Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

 

lunedì 18 giugno 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

UNA STRISCIA DI TERRA FECONDA

 

ONJ (Orchestre National de Jazz) diretta da Olivier Benoit

 

"Paris-Roma"

chitarra, Olivier Benoit

clarinetti, Jean Dousteyssier

sax tenore, Alexandra Grimal

sax alto, Hugues Mayot

trombone, Fidel Fourneyron

tromba, Fabrice Martinez

violino, Theo Ceccaldi

voce, Maria Laura Baccarini

pianoforte, Sophie Agnel

basso elettrico, Sylvain Daniel

piano Fender Rhodes, Paul Brousseau

batteria, Eric Echampard

Registrato il 19 settembre 2017 all'Auditorium Parco della Musica, Roma

ONJ Orchestre National de Jazz


 

 

 

 

 

 

 

 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre č possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembč di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco č possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« IL BANDO FRANCESCHINICANTO MALE IL JAZZ »

VOTA ANTONIO, ANZI NO, VOTA PIERO

Post n°3968 pubblicato il 19 Aprile 2015 da pierrde

La mia personale opinione sui referendum jazzistici l’ho espressa più volte. La riassumo a scanso di equivoci: si tratta di mere indicazioni, che acquisiscono una valenza più o meno significativa ma a puro titolo di conoscenza e scoperta e senza nessuna pretesa di oggettività assoluta. Cosi’ negli anni  il referendum di Down Beat, prossimo a compiere 80 edizioni, e cosi’ il Top Jazz per quanto riguarda il nostro paese.

Sempre in Italia da qualche anno anche il bimestrale Jazzit organizza un referendum tra i lettori. Superate le perplessità sulla formula iniziale e sulla possibilità di inquinare le votazioni da parte di ultras di varie fazioni, le ultime edizioni hanno acquisito una formula meno perforabile ma, evidentemente, ancora non del tutto credibile visto il commento che uno dei musicisti più votati, Piero Bittolo Bon,  si è sentito in dovere di postare su Facebook:

Mi spiace -e parecchio- entrare nel merito dell'argomento referendum jazz, ne avrei fatto volentieri a meno. Il dado è tratto: a quanto pare sono stato votato da un migliaio di persone come miglior flautista per i Jazzit Awards, classificandomi terzo. La cosa mi imbarazza fortemente: suono il flauto poco e male (nonostante mi piaccia molto farlo) e dentro e fuori da quella classifica ci sono signori flautisti i quali hanno tutto il diritto di farsi delle grasse risate in merito ad un piazzamento del genere, al netto della totale cretineria di queste operazioni. Sinceramente vorrei sapere com'è possibile che così tanta gente -con mille voti uno diventa consigliere comunale in una città di medie dimensioni, potrei quasi quasi darmi alla politica- abbia ritenuto degni di cotanta stima i miei excursus flautistici, che sono stati immortalati in non più di due o tre occasioni su CD (e mai in più di un paio di tracce). Invito quindi i cari amici di FB che avessero preso a cuore le mie velleità auliche votandomi al suddetto referendum a fare outing qui sotto, e a non farlo mai più. A parte gli scherzi, vorrei capire, perchè non mi è chiaro.

Che dire ? Innanzitutto va dato atto a Piero Bittolo Bon della sua onestà . Poteva starsene zitto e postare il risultato e pochi o nessuno avrebbero avuto a che dire. Riconosciuto al musicista il suo comportamento corretto rimangono tutte le perplessità sui meccanismi del Jazzit Award, anche perché Piero ha postato l’8 aprile, da allora molti sono i commenti che si sono succeduti (alcuni parecchio illuminanti) ma nessuno che abbia fugato o meno i dubbi e tantomeno da parte dei redattori o del direttore del magazine.

Credo che nessuno risponderà a me visto che non ha risposto al diretto interlocutore, e d’altronde l’argomento non ha una importanza cruciale sotto nessun punto di vista. Non mi rimane che indicare il link al quale leggere tutta la vicenda e ribadire la mia opinione: prendete i referendum cum grano salis….

https://www.facebook.com/pierobittolobon?fref=ts

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/MondoJazz/trackback.php?msg=13182680

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pierrdesandbaransa007sallydrumjuliensorel2018lorisscnicolaleonijazzpakymicartmjviola.lombardidadielidonato.tretreantonio.trevisifluxofpink
 

TAG

 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom