Pensieri

Notturni

 

STO ANCORA RIDENDO.......

Ciao scusa stavo sistemando la scopa per stasera e non ho sentito il cell.......Uff il turbo non funziona!!

 

HO LASCIATO CADERE IL MIO CUORE...........

.......chiudo i miei occhi e sento che ci sarai per sempre.....

......mi sveglio accanto alla porta hai preso il cuore che ti stava aspettando.....

 

 

6 NOV 2011


Tu più che mai mi hai fatto capire che talvolta crediamo che ci manchi qualcosa e forse ci manca davvero......con tutte le mie difficoltà e restrizioni......ti ho amato piccolo principe davvero.

 

9 NOV 2011

Stasera la luna è particolarmente luminosa... non molto distante da lei cè una stella altrettanto luminosa , ma sembra non voglia avvicinarsi , forse per discrezione forse per paura o forse solo per dovere , la luna ringrazia avvolgendola con la sua luce .....
Ciao Miguel ....

 

12 NOV 2011

Oggi ho ricevuto un mess che mi diceva ... credo che mi hai giustamente rimosso. Ma l'importante per me e che tu stia bene . Un bacio.
... il mio primo pensiero è stato per te ...il numero non risulta nella mia rubrica ...ma il mio primo pensiero è stato per te e se cosi fosse .... io non ti ho rimosso cerco di non farti troppo male ... ti abbraccio.

 

AREA PERSONALE

 

 

Sensibilitą

Post n°41 pubblicato il 17 Gennaio 2012 da MiguelValdes

Ci siamo lasciati che ero triste, lo ero per te, per quello che mi hai raccontato.  Non crucciarti se non sei capita lo dici tu stessa, è il tuo destino, come per altre cose.......ma hai ragione nel dire che l'amore non si misura nel numero di sms o di telefonate ma bensi in altra maniera, è sufficiente anche solo con un "ciao amore mio" detto nel cuore della notte e se si ha la giusta sensibilità di ascoltare con il cuore si percepisce come una calda coperta che ci coccola altrimenti rimangono parole come tante altre, ascoltate con le sole orecchie e li si fermano.
La sensibilità verso le altre persone nel capire cosa trasmettono è innata non si può imparare come lo svolgimento di un'equazione, ci sono persone che ne hanno di più e persone che ne hanno meno, quando si incontrano persone che ne hanno poca è comprensibile chiedersi se siamo noi a non riuscire a trasmettere i nostri sentimenti, ma non è così, la verità è che  il contenitore ricettivo di queste persone è a forma di imbuto, non è una colpa siamo fatti così. La cosa sbagliata, la più sbagliata che si può fare è proprio quella di mettersi in discussione perchè non veniamo capiti. Poi ci sono persone che non capiscono quello che sentiamo perchè non l'hanno mai provato, non hanno mai sentito tremare le gambe quando ci si avvicina e in questo caso è difficle capire  l'una cosa prova per l'altra, tu stessa avevi frainteso........Altre persone invece percepiscono il calore dei sentimenti con i milioni di sms e telefonate che ricevono, è una forma fredda per i più ma che per alcuni invece è importante perchè li fa sentire al centro dell'atenzione e desiderati, è il loro metro per misurare i sentimenti, è la loro calda coperta, non cè nulla di male in questo (maledetta tecnologia.......sta azzerando l'importanza dei contatti umani).
Stai serena amica mia, Miguel vuole essere anche una persona su cui puoi sempre contare.....in qualsiasi momento tu ne senta il bisogno la mia spalla è pronta a sorregerti.

 
 
 

Serenitą

Post n°40 pubblicato il 15 Gennaio 2012 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Che belle giornate......perchè........ti sento serena, allegra, sento che stai bene, mi piace molto sentirti così. Credo che questa tua serenità sia data dal fatto che ormai da alcune settimane fai quello che ti piace di più............! Sono uno specchio che riflette per simpatia la tua serenità, fai star bene anche me.......che bello partecipare a questi momenti sereni!!!

 
 
 

Che stranezza

Post n°39 pubblicato il 12 Gennaio 2012 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

E' proprio strano il nostro rapporto.......è in continua evoluzione ma non saprei dire se  è realmente così o se è un'involuzione. Abbiamo iniziato amandoci, passando per l'amicizia e ora a provare dell'affetto, quell'affetto intimo che si prova quando si sono condivisi momenti speciali ed unici, se poi esiste l'affetto intimo non lo so, forse è un termine che ho coniato adesso ma non trovo un'altro termine per spiegarmi. Nò è senz'altro un'involuzione! Che sia l'effetto della distanza che ci separa? Nel prossimo cambiamento diventerà un rapporto puramente epistolare?
Quei momenti che rimangono dentro, quelle sensazioni talmente intense che mi hanno fatto tremare solamente per esserti vicino. quella molteplicità di istanti forti derivanti dall'aver seguito l'istinto, che riempiono la mente e lo spirito come un fiume in piena anche solo per aver ascoltato soffiare il vento. Credevo avessi capito il significato di quel momento, era un' emozione di sentimenti che in quel momento traboccavano perchè non riuscivo più a trattenerli. Troppe cose capiamo ora, quando ormai non ha ne senso ne utilità capirle per noi, ma solo per continuare a farci dubitare, chiedere, ripensare, rielaborare.......Quando dico che ti voglio bene è un sentimento che nasce nel riassaporare i secondi del nostro tempo assieme, ha tutto un sapore così agrodolce, come dice la nostra canzone, per questo stanotte ho detto che il nostro rapporto inizia a non piacermi, inizia ad assomigliare troppo ad un rapporto con una sorella. Tu stessa hai detto che ti farebbe piacere vedermi ma con un altro spirito, sai che per me non potrà mai essere così, da tempo ripeti questo desiderio perchè credi che si possa fare, vederci per tenerci abbracciati affetuosamente, parlare, ridere.......ma allo stesso tempo ne hai paura perchè ricordi in maniera molto viva e dettagliata quei momenti, non sei la sola ad averne anch'io ne ho tanta.......di paura, perchè come dice Adele ho lasciato cadere il mio cuore e tu l'hai raccolto e conservato fino ad ora, chi raccoglie il cuore di Miguel non può abbandonarlo a se stesso improvvisamente. Per questo sarò destinato a non rivederti più nonostante il mio desiderio di farlo sia così forte,  vorrei rivederti solo per specchiarmi ancora nei tuoi occhi che da troppo tempo non vedo, ma nello stesso momento in cui i nostri sguardi si incrociassero.............bè lo sai, non potrei trattenermi.........

 
 
 

Regalo della Befana

Post n°38 pubblicato il 06 Gennaio 2012 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Il più bel regalo che la Befana potesse farmi oggi.......sentire la tua voce mentre eri ancora a letto......

 
 
 

Il ponte

Post n°37 pubblicato il 03 Gennaio 2012 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Tutte le parole che diciamo hanno poco valore se poi non sono confermate dai fatti, vuoi per ripensamenti o semplicemente perchè non si ha il coraggio di affrontare la verità, allora si lasciano andare le cose senza interventire, tanto prima o poi qualcosa accadrà, oppure si aspetta che gli altri facciano qualcosa al posto nostro, beh..... io non sono così, preferisco la chiarezza, preferisco parlare anche a costo di scontrarmi contro un muro e distruggermi......Per contro molte volte i silenzi sono una chiara espressione dei fatti, di quello che non si ha il coraggio di dire o di fare. I miei silenzi sono dettati dal bisogno di riflettere, come accaduto qualche giorno fà dove non rispondevo ai tuoi messaggi ma dopo il terzo sms dove mi chiedevi chiarimenti ho risposto anche se non avrei voluto, l'ho fatto perchè sentivo la tua necessità di capire e sarebbe stato oltremodo antipatico e scortese da parte mia non farlo, in quel momento ho pensato a come stavi, qual'era il tuo stato d'animo in quel frangente e sentivo che volevi capire, non potevo essere così insensibile. Ora......beh, ora ci sono momenti in cui tutto torna ad essere chiaro, come l'ultima telefonata di sabato scorso, me lo stai dicendo in tutti i modi qual'è la tua strada, strano come lo capisca solo quando lo dici senza intenzione, tra le righe anche mentre si gioca, proprio per questo capisco che è così, perchè non è intenzionale ma è spontaneo.......non lo capivo quando lo dicevi chiaramente mentre ora........è tutto così paradossale........ma la spontaneità supera tutte le parole, è la stessa spontaneità dei bambini quando si dice che sono la voce della verità perchè non hanno ancora la malizia per le bugie.
Mi hai chiamato l'uomo dei perchè......e spesso mi hai incoraggiato a non smettere mai di chiedermelo.......ma non ci si può trascinare per una vita con i punti di domanda, i perchè dovrebbero esserci solo in alcuni momenti, nei momenti di sofferenza, instabilità, di certo non quando si è felici e si sta bene e io sono stato felice, sono stato molto bene, anche quando piangevo, lo sai non mi vergogno di piangere, come per te quando vedevo le tue lacrime su quello specchietto retrovisore...... invece i miei perchè sono sempre stati tanti, vuole dire che stavo soffrendo molto? I perchè erano proporzionali all'infelicità? Non è così, anche questo è paradossale.......allora vien da chiedersi cosa non funziona in tutte queste domande, qual'è il reale significato di tutta questa nebbia che vedo attorno a me......vedi continuo a chiedermi il perchè delle cose......:-))
Questo stesso blog......... ha ancora un significato scriverci? Quando l'ho aperto aveva un motivo di esistere, era quello di rimanere collegato a te perchè non sapevo come si sarebbe evoluto il futuro, perchè il solo pensiero che ci fosse un qualcosa, seppur virtuale, che mi legava a te mi riempiva di gioia. Se solo penso al primo post sorrido per la maniera banale in cui l'ho fatto, ma in quel momento non avrei saputo relamente come farlo e il mio pensiero era solo quello di amarti come sentivo che meritavi di esserlo, ma anche perchè non usciva niente di tutto quello che avevo nello stomaco, ero un'analfabeta dei sentimenti, poi tutto si è formato, plasmato un pò alla volta, per merito tuo, per quello che sei, ispirandomi sensazioni sempre nuove facendole uscire dall'oblio in cui erano confinate da molti anni, aspettavano solo quel raggio di luce che schiarisse il loro significato dall'ombra, ecco, questo hai fatto con me.......che bello.......significa che sei speciale, che invidia, come vorrei suscitare le stesse emozioni in una Donna.......una con la "D" maiuscola come te.
Successivamente il suo significato è cambiato, esisteva perchè mi piaceva corteggiarti ancora, conoscerti, la mia vita era cambiata profondamente, se si può chiamare vita quella di uno che sta h24 con il naso icollato sul monitor solo per avere il piacere di vederti accedere e leggere quello che scrivevo, un piacere che per giorni interi non mi faceva uscire di casa per attendere un soffio di vento che portasse il tuo nome, fosse un sms, uno squillo di telefono, un accesso a libero, un desiderio tale da far svuotare il frigorifero senza che me ne accorgessi e rimanere senza cena e dover uscire per  una pizza che era quasi notte fonda, eppure mi piaceva, mi faceva sentire vivo......ma adesso qual'è il suo senso.............ha senso scrivere solo cose tristi? Che cos'è diventato uno sfogo? D'altronde cosa potrei scrivere di così bello, di così felice, di così inebriante.....quel ponte sembra già caduto........anche questo è paradossale.......ero proprio io che dicevo che non aveva senso abbatterlo ora, sarebbe caduto da solo per morte naturale e non valeva la pena privarsi ora di qualcosa che fà stare bene, come il suo attraversamento ogni volta che volevo.............ma non può essere sostenuto solamente da un sponda, per esistere ha bisogno di due appoggi, se dall'altra parte non c'è volontà di sostenerlo inevitabilmente cadrà.....
Non so se ricordi quando qualche giorno fa, di notte, ti ho chiesto  qual'era il tuo desiderio, il tuo volere,  la tua risposta è stata: "lo sai Miguel cosa voglio" ebbene non mi riferivo a cosa vuoi per il tuo futuro, questo oramai è chiaro, mi riferivo se volevi ancora sostenere questo ponte dall'altra parte ben sapendo che comunque cadrà.......la sponda dove è appoggiato lo sostiene ancora saldamente piantato nei suoi pilastri, malgrado qualche volta abbia traballato per l'umana incertezza di un uomo che ama, ma è sempre lì......ad aspettare di essere nuovamente attraversato...... se tu vorrai che lo attraversi ancora....

 
 
 

Il mio regalo di Natale

Post n°36 pubblicato il 25 Dicembre 2011 da MiguelValdes

"Hai deciso di partire e allora vattene".
Perchè non voleva che io lo vedessi piangere.
Era un fiore così orgoglioso......

 
 
 

Perchč?

Post n°35 pubblicato il 24 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Ci sono momenti nella vita di un uomo in cui i ricordi sono attimi di riflessioni inaspettati, e chiarificatori di uno stato d’animo non sempre sereno. Se si pensa poi ai grandi cambiamenti che determinate situazioni creano nel nostro animo non si può fare a meno di vivere quei ricordi con sorprendente lucidità di giudizio ma anche con molta nostalgia. Ecco che allora rimanere freddi e cinici (anche se non è facile) è l’unico modo per non cadere nel ripensamento, la maturità acquisita, anche se in poco tempo, ti aiuta a costruire degli anticorpi necessari a proteggere con uno scudo la parte più debole dell’essere, i sentimenti. I sentimenti sono una molteplicità di momenti  nel nostro profondo e dolcemente adagiati in uno scrigno privo di serratura, il quale è pronto ad aprirsi ogni volta che ne abbiamo bisogno, altrettanto facilmente con un soffio di vento si richiude aspettando la volta successiva in cui avremo bisogno del suo contenuto, per il nostro piacere.
Da molti anni, ormai, non sento più il Natale come tale, sicuramente questo è uno dei fattori scatenanti per l’apertura di quello scrigno, la sofferenza che mi provocano quei bagliori di luce, che sono stati molto importanti per me, mi appesantiscono il petto ed ho uno stato d’abbandono in cui mi vengono dei pensieri inquietanti, il peggiore dei quali è una domanda: perché?
Le risposte sono sempre molteplici, alcune sono miraggi che vogliono farti credere che nel cammino della vita ritroverai quello che hai perso, ma la verità è una, ed una sola: l’amore non si può dimenticare.
Sentirsi soli non è bello, anche se a volte ci si culla nel piacere della solitudine, anche quando non vorresti esserlo ed hai il terrore di questo. Quando ti assale la malinconia diventa molto pericoloso, in questi giorni desiderare di essere da un’altra parte può far soffrire chi ti sta vicino, soprattutto quando chi come me non riesce a mascherare le proprie emozioni e diventa un libro aperto. Allora odi talmente queste feste che vorresti addormentarti oggi  e svegliarti il 7 gennaio.
Perché è così difficile amare e farsi amare? Non esiste una risposta e nessuno riuscirà mai a darla, rimarrà per l'eternità uno dei quesiti incompleti dell'uomo.Una mia buona amica dice che la vita è stroza, ma io invece credo che sia solo difficle per chi, come noi, la vive con i sentimenti, ed è vero soprattutto quando trovi l’amore e sei costretto ad abbandonarlo per delle ragioni che sono solo dettate dalla razionalità, amore e razionalità non sono compatibili, si scontrano continuamente incrociandosi ma non viaggeranno mai insieme sullo stesso binario avranno sempre dei percorsi diversi.
Non posso vivere senza AMORE però devo essere razionale per dovere di responsabilità, allora capisco che dovrò vivere il resto della mia vita nell’infelicità.......anche se con te sono cresciuto.

 
 
 

Non posso riposare

Post n°34 pubblicato il 23 Dicembre 2011 da MiguelValdes

Non posso riposare, amore e cuore,

penso a te in ogni momento.

Non essere triste, gioia d'oro

né con dispiaceri o brutti pensieri.

Ti assicuro che solo te bramo,

poiché t'amo forte, t'amo, t'amo.

Amore mio, gioia da stimare,

il mio affetto è solo per te;

se avessi avuto le ali per volare,

mille volte all'ora sarei (da te) volato;

almeno per venire a salutarti,

o anche soltanto per vederti,

un'altra cosa ancora, non nasconderti

Salvatore Sini

 
 
 

Tornare da TE

Post n°33 pubblicato il 20 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Un pò alla volta ti stai aprendo, un passo alla volta inizio a conoscerti, a sentire cosa provi, quali sono i tuoi timori, le tue paure. La confidenza che abbiamo maturato giorno dopo giorno e che aumenta sempre più ti porta a fidarti di me, inizio a precepire in maniera molto netta i tuoi timori e il più grande è quello che se dovessimo rivederci non sai cosa succederà dopo ed è per questo che mi hai chiesto di non venire, sei combattuta e adesso la ragione stà vincendo sul sentimento, perchè siamo lontani. Tu stessa hai detto che i rapporti a distanza non sono destinati a durare ed è vero lo penso anch'io, allora umanamante sei portata a tenere stretto quello che hai, anche se non hai la piena convinzione che sia quello che cerchi, quello di cui hai bisogno, ma è il meglio che puoi avere dopo molto tempo in cui hai vissuto nel nulla, dove il tuo cuore camminava ceco nel deserto senza una meta precisa, a tentoni. Quando bisogna prendere decisioni importanti che non riguardano solo noi stessi ma anche altre persone bisogna avere una grande forza, essere pronti, decisi, e non lo sei. Temi che rivedendomi possano cadere le tue convinzioni perchè daresti spazio ai sentimenti e non vuoi che accada, perchè sarebbe una bomba che cade improvvisa nella tua vita, perchè non l'aspettavi, e allora attendi quel 22 novembre perchè credi che sarà tutto più facile, credi che ci sarà la discesa che ti aiuterà a correre e sbiadire velocemente il ricordo di Miguel, se invece ci vedessimo sarebbe molto più difficle sradicare l'albero dell'amore, ma sarà veramente così?  Forse no perchè nei momenti in cui ci sentiamo meno sono proprio quelli in cui ci cerchiamo di più.
Provo sempre ad interpretare i tuoi pensieri, leggo tra le righe delle tue parole  e sai bene che non ci arrivo sempre, spesso ho bisogno di spiegazioni perchè non capisco, ti piace lasciare sottointedere le cose. E' vero in questo sono limitato perchè più che mai desidererei sapere tutto di te e non riceverlo con il contagocce, ma ti piace questo gioco di scoprire le tue carte una alla volta, con calma, con cadenza quasi regolare come una goccia che lentamente scende da un rubinetto, ti diverte, a dir la verità diverte anche me ed è per questo che alle volte faccio delle cazzate come oggi quando ti ho chiamata nel numero in cui non l'ho mai fatto. Spesso, se non quasi sempre, ho delle fisime quando ti chiamo ho il timore di infastidirti, di soffocarti, di romperti.......ma avviene sempre dopo che l'ho fatto, perchè non resisto  è più forte di me. Accade anche quando rispondi ai miei sms dopo parecchie ore o non rispodi per niente (non vedo l'ora che torni al alvoro almeno cè un motivo :-)).......lo sò che non puoi rimanere tutto il giorno con il telefono in mano, non lo pretenderei hai la tua vita, lo so che te ne dimentichi dici sempre che sei una casinista,.....oppure fa anche questo parte del gioco? :-)
Per tornare a bomba (è un modo di dire per tornare all'argomento principale) mi hai chiesto di non venire e farò di tutto per rispettare questa tua volontà, ma siccome mi conosco e sono matto come un cavallo, molto più di te, non sò se riusciro in questo intento, ce la metterò tutta te lo prometto, parola di lupetto.

 
 
 

La Nebbia

Post n°32 pubblicato il 18 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Sta accadendo proprio quello che tu volevi, stiamo diventando AMICI.....va bene, veramente, va bene così. Daltronde non potrebbe essere diversamente non essendoci dei contatti se non quelli telefonici, non può essere altrimenti, i sentimenti non si possono trasferire sull'etere, manca il contatto, manca il guardarci negli occhi, qualche volta su skype riusciamo a farlo e questo mi riempie di gioia, ma non è sufficiente per sentire nel tempo i sentimenti vivi. Ieri in quella lunga telefonata di un ora e mezza in cui mi hai accomapgnato in autostrada hai manifestato il dubbio di chiudere il nostro rapporto di amicizia, di amore platonico, chiamalo come vuoi, la sostanza non cambia.  Hai detto che vorresti farlo perchè hai il timore che quando arriverà nuovamente quel 22 novembre io soffra, e che tu metta in pericolo la tua serenità. Non soffrirò perche la mia rimane solo una speranza, si soffre quando ci si creano delle illusioni e io non ne ho, non ne ho perchè tu non hai fatto nulla perchè io mi illuda. La speranza non fa soffrire ti fa solamamente tenero vivo l'amore nel cuore.
Beh certamente non sarò contento in quel momento, non posso essere felice quando arriverà, come non lo sono stato il 22 novembre, l'ho accettato allora e l'accetterò quando sarà. Che cosa sarà diverso nelle due situazioni? Saranno diverse molte cose, perchè molte cose sono cambiate, ad iniziare dalle mie certezze che ora, rispetto ad allora, sono certamente consolidate da tutti quei chiari segnali di amore ricevuti, che posso solo scrivere, non posso esternare. nemmeno con te, perchè non vuoi sentirlo, perchè ne hai paura, ti piace sentirlo ma ne hai paura, perchè non sai dove ti porterà. Non sò se interpreto nella maniera corretta il tuo animo e la spiegazione del perchè non servirebbe a chiudere il nostro rapporto ora, te l'ho spiegato chiaramente, e allora perchè ripeterlo qui? Perchè rimanga per i momenti in cui la nebbia sta per avvolgere il nostro desiderio e rileggendo questo post far apparire il raggio di sole che spazzi via la foschia. Nei momenti come ieri io sto bene con te mi piace parlare, solo sentire la tua voce mi fà star bene e la stessa cosa vale per te, l'hai detto, quindi non è un prolungamento di un'agonia ma il prolungamento di un piacere, e allora perchè toglierci questo piacere? Non ha senso abbattere questo ponte perchè tanto lo sappiamo che quel 22 novembre arriverà e il ponte cadrà, allora acceterò il percorso che la vita mi riserverà in quel momento, non adesso, non ha senso. Non potrò mai mettere in pericolo quello che hai e credo di averlo dimostrato in quei 19 giorni, cosa potrebbe farmi cambaire idea? Nulla, non cè motivo, su questo devi essere serena. A meno che il timore di mettere tutto in discussione sia per te stessa......Dopo tutto questo ho detto che comunque se decidevi in quel momento di chiudere l'avremmo fatto, a parte qualche sms ogni tanto per sentire come sto.....oggi non hai mai risposto ai miei messaggi, hai già deciso? Non voglio crederlo, ma se così fosse posso dirti solo una cosa ripresa da quella canzone, non nasconderti........ed io aggiungo, non privarti di tutti i momenti di felicità che la vita ti regala, io faccio così, godo di tutti momenti che vivo con te.

 
 
 

L'albero dell'amore

Post n°31 pubblicato il 15 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

E' da ieri che ci penso, da quando ho letto i vostri commenti al mio post, penso a tutte quelle persone che nel mondo non hanno mai conosciuto l'amore, non hanno mai assaporato il piacere di donarsi per la felicità di un'altro cuore. Purtroppo ce ne sono tante e molte di loro non  accarezzeranno mai questa felicità per tutta la vita, come in tutte le cose che si incontrano nella strada della vita per incontrare l'amore bisogna anche essere un pò fortunati, bisogna incontrare il cuore giusto che abbia la grandezza necessaria ma anche il desiderio e il bisogno di raccogliere tutti i frutti che sono appesi a quell'albero. Donarsi per amore rende felici, soddisfa il proprio animo e il senso di appagamento è veramente forte. Quando penso a te che mi saluti nel silenzio della notte, con un filo di voce, "CIAO AMORE MIO", ed è la prima volta che lo sento uscire dalla tua bocca  capisco che ti è costato molto  perchè sento le tue lacrime scendere, perchè stai seguendo la strada che l'acqua ha segnato per te.  Il piacere nasce dalla certezza di essere amato, senza maschere, anche se con dei compromessi, anche se dici che ti sei costruita quel muro attorno per difenderti dalle sofferenze che la vita ti ha violentemente scaricato. Dici sempre che siamo figli delle nostre esperienze e quel muro è proprio questo, figlio della tue sofferenze, ogni mattone che lo compone e un momento di vita vissuta, l'hai costruito solo per non soffrire più. Come hai detto non sono riuscito ad abbattere quel muro e probabilmente non ci riuscirò mai, ma questa notte si è incrinato leggermente ed è caduto qualche mattone per farlo abbassare un pò, per allungarmi in punta dei piedi e darmi la possibiltà di guardare oltre per vedere quel raggio di sole che mi riempirebbe il cuore. Quel timido raggio di sole che attraversa quella leggera crepa nel muro è arrivato con quelle due semplici parole, mi sono sentito liberato da tutti i dubbi che fino a quell'attimo mi avevano bersagliato continuamente, facendo vacillare le poche certezze che con fatica avevo messo insieme.
Ecco io sono uno di quei pochi fortunati che sono stati toccati dai frutti dall'albero dell'amore, mai come con te ho percepito l'amore intenso di una donna. vorrei gridarlo al mondo, farlo sapere alle persone che incontro per strada, vorrei che tutti lo sapessero.
Ringrazio la vita per avermi regalato tutto questo, oggi potrei sparire come la neve in un giorno d'estate e la mia vita sarebbe stata completa, me ne andrei con un grande sorriso nel viso nato da quel timido raggio di sole, quel sorriso che ti piace tanto.

Buona vita a voi.

 
 
 

L'uragano dell'amore

Post n°30 pubblicato il 13 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Il momento di tristezza è passato, ho trovato l'amica con cui parlare di tutto questo, la persona in possesso della sensibilità necessaria a capire e ascoltare in silenzio, capace di farmi sentire sereno per parlare di me, di te, di noi.......capace di sopportare tutte le pippe che avevo per la testa. Non è salutare tenere tutto dentro in una situazione come questa, è deleterio per la propria salute fisica e mentale, meglio buttare fuori tutto come un fiume impetuoso che rompe gli argini, ti libera di tutto, ti fa capire molte cose, ti riporta alla realtà, si abbandonano i sogni ad occhi aperti, si scaricano le scorie.......
Ho passato molti anni senza innamorarmi e quando è successo è avvenuto nel momento in cui meno me l'aspettavo, è arrivato come un uragano che distrugge, solleva, trasporta e rimesola tutte le certezze consolidate fino a quel momento.  In questi anni ci sono stati periodi in cui avevo un desiderio enorme di tutto questo turbine che parte dallo stomaco, uscivo alla ricerca di una donna che mi colpisse con un cazzotto allo stomaco nel momento in cui incrociavo il suo sguardo.  In quei periodi ho sempre conosciuto donne che avevano ben poco da dare, a cui gli occhi non brillavano di desiderio, il loro interesse era fine a se stesso e a cui io stesso avrei potuto dare ben poco. Dopo i normali rapporti di qualche mese il cazzotto allo stomaco non arrivava mai e così, come erano iniziate quelle "storie", finivano, tant'è che difficilmente ricordo sensazioni positive, tranne il brivido iniziale per una nuova conquista, di qualcuna di loro non ricordo nemmeno il viso. Quelle donne avevano un mazzo di carte veramente esiguo, composto solamente da qualche asso che serviva unicamente a vincere quella mano iniziale ma che nel gioco successivo avevano carte di poco conto che non  permettevano di vincere l'ultima mano, quella mano che conquista il cuore di un uomo che è lì, sul piatto, a disposizione, bisogna  solamente aprire il proprio cuore per avere il suo.
Da quelle esperienze ho imparato una cosa importante, più si è alla ricerca di una persona che ti possa dare quello che cerchi e più è difficle trovarla. Quando poi ti capita davanti la Donna che che tira quel cazzotto alla bocca dello stomaco facendoti rimanere senza respiro e piegato in due la insegui, desideri conquistarla con tutte le forze anche se sai che per farlo dovrai percorrere una strada impervia e piena di ostacoli enormi, granitici e che dovrai abbattere a spallate per poter prendere delle decisoni di vita difficili, complicate e spesso sofferte.
Ho bisogno di amare, fà parte di me non posso starne senza.

 
 
 

Di cosa ho bisogno....

Post n°29 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Ho bisogno di un amico o di un'amica con cui parlare di tutto il turbine che ho dentro e che mi fa star male. .....sento che ho voglia e il bisogno di piangere, di sfogarmi, di buttare fuori tutto e lo posso fare solo parlando di te, di me, di noi.....Non ho un amico o un amica per tutto questo, tra chi conosco non vedo nessuno che potrebbe capire, e poi come inizierei? Potrei dire "sai mi sono innamorato", non farei in tempo a finire che mi direbbe "che bello sono contento/a", ma non lo direbbe se oltre ad ascoltare le parole avesse letto i miei occhi che parlano di sofferta tristezza.
Ho bisogno di parlare di te, di me, di noi, perchè non è facile scriverlo in queste pagine e anche quando lo faccio la mia sofferenza non si placa, anzi aumenta e per questo stò pensando a non scrivere più, non leggere più.
Qui ho cercato di mettere dentro quello che sono e quello che sento per te, per farti vedere cos'è Miguel e per tenere sempre in mano quel sottile filo che ci unisce, nella speranza di vederlo un giorno raccolto in un gomitolo e trattenuto tra le nostre mani chiuse una sull'altra. Ad un mese esatto dall'apertura di queste pagine devo prender una decisione, perchè il muro che ho davanti non riesco ad abbatterlo è troppo grande per me, devo arrendermi ed essere realista, dovevo darti ascolto fin dall'inizio.
Con la morte nel cuore e le lacrime che  bagnano le mie mani (sta succedendo veramente credimi) che scrivono sulla tastiera, l'amore che quest'uomo ha per te mi dice che è giusto che le nostre strade prendano altre direzioni, la tua l'hai già presa ed è giusto così, hai deciso e lo capisco, la mia la troverò.
L'avevo già scritto, se ti amassi veramente ti lascerei andare e così sarà.
La nostra canzone dice........spero solo il meglio anche per te.....non dimenticarmi ricordo che dicevi a volte è dura ma a volte invece fa male...........chi l'avrebbe detto che avrebbe avuto un sapore così agrodolce......

Con i sentimenti e le emozioni che mi hai regalato hai fatto rinascere un uomo che credeva di non avere più niente da dare.
Forse un giorno le nostre strade si incroceranno nuovamente il nostro amore si compierà......forse.
Addio AMICA MIA.

 

 
 
 

Senza di te......

Post n°28 pubblicato il 07 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

 

 

 

 

 

Non posso esistere senza di te. 
Mi dimentico di tutto tranne che di rivederti: 
la mia vita sembra che si arresti lì, 
non vedo più avanti. 
Mi hai assorbito. 
In questo momento ho la sensazione 
come di dissolvermi:
sarei estremamente triste 
senza la speranza di rivederti presto. 
Avrei paura a staccarmi da te. 
Mi hai rapito via l'anima con un potere 
cui non posso resistere;
eppure potei resistere finché non ti vidi; 
e anche dopo averti veduta 
mi sforzai spesso di ragionare 
contro le ragioni del mio amore.
Ora non ne sono più capace. 
Sarebbe una pena troppo grande.
Il mio amore è egoista. 
Non posso respirare senza di te.

~ John Keats ~

 
 
 

Il mio rifugio

Post n°27 pubblicato il 03 Dicembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Leggere e rileggere le tue parole è il mio rifugio, lo faccio quando sono solo con me stesso e non mi piace esserlo. Invece mi piacciono le tue parole, ogni volta che le rileggo scopro tra le righe cose nuove,  avevi ragione cè molto di te in quello che scrivi, con gli occhi ho visto solo una piccola parte della tua faccia, le cose più importanti le sto vedendo con il cuore, i tuoi sentimenti, le tue passioni, le tue emozioni, il tuo amore, quell'amore che vuoi avere sempre con te perchè ti serve.....per vivere la vita, per darle un senso, perchè vuoi una vita di amore, perchè ne hai tanto da dare, si sente.......nell'aria, ma leggo anche di dubbi e incertezze, degli interrogativi che hai nei momenti difficili in cui non sai dare delle risposte, non le trovi perchè improvvisamente la tua vita è stata contaggiata da qualcuno che si avvicinato a te in silenzio, in punta dei piedi, che ti ha incuriosita nella sua semplicità.
La mia sete di conoscerti cresce ogni giorno di più, posso solo immaginare se fossimo sempre assieme, già......... posso solo immaginarlo, se un giorno dovesse essere così per placare la sete non smetterei mai di dissetarmi con i tuoi sentimenti. La vita tra due persone che si amano è come un mazzo di carte, ogni giorno, in ogni momento vengono scoperte una alla volta, lentamente, leggendo il significato di ognuna, bisogna avere sensibilita per poterne trarre la vera essenza e credo che noi due avremmo un mazzo di carte da scoprire fuori dal comune, infinito.
La vita va vissuta centimetro dopo centimetro con il continuo desiderio di sapere quello che viene dopo e così è anche  in amore, se si ha sete di sentimenti si è sempre in attesa di percorrere il centimetro successivo per vivere nuove emozioni.
In tutto quello che leggo. le frasi, le parole, il loro senso che alcune volte è volutamente incompiuto,  sembrano tenute insieme dal filo della tristezza che ti ha accompagnata per molto tempo, avvolte dalla nebbia ed aspettano solo che arrivi un raggio di sole che colpisca il cuore. Il vento tuo amico non spazza via i tuoi sentimenti ma li trasporta, li tiene insieme formandone un vortice che viaggia alla ricerca del cuore giusto dove fermarsi.  Devo ancora capire molto ma in ogni lettera, sillaba, strofa sento il tuo desiderio di amare e sentirti amata. Hai una sensibilità fuori dal comune che ti permette di esprimere, scrivendo, i sentimenti e le emozioni in maniera chiara e comprensibile, le tue parole sono lo specchio che le riflette, credo sia cosi anche quando lavori la terra, la tua amata terra, quando vi immergi le mani, modellando con decisione ma anche con delicatezza per plasmare un qualcosa che esprima il tuo animo di quel momento, vorrei vederti fare tutto questo, per capire, per conoscerti, per entrare sempre di più dentro di te, per scoprire le altre  carte del tuo mazzo. centimetro dopo centimetro.........

 
 
 

Il gemelli

Post n°26 pubblicato il 30 Novembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Questo l'avevo scritto due giorni fà, non l'avevo pubblicato perchè.......perchè.......boh, non lo sò, perchè lo pubblico adesso......boh, non lo sò

Le incertezze, le paure, il desiderio di sapere, di conoscere......sono tutte cose che ad un gemelli fanno male, fanno male perchè mettono ansia, il non sapere lo uccide mentalmente. Non ci si può aspettare che un gemelli rinunci, è testardo nell'inseguire quello che vuole. Che cos'è che mi tormenta? E' il continuo, costante pensiero che lei non si faccia viva perchè, così facendo, io possa dimenticare, stancarmi di non ricevere segnali da lei, anche se la razionalità dice che molto probabilmente, molto semplicemente.......non può farlo, o è solo la speranza che sia così? Mille pensieri passano per la mia mente, mille ipotesi si formano, mille ragioni si fano strada, mille dubbi si insinuano, mille perchè, quale sarà il vero motivo? Nella vita sono sempre molto sicuro, certo di ogni azione ma......in amore...... sono un disastro, non ho nulla di tutto ciò, non sono razionale............l'unica certezza che ho è che mi ama! Dovrebbe bastarmi.......dovrebbe.......e forse sarà così. Come faccio a trovare nuovi stimoli, nuove sensazioni, nuove emozioni, che si hanno solo avendo un contatto continuo,  se non riesco nemmeno a sentire la sua voce, ma lo sò che sarebbe troppo i patti presi sono chiari, ma nemmeno due righe...........un sms seppur freddo, banale, niente di tutto questo........sarà giusto così!? Non voglio dimenticare perchè ho bisogno di quei momenti, non posso violentarmi e sradicarli, non posso. La mia paura del tempo si fà sempre più forte, quella paura di cui ho già parlato, quella che faccia sbiadire i ricordi dei pochi  momenti passati assieme.

Dopo tutte queste pippe ieri mattina alle 6, dopo una settimana che non ci sentivamo/messaggiavamo, mi hai mandato un sms dandomi il buongiorno e ti ho risposto subito (non è stato difficile visto che ero sveglio dalle 5 non riuscendo più a dormire) chiedendoti se potevo richiamarti per accompagnarti al lavoro e la tua risposta è stata "certo"........ecco, l'sms caldo e desideroso di sentirmi è arrivato. Se avessi risposto con un semplice "sì" sarebbe stata una semplice affermazione fredda, banale.....ma così non è stato, sono stato radioso tutto il giorno, al lavoro mi chiedevano cosa avessi perchè non sembravo normale, tutto quello che mi girava attorno era splendido e nulla al mondo mi avrebbe fatto perdere il controllo, ho semplicemente detto che nel week end ero stato alle terme e che ero semplicemnte rilassato......per un giorno l'ansia del gemelli è stata placata.......è incredibile quanto basti poco per non farmi ste stramaledette pippe mentali. Riuscirò prima o poi a stare un pò tranquillo ed avere la pazienza di aspettare......certo, ci riuscirò, sto imparando.

 
 
 

Foglie

Post n°25 pubblicato il 27 Novembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Le foglie che cadono in Autunno si staccano dai rami, lente e inesorabili, con regolarità, come a voler dettare il tempo che passa.

Ognuna di esse contiene un pensiero per i tuoi occhi.

Cadendo formano un manto multicolore e multistrato di ricordi piacevoli che conservo gelosamente

Accosto l’orecchio su quel manto e sento parlare i tuoi occhi.

                                              Miguel

 
 
 

I tuoi occhi

Post n°24 pubblicato il 26 Novembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Ieri sera sono stato a ballare, finalmete, ho dato sfogo alla passione per il ballo. E' stata una bella serata, in un locale dove non ero mai stato, piccolo ma con bella gente, ho ballato molto nonostante non conoscessi nessuno. E' la cosa più difficile ballare in un locale piccolo di periferia dove tutti o quasi si conoscono, perchè sei nuovo e le dame sono diffidenti verso le novità, quello che mi ha aiutato è stato il grande desiderio di ballare, la decisone, se sei deciso quando chiedi di ballare difficilmente ti dicono di nò, a dir la verità un mezzo due di picche l'ho rimediato ma poi l'ho restituito all'nteressata perchè era una delle poche che sapeva ballare discretamente,  ho solo aspettato il momento giusto in cui non poteva dire di nò, come siete difficli voi donne, vi piace farvi corteggiare, desiderare, scegliete il vostro uomo con gli occhi e poi quando si avvicina........questo vale nella vita come nel ballo, prima o poi dovrò iniziare a scrivere quel libro...............oppure rimarrà bianco così come si trova adesso!
Dicevo, è stata un bella serata ma spesso il mio pensiero ricorreva a te, soprattutto quando nel ballare guardavo la dama negli occhi...................vedevo i tuoi, solo i tuoi, ed immaginavo di ballare con te con quei tuoi capelli vaporosi che se ne vanno da una parte all'altra, ma che avresti dovuto legare per non imprigionare le mie dita nella loro rete. Lo sò, non potremmo mai farlo assieme, ma una baciata, quella sì, sognare è l'unica cosa che ho adesso e saprei anche come farla, sarebbe  piacevole e sensuale per tutti e due, farla come in questo video però, sarebbe il massimo.................lei ha quasi i tuoi stessi capelli e anche nel resto ti assomiglia molto, mentre lui "nun me somiglia pè niente", infatti io ballo molto meglio ah ah ah ah......
Te quiero mi amor

 
 
 

Certezza

Post n°23 pubblicato il 25 Novembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

Ora posso dirlo, seguire l'istinto è stata la cosa giusta......non cè pentimento. I dubi venivano dalla tua reazione nel sapere che avevo in tasca  il biglietto dell'aereo per venire da te, mi chiedevo se avrei ricevuto un sorriso appena mi avresti rivisto, ho ricevuto molto di più. Ho ricevuto calore, tenerezza, comprensione, carezze, baci, amore vero, quell'amore che si fà sentire dentro la testa, dentro il petto, dentro il cuore.......i dubbi sono diventate certezze.
Avresti potuto evitarmi, avresti potuto dire "non ti ho chiesto di venire", così avrei passato quattro giorni a zonzo a distruggermi  nel mio dolore per aver sbagliato, invece hai  voluto capire realmente se era amore quello che sentivi oppure era un calesse (è stato cosi?). Hai voluto sapere da me perchè sono venuto ma non mi hai detto perchè sei stata con me ogni momento che potevi e quindi posso solo immaginare, dirai che sono stupido a farmi ste seghe mentali.....per me ormai non ci sono più dubbi, non li ho mai avuti, sin dal primo istante, perchè se quando una donna ti guarda negli occhi e senti che dentro si rimescola tutto, se quando ti stai dando l'addio credendo che sia l'ultima volta che la vedi abracciati sul divano e ti tremano le gambe, non può essere che amore........IO LO RICONOSCO.
Sì è amore, ma devo darmi una mossa non posso passare le giornate davanti a questo schermo nell'attesa che arrivi un tuo segnale che non arriverà perchè sò che sei al lavoro,  non posso passare tutto il giorno a farmi ste seghe mentali, devo riappropriarmi della mia vita, e visto che è venerdì sera andrò a ballare.

Buona notte amore mio........

 
 
 

Ti proteggerņ

Post n°22 pubblicato il 24 Novembre 2011 da MiguelValdes
Foto di MiguelValdes

 

 

 

 

 

 

TI PROTEGGERO'..............supererò le correnti gravitazionali lo spazio e la luce per non farti invecchiare.........perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te...................più veloci di aquile i miei sogni (pensieri) attraversano il mare........perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te, io sì che avrò cura di te..............
TI PROTEGGERO', SEMPRE!!!!

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: MiguelValdes
Data di creazione: 08/11/2011
 

Non fidarti di chi dice che ti farà vedere il deserto.....
Fidati di chi dice che ti farà VIVERE il deserto!!

Il deserto è come l'amore, si vive e si vede veramente solo con il cuore.........

 

LA PRIMA VOLTA CHE......ABBIAMO PARLATO D'AMORE

 

QUANDO MI ABBANDONO......AI SOGNI

 

SALSA LOCA

 

Mi fa letteralmente impazzire.....mi da una carica esplosiva......il pianoforte poi è sublime in macchina l'ascolto sempre a palla.........

 
 

Copiato da Ginevrafatadelvento

MESSAGGIO IN COMUNE X TUTTI VOI AMICHE ED AMICI MIEI..................LA SINDROME DI DOWN NON E' UNA MALATTIA. LE PERSONE CON LA SINDROME DI DOWN NON CERCANO UNA MEDICINA, VOGLIONO SOLO ESSERE TRATTATE COME GLI ALTRI !!! IL 93% DEI CONTATTI NON COPIERA' QUESTO MESSAGGIO.... SPERO CHE TU CHE STAI LEGGENDO ORA VOGLIA FAR PARTE DEL RESTANTE 7% CHE METTERA' QUESTO MESSAGGIO NELLA SUA BACHECA