Un blog creato da moon_dust il 10/08/2006

I sogni...

...sorreggono la Luna e la Vita sta a guardare...

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

LOST ON THE MOON...

immagine

***
***  
tanne3 ***
***

I ricordi... le memorie...

fluttuanti nel nostro pensiero...

come onde

che mai

arriveranno...

immagine

Troppo grande il mare per superarlo con un salto.

 Troppo scuro per stabilirne i confini.

Bisogna essere mare per capire l'inutilità del salto. 

 
 
 
 
 
 
 
immagine
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pazzescadglElyStormleonardo.ranaldilaclinicadeinasisemplicementeio130amochiamailmarenina747castriavitomielealpeperoncinofiorlettafemmina_divinaunamamma1eden58acJibrailkobolgiramondo
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 
 
 
 
 
 
 

FAIRYBOOKS...

immagine

***

immagine

 
 
 
 
 
 
 

immagine

 
 
 
 
 
 
 

SUNSHINE... SUNSHINE READING...

immagine


immagine

 
 
 
 
 
 
 

 

 

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 26 Novembre 2008 da moon_dust

28.

Aprì la pagina del suo diario... e si fermò sulle parole scritte su un foglietto poi custodite fra quelle pagine.
Erano passati molti mesi, ormai... quasi anni...
Sembrava tutto distrattamente vicino, ma così certamente lontano.

La storia si era consolidata in tanti giorni aggranellati uno dietro l'altro, come un rosario. E le loro anime, se non ancora del tutto nude, si sfrioravano nell'empatia più calda...
Ma il freddo silenzio dell'orgoglio, alle volte, ibernava quei giorni al limite della battuta d'arresto.
Lesse quelle pagine di diario così lontane, così sbiadite. Con un inchiostro ingrassato dal tempo e da una calligrafia quasi sconosciuta, eppur sua.
Calde lacrime d'affetto e nostalgia le rigarono quel viso che, da tempo, non era più capace di sorridere, se non per rapide e ripide imposizioni.
Si abbandono alle coperte del sonno per trovare del calore nel freddo delle parole che gli aveva appena lasciato...
Tutto precipitava... come una collina di farina dopo un colpo di mano... si sentiva scivolare su quella morbidezza... senza tempo...

Avidamente, lesse più che poteva... e rilesse per riprovare quelle sensazioni degli inizi, talmente diverse dal poi.
Lesse... e il vortice di nostalgia la attanagliò fino a renderle insopportabile il presente.

Chiuse tutto.
Si abbandonò nel ricordo.
Al pianto.
Al frastuono di perchè...

Il giorno dopo, raccolse il diario abbandonato per terra...
Quel che aveva letto, non aveva data.

^

 
 
 

Post N° 27

Post n°27 pubblicato il 20 Gennaio 2008 da moon_dust

27.

Probabilmente era così.
E probabilmente non aveva il coraggio di cambiare il corso delle cose.
Ma come si fa a decidere di avere uno stacco dalla persona che si ama?
Come si fa a dire tutto d'un fiato che, forse, è meglio per il bene di entrambi non sentirsi per qualche giorno? va bene... anche qualche ora...
Non poteva. Sapeva che sarebbe durato il breve spazio di un'ora circa.
Perchè non sentirlo le faceva mancare il fiato, precipitandola in quell'abisso di solitudine di cui tanto aveva paura. Che bene conosceva. E che ardentemente evitava. Per non doverlo più rivivere. Soffrire.
Ma così soffocava.
E lo sapeva.
Quel nervosismo che impoveriva le sue giornate doveva finire.
Non si sentiva così da tempo.
Da quando... si, da quando qualcuno la soffocava togliendole vita.
Perchè mai ogni cosa toccasse la sua esistenza doveva finire per farla morire... lentamente?
Non poteva permettere che succedesse anche con lui.
Lui lo amava. E senza sarebbe finita.
Ma così soffocava.
E il circolo vizioso di danze attorno a se stessa nella vana speranza di capire di cosa avesse bisogno terminava facendole perdere il senso dell'orientamento...

Forse ciò di cui aveva bisogno era il silenzio.
Quel silenzio rigeneratore della solitudine cercata.
Che solo poteva farle riprendere il senso della direzione.
Anche riportarla da lui. Dal quale pian piano stava allontanandosi. Se... come era purtroppo vero stava accadendo... la realtà aveva vinto sull'amore e, crudele, le faceva notare quel che non andava nel loro rapporto.

Come poteva fare... da sola?

 
 
 

Post N° 26

Post n°26 pubblicato il 26 Novembre 2007 da moon_dust

26.

Vennero scattate delle foto quel giorno.
Foto ricordo...
In quella foto c'era lui abbracciato e sorridente ad un'altra.
Non in quella, ma in altre avrebbe potuto essere anche lei.
Ma lei, appunto, non era parte del tutto.
Era distante anni luce
dall'essere inclusa in una foto ricordo... come nella vita reale.
Era come se agli altri fosse dovuto. Meno che a lei. Piccola intrusa.
Così rimase a guardare da lontano la scena di sorrisi e abbracci.
Quell'incudine la oppresse troppo per continuare a credere a parole...
Lei non avrebbe accettato quella situazione se fosse stata in quella foto. Avrebbe parlato chiaro.
Avrebbe pesato chi era più importante.
Ma non tutti sono uguali. E lei lo sapeva bene...
Ricacciò indietro le lacrime rassegnandosi a quella realtà.

Lei non avvrebbe mai fatto un passo in più...

 
 
 

Post N° 25

Post n°25 pubblicato il 08 Luglio 2007 da moon_dust

25.

Quando aprì quella porta fu come se avesse aperto una porta sul tempo.
Percorse quel corridoio come se stesse percorrendo un indeterminato spazio temporale. Anche i colori che indossava le si modificarono nella mente.

Entrò in quel bagno che un tempo era stato suo.
Ricordò quando vi si rifugiava nei momenti in cui cercava la quiete. La quiete. Perchè quello era il posto che solo in pochi potevano raggiungere.
Si aggiustò il trucco e si guardò allo specchio.
Pensò che anche il blu le donava.
I capelli raccolti... il taglio deciso della gonna... E piano quel blu cominciò a modificarsi in un verde quasi irreale.
La sua collega uscì dal bagno e la travolse di parole che lei non ascoltava.
Ma la riportò alla realtà quando le chiese se voleva un caffè...

Si...
Quel caffè preso laddove gli aerei decollano...
E ancora...
Si sedette su quelle poltrone che un tempo erano state sue. Come se fosse un diritto occuparle. E mai avrebbe pensato sarebbe giunto il giorno in cui le avrebbe occupate ancora.

Era uscita dal portone principale ed era rientrata dalla porta di servizio, pensò.
Un moto di orgoglio la invase insieme al caffè caldo.
Era riuscita a tornare dove aveva sempre voluto.
Trasformata... si...
Un'altra... si...
Accontentata... si...
Ma era lì. Con la soddisfazione di chi viene allontanato e poi si pavoneggia nel ritorno. Nel ritorno...
Quella parola le rimbombava come i suoni degli aerei in decollo.

Si accomodò i pensieri.
Stava tramontando.

***

A volte i sogni muoiono all'alba...


 
 
 

Post N° 24

Post n°24 pubblicato il 12 Maggio 2007 da moon_dust

24.

Si affacciò alla finestra per osservare il mare.
Una scia bianca tradiva il passaggio di un aereo.
Il rumore lontano la richiamò nella ricerca della sagoma alata.

Rimase ad osservare i suoi elementi.
L'acqua del mare la richiamava con i suoi profumi primaverili e le ricordava del loro incantesimo notturno nelle sere d'estate.
Ma l'aria... quel volo misterioso che non avrebbe mai fatto perchè la Natura non glielo aveva concesso... l'attirava con il sapore delle cose proibite.

Per un pò di tempo aveva creduto che i binari, sui quali camminare, le erano stati ben indicati e che uscire dal proprio selciato avrebbe comportato un rischio.
Ma un rischio cosa era, dopotutto, nell'intero percorso di una vita?

Si ritrovò ad osservare il presente ed il futuro, non sapendo se dare ascolto al passato. Si librò nei sospiri dell'indecisione contemplando la sua sagoma allungarsi verso il mare, nell'attenuarsi rigido delle ombre serali...
Se la sua ombra protendeva verso il mare...
Bè, forse era il caso di ascoltare il canto di sirena, abbandonando ancora una volta il canto lusinghiero delle rondini...

volo perpetuo nella sua eterna voglia di infinito...

***

immagine

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

immagine

Vivere... nello spazio di un momento...
..e riuscire a perdersi per ritrovare se stessi
.. e crederci...
..per sognare la nostra realtà...
e farla divenire nostra..
..viva e splendida forza di vita...

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

PAGES OF LIFE...

immagine

***

immagine

***

immagine

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963