Succo di tricheco

non sono stupido, sono mentalmente libero...

Creato da ElMatadorCaliente il 04/09/2007

Cerca in questo Blog

  Trova
 
O QUID TUAE
BE EST BIAE?
RA RA RA
ES ET IN
RAM RAM RAM
I I
 

If there's a God or any kind of justice under the sky
If there's point, if there's a reason to live or die
If there's an answer to the questions we feel bound to ask
Show yourself, destroy our fears, release your mask

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

I miei link preferiti

take it easy...

 

Ultime visite al Blog

ElMatadorCalientetesmar1960fante.59mooscardellestelleMaAnkeNoXkeSimaryluisellacey_munrolatortaimperfettatobias_shuffleattaccoimminentebianconigliosblack.whalefugattoficcanasochristie_malryenrico505
 

Ultimi commenti

Buona serata
Inviato da: giramondo595
il 26/07/2013 alle 23:34
 
A volte un passo indietro è un modo per fare meglio la...
Inviato da: tigereyes3
il 21/05/2012 alle 21:12
 
sepolemia...!
Inviato da: Thiashyn
il 18/10/2011 alle 10:01
 
Veramemente molto interessante e utile. Ciao! Andrea
Inviato da: marzo1941
il 11/10/2011 alle 12:27
 
il problema non si pone dal punto di vista delle mele,...
Inviato da: ElMatadorCaliente
il 02/05/2011 alle 08:50
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 
 

 

« 2013Emmomesorottoercaxxo »

Cambiamenti

Post n°192 pubblicato il 23 Gennaio 2013 da ElMatadorCaliente

 

Ieri ascoltavo in tranquillità un po' di musica e mi sono imbattuto in questa canzone:

 

Si può vincere una guerra in due 
E forse anche da solo 
E si può estrarre il cuore anche al più nero assassino 
Ma è più difficile cambiare un'idea... 

Mi è arrivato quindi uno spunto di riflessione, ripercorrendo mentalmente alcuni passaggi della mia vita che hanno, in modo più o meno marcato, segnato dei punti di svolta nel mio cammino terreno.

 

E mi sono reso conto di come, fondamentalmente ed indipendentemente dal contesto, tutte le mie scelte siano state guidate da un istinto che risponde a dei principi lontani dal mondo (reale?) della politica e dell’interesse economico.

Devo dire che, sinceramente, per certi versi mi spiace aver lasciato determinati ambienti, ma nel contempo sono fiero dei miei cambiamenti, considerando che i cambiamenti sono parte attiva della vita e l’unica cosa che ci permette di evolvere senza fossilizzarci e soccombere di fronte a qualcosa che non riusciamo a comprendere.

E mi sono sorpreso a pensare, a proiettare nel futuro sogni e speranze, cosa che fin’ora non mi era mai capitata se non a medio-breve termine e riguardo a qualche opera in corso di realizzazione.

Sono forse passato di livello?
Sarà forse che il fatto di avere sempre davanti il confronto tra l’essere ed il poter-essere mi impone (anche inconsciamente) di focalizzarmi di più sul secondo termine di paragone?

Non so rispondere al momento. So solo che le parti si sono invertite: non c’è più qualcosa che mi spinge (passivamente) ad andare avanti, ma ci sono solo tanti traguardi da raggiungere.

Ave pueblo!

 

 

Il giorno traveste di luce ogni cosa vivente, 
Ma non toglie la paura dei fantasmi! 

Litfiba - Apapaia


 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/MirrorOnTheWall/trackback.php?msg=11865549

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento