**TEST**
Creato da strerlizia il 09/08/2007

MONDO NEWS

Il Mondo è ciò che Accade!

 

 

Post N° 72

Post n°72 pubblicato il 22 Maggio 2008 da strerlizia
 
Foto di strerlizia

IN AUMENTO I DISAGI MENTALI TRA I DOCENTI

ROMA - Non solo bullismo, non solo ragazzi difficili. A scuola il malessere si respira anche tra il corpo docenti, che rischia in doppia misura, rispetto agli altri dipendenti pubblici, di venir sopraffatto da patologie psichiatriche. L'associazione nazionale presidi (Anp) lancia dunque l'allarme e chiama a raccolta i dirigenti scolastici: anche su di loro bisogna puntare per placare un fenomeno in continuo aumento, del quale neanche i medici sono consapevoli.

Da un'indagine presentata a Roma, emerge che meno dell'1% dei dirigenti scolastici sa gestire il disagio mentale professionale (Dmp) che colpisce i prof. "L'insegnante viene più facilmente sanzionato o trasferito - ha affermato Vincenzo Lodolo D'Oria, della fondazione Iard, che ha curato l'indagine - ma questa non è una soluzione. Il docente dovrebbe essere curato dalla commissione medica di verifica Provinciale".

Uno studio pubblicato su "Medicina del Lavoro" nel 2004 faceva notare come su 774 richieste di inabilità al lavoro presentate da insegnanti, il 49,8% derivasse da una patologia psichiatrica (nel caso degli impiegati si scendeva al 37% e nel caso degli operai del 17%). Oggi, questa percentuale sarebbe aumentata fino al 70%.

Ciononostante, rileva la ricerca Anp-Iard condotta su un campione di più di 1.400 presidi, la gran parte dei dirigenti scolastici si limita a riconoscere il "malessere" (il cosiddetto "burnout") dell'insegnante, senza pensare che questo potrebbe evolversi in una patologia psichiatrica. Inoltre i dirigenti che non hanno mai affrontato in prima persona casi di Dmp tendono a sottovalutare i rischi di incolumità dell'utenza derivanti da questa situazione: il 60,8% pensa che il Dmp possa portare solamente a disservizi. Allo stesso tempo però il 96,8% ritiene che la formazione del dirigente scolastico debba comprendere anche la trattazione di questi argomenti.

"Dobbiamo prevenire questo fenomeno - ha sostenuto Valentina Aprea (Pdl) - e fare in modo che le famiglie si alleino con gli insegnanti: la scuola deve tornare a essere un luogo di educazione". Il ministro dell'Istruzione del governo ombra, Mariapia Garavaglia (Pd), ha invitato a un legame più stretto tra scuola e sanità, del quale lei stessa si assumerà l'impegno. Alza la voce anche Giorgio Rembado, presidente dell'Anp, secondo il quale di fronte a questi problemi "non si può girare la testa dall'altra parte": insegnanti e studenti vanno tutelati.
 



Ansa

 
 
 
Successivi »
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom