013 da marina3210

            

               C’erano una volta gli scompartimenti, piccoli paradigmi di una società andata. I treni erano divisi in vagoni, i vagoni in scompartimenti, ogni scompartimento in due file contrapposte fra loro in modo che ci si potesse ben guardare in faccia.

 

            Ogni scompartimento rappresentava un microcosmo; nei limiti del possibile, dopo una rapida occhiata dal corridoio - altro mitico luogo di fugaci incontri – ti sceglievi il tuo: quello vuoto se avevi litigato con il tuo ragazzo e ti accorgevi, per la prima volta, di odiare il mondo; quello con il signore che leggeva tranquillamente se c’era in cantiere un esame e avevi bisogno di ripassare; quello con la famigliuola in vacanza se fuori c’era il sole e la vita ti sorrideva. Tralasciamo, ma scagli la prima pietra chi non l’ha fatto, le scelte effettuate quando il viaggio era lungo e il tramonto imminente: nei sogni di generazioni di ragazzi un posto in primo piano l’hanno sicuramente occupato inenarrabili avventure d’una notte a bordo del convoglio dei sogni.

 

            Ricordo, con grande nostalgia, polpette al sugo sgocciolanti (sui miei appunti di fisica) durante il tragitto dal contenitore aperto sulle ginocchia della mamma alla mia destra, fino alla bimba seduta alla mia sinistra, un bacio da brividi in galleria dallo sconosciuto che mai più rividi, complice il libro del momento emozionalmente condiviso; la notte di Vermicino, in un treno per Roma, e l’intera popolazione di quel convoglio affacciata ad ogni fermata ad offrire a chi era a terra, stazione per stazione, sguardi di speranza.

 

            Impossibile dimenticare la notte di Italia-Germania negli anni che ritenevamo spensierati e nell’età che sicuramente lo era, l’orgoglio di essere italiani mentre una comitiva di olandesi stappava bottiglie di birra e scambiava con noi ragazzi abbracci profumati di malcelata invidia. E gli improvvisati comizi adolescianziali che ti facevano sembrar grande - e non lo eri - e i ritardi d’ore che ti lasciavano con il cuore in gola, cellulari di là da venire e mamme in pensiero da avvisare…

 

            Poi un giorno a qualcuno venne in mente di abbattere i divisori e ruotare la metà dei sedili, ad altri di brevettare I-POD e relative cuffiette, al Berlusca e company di avvelenare il dibattito politico e ridurlo, in ogni ambito, a rissa d’osteria.

 

            Cosa resta di quei treni, anzi, di quegli scompartimenti? Forse solo questa community, con le sue stanze e chi non si conosce nemmeno a condividere, in pochi istanti, storie ed emozioni. Ma qua finisce ogni somiglianza: là c’erano volti e vite reali, odori e colori; qui nick e foto di convenienza.

 

            Lasciatemi ricordare e rimpiangere quei viaggi senza fine, perché comunque qualcosa te la portavi addosso anche quando terminavano quei quattro gradini e dall’altra parte del fabbricato, nel parcheggio e nella sua Panda, c’era la mamma ad aspettarti per riportarti a casa, al tuo ruolo reale, dove alle cose da fare non era concesso il privilegio di mescolarsi con i sogni.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Marina3210/trackback.php?msg=12483574

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
fata_delweb
fata_delweb il 07/11/13 alle 13:06 via WEB
Ciao un ricordo bello di viaggi la nostra vita che corre sui binari del treno. Ora è cambiato si.....ma penso che chi sale di nuovo sul treno per viaggire,per andare al lavoro per studiare avrà ancora tanti ricordi che restano lì indelebili nel cuore.Diverso il treno ma il viaggio il motivo no.Un abbraccio e scusa della mia assenza.Un grande sorriso radioso per una buona giornata.Tiziana
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 07/11/13 alle 13:15 via WEB
Grazie Tiziana, lo so che ci sei comunque. Che bello questo commento, tuo e pochi istanti dopo la pubblicazione. Adesso spero di riuscire ad ingrandire il testo: qua, a volte, è più difficile la formattazione che scrivere qualcosa!
(Rispondi)
 
xileo
xileo il 07/11/13 alle 21:57 via WEB
https://www.youtube.com/watch?v=T_oM01hD5f0#t=36 Questo post mi ha ricordato questa intervista a Pasolini, dove lo scrittore ci parla di una Italia degli inizi degli 70 che ha già perso la sua identità e la sua unicità. I cambiamenti nell'umanità ci sono sempre stati, quello che ci sbalordisce, ci spiazza e ci travolge è la velocità con cui questi cambiamenti avvengono, in passato occorrevano generazioni per vederli.
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 08/11/13 alle 00:12 via WEB
Non mancano di sicuro, parlando del treno, splendidi riferimenti letterari, dall'Orient Express alle interviste di Pasolini e Nanni Loy. Il verso che più mi appartiene, regalato da Fabrizio de Andrè al popolo Rom e capace come nient'altro di emozionare la zingara che c'è in me è: " per la stessa ragione del viaggio, viaggiare" . Se è proprio vero quello che scrivi a proposito della velocità con la quale tutto cambia, è indubbio anche come lo spirito dell'errabondo abbia attraversato ogni età senza alcun timore d'apparire superato.
(Rispondi)
 
antonio70a
antonio70a il 09/11/13 alle 23:48 via WEB
Anche per me tanti ricordi, metà esami all'università preparati sul treno e il primo incontro con mia moglie. Non poco direi.
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 11/11/13 alle 05:58 via WEB
Non poco direi...
(Rispondi)
 
marina3210
marina3210 il 11/11/13 alle 06:01 via WEB
A proposito del "non poco", qualcuno sa che fine ha fatto Panglos? Non si vede da un po' in nessuno dei luoghi dove liberamente vagava.
(Rispondi)
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 11/11/13 alle 10:32 via WEB
Panglos è sceso al post precedente.
Mentre tu sonnecchiavi con la faccia ficcata in quel tuo cappellino bianco...
(Rispondi)
 
 
 
marina3210
marina3210 il 11/11/13 alle 11:46 via WEB
Lo so, scusate, sono poco presente, ma questo è un blog, mica un quotidiano. Il post è solo un punto di partenza, poi si può continuare a ruota libera. Davvero non sai che fine ha fatto Panglos? Non manca solo da questo spazio ma da tutti i luoghi che frequentava.
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 11/11/13 alle 14:22 via WEB
Il treno della vita è così.
Chi scende prima, chi dopo, ma al capolinea dobbiamo scendere tutti.
Per lasciare il posto ad altre civiltà...
(Rispondi) (Vedi gli altri 5 commenti )
 
 
 
 
marina3210
marina3210 il 14/11/13 alle 15:06 via WEB
Hai anche qualche indizio sulla civiltà che ci sostituirà?
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 14/11/13 alle 23:01 via WEB
Perché, tu sai chi ci salirà su quel treno da cui sei scesa?
Magari può salirci anche qualcuno che non paga il biglietto...
(Rispondi)
 
 
 
 
marina3210
marina3210 il 15/11/13 alle 11:13 via WEB
Perchè, oggi c'è qualcuno che paga ancora il biglietto?
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 15/11/13 alle 14:16 via WEB
Quindi su QUESTO treno della vita saremmo tutti portoghesi...
(Rispondi)
 
 
 
 
marina3210
marina3210 il 17/11/13 alle 23:31 via WEB
Diciamo che in tanti lo usano come se non dovessero mai abbandonarlo...
(Rispondi)
 
Halmv
Halmv il 11/11/13 alle 15:01 via WEB
si vede che non viaggi molto in treno...
. oppure ti sei imborghesita e ti puoi permettere i frecciarossa ... :)
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 14/11/13 alle 15:09 via WEB
Imborghesita? Esattamente il contrario: oggi ci vuole un buon conto in banca per prendere il treno; anche per questo li frequento meno. Restano i ricordi...
(Rispondi)
 
uno_sincero
uno_sincero il 22/11/13 alle 00:09 via WEB
Ma questa è una vera poesia... Che peccato che nessun commento abbia colto il senso vero del post: come son cambiati i tempi e i modi per incontrarsi. Una mia collega, pioniera delle chat, oggi ha due figli con un uomo conosciuto qua. A lei devo l'avere imparato.
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 25/11/13 alle 18:03 via WEB
Beh, grazie per aver consegnato a queste righe i galloni della poesia. Adesso però non potrò più dire d'essere l'unica italiana maggiorenne a non aver mai scritto una poesia.
(Rispondi)
 
alexandra68a
alexandra68a il 11/12/13 alle 06:51 via WEB
I treni a lunga percorrenza avevano un po' il fascino dell'Orient express, i treni dei pendolari oggi giorno invece hanno il "fascino" dei carri bestiame inviati verso Auschwitz
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 12/12/13 alle 09:54 via WEB
Vero, ma al fascino di entrambi contribuivano, in buona misura, gli utilizzatori, indubbiamente diversi, oggi da allora. Anche di questo parlavo nel post, di una generazione incollata a cuffiette e diavolerie elettroniche che, personalmente, non saprei nè utilizzare nè pronunciare correttamente. Benvenuta Alessandra!
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 13/12/13 alle 19:47 via WEB
Sono vivo!... credo...
Ho trovato il tuo messaggio solo oggi, libero non mi invia più notifiche, ti ho scritto una risposta fiume esaurendo i 900 caratteri a disposizione ed accingendomi a continuare su un secondo messaggio... inviato il primo messaggio il sistema mi dice "messaggio non inviato, l'utente ha la messaggeria piena"... Dio non è dalla nostra parte.
Ti abbraccio... <faccina> :)
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 14/12/13 alle 21:14 via WEB
Scusa... la colpa è mia e di quel cappello che, nascondendo il resto, non scoraggia spasimanti d'ogni età che continuano ad invitarmi (ricercato eufemismo) ad ogni sorta di prelibatezze. Prometto di svuotare la messaggeria più spesso se tu mi prometti di non aspettare il prossimo equinozio per una passeggiata da queste parti. Lo so, scrivo poco, ma ci si può piacevolmente intrattenere anche sui commenti ad un vecchio post; in fin dei conti questo è un blog, mica un quotidiano!
(Rispondi)
 
 
 
panglos
panglos il 15/12/13 alle 08:55 via WEB
No, no!
La mia assenza in questo spazio non è legata a quanto scrivi e a come scrivi, i tuoi post offrono sempre innumerevoli spunti di riflessione e, non raramente, spunti di riflessione vengono offerti dai commentatori... quante volte ho sentito l'impulso di digitare, ma poi all'atto di farlo le parole sfuggivano ed avevo difficoltà a recuperarle e metterle in fila per articolare un commento degno di essere letto. Questo è avvenuto anche negli altri spazi web che solitamente frequento.
Il fatto è [e questa è parte del messaggio che ho tentato di inviarti] che stò attraversando uno dei periodi più difficili della mia vita, non il più brutto, il più doloroso (ne ho avuti di più brutti e più dolorosi), ma il più complicato; magari ritirarmi in meditazione in cima ad un monte sarebbe la soluzione più saggia.
Ciao, un abbraccio
Michele.
(Rispondi)
 
 
 
 
marina3210
marina3210 il 15/12/13 alle 15:15 via WEB
Lo avevo intuito, infatti a preoccuparmi era non tanto la tua assenza da questo spazio, quanto quella da tutti i luoghi che amavi frequentare. Intuisco che nessuna delle frasi fatte che in genere si usano in queste circostanze, potrebbe aiutare un combattente come te e quindi mi asterrò dal tentativo. Ti aspettiamo e la felicità di risentirti sarà doppia se il tuo ritorno significherà che il momentaccio è ormai alle spalle.
(Rispondi)
 
ottimistasempreecomu
ottimistasempreecomu il 14/12/13 alle 22:04 via WEB
Li rimpiango anch'io...compagni della mia gioventù e dei viaggi che nel corso di essa ho intrapreso...mi hanno aiutato a capire le persone, ad ascoltarle soprattutto...
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 14/12/13 alle 22:07 via WEB
E quanto è importante saper ascoltare...
(Rispondi)
 
 
 
ottimistasempreecomu
ottimistasempreecomu il 14/12/13 alle 22:11 via WEB
Sai...non ho mai preso l'aereo, pur viaggiando spesso, e non per paura...(una volta ho anche pilotato, sia pure per pochi minuti), ma semplicemente perchè mi piace osservare la gente, dialogare, ascoltarla...si impara sempre tanto!
(Rispondi)
 
saverio.ancona
saverio.ancona il 15/12/13 alle 15:38 via WEB
Tutto ciò che è amore, rafforza la vita e crea speranza al cuore. Dal passato al presente, con affetto amicale, Saverio
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 16/12/13 alle 17:50 via WEB
Commento in tema con il prossimo Natale! Grazie Saverio.
(Rispondi)
 
gustoso.m
gustoso.m il 15/12/13 alle 22:39 via WEB
In quegli scomparti dove svolazzavano le tende è per i primi baci e per le prime........ Mi feci dare un duplicato della chiave che bloccava l apertura della porta, mi ricordo che quando lei scese io richiusi per ricompormi, avevo 14 anni e da bravo dilettante mi addormentai...... Il bello fu che quando mi risvegliai ero al depositoooo e mica c era il cellulare... Un fredddddo, un buioooooo, una fifaaaaaaaaaaaaa, una mareaaaaa di mazzzzzzate....mmmmmmmm, meritavo il gazzettino del pirla Dell anno:)
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 16/12/13 alle 17:58 via WEB
Oddio, già a 14 anni un'avventura del genere! Ecco il profondo significato del tuo nick, una vita sicuramente gustosa... Vienimi a tovare spesso, ne avrai di cose da raccontare!
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 19/12/13 alle 16:44 via WEB
Ho scoperto Red Hot Chili Peppers"!!!
... è incredibile, suonano musica eccellente da quando ero ggiovane e li scopro solo oggi... colpa di un loro [pessimo] primo video... mai fermarsi davanti alle apparenze!... ma allora ero troppo giovane per capirlo... sono grandi... erano grandi o sono grandi?
Non ho mandato affanculo saverio.ancona... adesso ci credi che stò male davvero?
Fra un po' è Natale...
... gingle bells, gingle bells...
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 19/12/13 alle 16:55 via WEB
... però la musica ancora mi fa sentire vivo...
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 19/12/13 alle 21:51 via WEB
http://redhotchilipeppers.com/links
(Rispondi)
 
marina3210
marina3210 il 19/12/13 alle 23:32 via WEB
Questo è invece il mio consiglio per la settimana: Roberto Vecchioni, due madri, musica toccante e storia bellissima, da scriverci un post; prima o poi... http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=raaLKydkzJM
(Rispondi)
 
marina3210
marina3210 il 19/12/13 alle 23:43 via WEB
E' evidente quanto sia urgente per inserire un link in maniera corretta, l'intervento di Panglos. Roberto lo merita.
(Rispondi)
 
 
panglos
panglos il 21/12/13 alle 08:56 via WEB
Due madri [Roberto Vecchioni]
... e che ce vo', basta chiedere...
(Rispondi)
 
 
 
marina3210
marina3210 il 22/12/13 alle 19:08 via WEB
Ce vorebe poco...se non fossi una troglodita del web! Grazie, te piace?
(Rispondi)
 
 
 
 
panglos
panglos il 24/12/13 alle 12:04 via WEB
Prima di dirti se me piace cerco la versione studio... raramente i live superano la versione studio, più spesso i live sono furbate commerciali...
... aspetta che cerco...
... eccola!...
Due madri
L'ascolto e ti so dire...
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
panglos
panglos il 24/12/13 alle 12:14 via WEB
Ho amato Vecchioni, l'ho amato più di quanto meritasse... non lo amo più più di quanto meriti, lo amo per quel che merita... in questo caso merita che io lo ami.
Due madri da oggi suonerà nel mio MediaPlayer... grazie.
(Rispondi)
 
 
 
 
marina3210
marina3210 il 24/12/13 alle 14:15 via WEB
Al primo ascolto mi sono commossa; adesso, sentendo musica solo in auto, non vedo l'ora di avviare il motore e partire, anche se questo per me significa andare a lavorare. A pensarci bene, un modo come un altro per farsi piacere un lavoro detestabile. Roberto non lo saprà mai ma credo di poterlo aggiungere agli innumerevoli meriti che già gli riconosco.
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 31/12/13 alle 18:18 via WEB
Gli anni che finiscono sembrano brutti solo perché non hanno risposto alle aspettative che vi abbiamo riposto... basta non aspettarsi nulla e sarà sufficiente una giornata di sole.
Auguri
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 06/01/14 alle 09:58 via WEB
C'è vita su Marte?

Mah!... giusto un po' il sabato sera...
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 07/01/14 alle 23:22 via WEB
Si amico mio, c'è vita su Marte (pare, così dicono quelli che hanno studiato) e, vedo con piacere, anche su questo blog. Questo spazio non c'entra niente, ho sempre piacere a gestirlo ed ancora di più a notare che qualcuno ci capita. Il problema è altrove. Condivido quello che scrivi a proposito dell'anno andato; estendendo il concetto e ricordando una frase letta chi sa dove, la felicità non è avere quello che si vuole ma farsi bastare quello che si ha. Al vecchio 2013 stavo per dedicare un post la notte del 31 ma poi ho dirottato le poche residue risorse, salvate da una giornata molto particolare, sul DVD del film di Sorrentino. A questo punto spero davvero vinca l'Oscar, almeno darebbe un senso all'aver privato voi e il fu 2013 di un memorabile (e mai ironia fu più evidente) mio post! Meglio tardi che mai, al confine fra il settimo e l'ottavo giorno ma di cuore, a tutti buon 2014.
(Rispondi)
 
Fenice_A_ngela
Fenice_A_ngela il 28/03/14 alle 10:58 via WEB
Partiamo dal sensibilizzare...Vuoi unirti a me?
Tu come uccidi? Click
(Rispondi)
 
 
marina3210
marina3210 il 17/04/14 alle 22:50 via WEB
Si Angela, mi unisco a te in questa battaglia contro l'assurda strage di agnelli in nome di una tradizione stupida e sanguinaria. Da anni sono in pratica vegetariana: pur non disprezzando il buon gusto di una bistecca, non compro più alcun tipo di carne per non incrementare un mercato fra i più sporchi e crudeli. Per motivi professionali so come vengono trasportate le povere vittime: ve ne risparmio i particolari. E' ben nota anche l'orribile morte che precede la macellazione. Meno si parla, ma sarebbe importante farlo, dei danni all'ambiente derivanti dall'allevamento fuori da ogni regola di bovini e suini. La conoscenza di cosa mangiamo veramente insieme alla coscia di pollo, scoraggerebbe anche il carnivoro più convinto ma, ovviamente, il lobbismo di stato si guarda bene dal divulgare queste notizie. Mi nutro di legumi ed ortaggi nutrienti e gustosi, preparabili in mille modi, e sto benissimo. A Pasqua cucinerò a modo mio per almeno 12 persone che la pensano esattamente come me: niente è più gratificante di aver risparmiato una vita e l'uovo - di cioccolato - mette allegria quasi quanto l'accarezzare il cucciolo graziato. Buona Pasqua amici, a voi ed al cucciolo di casa, cane o gatto ipernutrito che sia!
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 09/09/14 alle 09:47 via WEB
SPAM
(Rispondi)
 
 
panglos
panglos il 09/09/14 alle 09:48 via WEB
Benedetta Benedetta... ove mai ripasserai di qui

Panglos è vivo e lotta per noi... solo che la lotta si svolge sull'unica piattaforma che oggi dia un minimo di senso al concetto di 'Lotta [continua] sul WEB'
Ahinoi, ahivoi, ahiloro... la piattaforma è FB [acronimo di FaceBook].

Mi sono scaricato tutte le versini scaricabili di Paris Match... il meglio scaricato è un MP3 320 kbps... andrebbe benissimo se a consigliarmi l'ascolto fosse stato uno dei tanti amichetti web, ma giacché a consigliarmi l'ascolto è stata un'esperta di musica dalla rara [irritante] esperienza, aspetto che mi si proponga un formato wav... voglio ascoltarla come ascoltavo il Banco da ragazzino... HiFi in religioso silenzio.

Un abbraccio... mi manchi.
Pensa quanto sono messo male se dico 'Mi manchi' ad una donna che non so nemmeno che culo abbia
(Rispondi)
 
 
 
panglos
panglos il 09/09/14 alle 09:48 via WEB
By Panglos's [no] Blog
(Rispondi)
 
panglos
panglos il 24/09/14 alle 07:52 via WEB
Ops, sono stato un vero cafone...
Estendo l'abbraccio anche a te, Marina... uno dei miei amori virtuali.
(Rispondi)
 
svetlana90
svetlana90 il 10/01/18 alle 23:44 via WEB
lo so, tutto finisce... ma a volte dispiace.
(Rispondi)
 
carloguggias
carloguggias il 09/01/22 alle 02:02 via WEB
Salutami Tanto Max Piazza Eco..y ahahahahahaha
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.