Area personale

 

"Sig.ra Tomcat- La Tigre del Guatemala" Fan Club

 

Presidente: TomcatUSA
Segretaria Club: tissy_dei_boschi

Membri:

001: Donatella da Suzhou
002: Hari_Charan
003: pinguina_felice
004: anna0772
005: epoisa
006: toughenough
007: Fayaway
008: Panda.Romagnolo

Per diventare membro dell'esclusivo Fan Club
"Sig.ra Tomacat-La Tigre del Guatemala"
scrivere a tomcatusa@libero.it o contattare la segretaria del club tissy_dei_boschi

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Ultime visite al Blog

tissy_dei_boschiCaterinaAmatocassetta2halim3stellapikSEMPLICE.E.DOLCEdangrandessoantoniolaretinoclaudiosub30bimbayokobelanciteluketreviselotechsrl_in_liquidluca.balboniscoontrosa
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

Ultimi commenti

ottima informazione, molto utile per quanto ne so, cordiali...
Inviato da: sftpport
il 29/05/2019 alle 04:13
 
grande informazione. grazie
Inviato da: vmware
il 29/05/2019 alle 04:11
 
thank
Inviato da: sftp port
il 29/05/2019 alle 04:08
 
Thanks Brother
Inviato da: UltraVNC
il 27/05/2019 alle 23:57
 
Get that articel
Inviato da: Mie Keueng
il 27/05/2019 alle 23:54
 
 
 

Stat

 

Where are you

 

Che tempo fa'... a ZhuHai

The WeatherPixie

 
hit counters
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Stat 2

var sc_project=3853986; var sc_invisible=0; var sc_partition=31; var sc_click_stat=1; var sc_security="f71aea25";
web page hit counter
 

 
Creato da: TomcatUSA il 15/08/2006
Fatti e situazioni di un Italiano in Cina

 

 
« A Grande Richiesta... 200!Sorry, I smell »

BTIC - Oltre il Buco Nero

Post n°201 pubblicato il 09 Luglio 2011 da TomcatUSA
Foto di TomcatUSA

Qualche settimana fa sono venuti a trovarmi in Cina un paio di ragazzi italiani per darmi una mano nell’implementazione della nuova linea di assemblaggio. Uno di loro è ormai un veterano della Cina e sa cosa la Cina ti puo’ riservare. L’altro invece, oltre ad essere giovanissimo, era la prima volta che metteva piede nella Terra di Mezzo per cui, durante il tragitto dall’albergo alla fabbrica, mi affannavo a spiegargli cosa significasse vivere e lavorare in Cina decantando a memoria alcuni dei miei post precedenti… Guardandolo dallo specchietto retrovisore però, mi accorgo che il giovane ed inesperto virgulto, forte dei consueti tre anni di militare a Cuneo e di  alcune trasferte di lavoro in Europa e Stati Uniti, mi ascoltava con sufficienza pensando forse che tutto quello che raccontavo fosse, come spesso mi accade quando racconto la Cina, un’esagerazione.

Mentre cercavo un modo efficace di convincere il giovane che in Cina capitano effettivamente cose un po’ strane, il fato viene in mio soccorso (???) e per la sesta volta in poco più di due mesi buco un pneumatico… e come dico spesso, un buon esempio vale più di mille spiegazioni…

Dopo essere scesi dalla macchina e verificato che il copertone era completamente divelto, trovandoci a circa dieci minuti dalla fabbrica decido di chiamare una delle mie pie donne dell’ufficio informandola che ancora una volta la mia macchina, chiaramente posseduta dal Dimonio, aveva deciso di lasciarmi a piedi avendo bucato per l’ennesima volta un pneumatico. Spiego quindi dove mi trovo e di mandare qualcuno a recuperarci al più presto. Fatto questo, considerando la temperatura di 33 gradi con altissima umidità caratteristica del Guandong in questa stagione, invito tutti a rientrare in macchina ad attendere gli eventi con l’aria condizionata accesa visto che ci sarà sicuramente da aspettare almeno una mezz’ora…

-«Come mezz’ora??» - chiede il giovane inesperto - «ma se siamo a dieci minuti dalla fabbrica, perché ci sarà da aspettare almeno mezz’ora??»
-«BTIC…»
-«Cosa??»
-«BTIC… Because This Is China…»
-«Cosa vuoi dire??»
-«Vedi, giovane virgulto inesperto, questo è esattamente quello che stavo cercando di spiegarti prima… Tu, senza ovviamente saperlo,  ti stai rapportando alla Cina applicando il Logos Greco ovvero stai ragionando usando un pensiero critico, razionale ed oggettivo perché questo ti è stato insegnato in anni e anni di permanenza in Italia… purtroppo in Cina il Logos Greco il più delle volte non è applicabile… E l’unico modo per il povero LaoWai di darsi una spiegazione plausibile di quello che succede attorno a lui è utilizzare il concetto del BTIC… Because This Is China…»
-«---»
-«Ti faccio un altro esempio… cosa c’è oltre un buco nero??»
-«Non saprei…»
-«Mah… ancora non mi capacito di come persone come te possano condurre una vita apparentemente normale senza conoscere concetti del genere… comunque secondo alcune teorie della fisica, raggiunto il centro di buco nero (cosa di per se già impossibile) lo spazio diventerebbe monodimensionale mentre il tempo diventerebbe tridimensionale…»
-«E cosa vuol dire??»
-«Niente di più di quello che ho detto… lo spazio sarà monodimensionale mentre il tempo tridmensionale»
-«Non riesco ad immaginare un tempo tridimensionale…»
-«Esattamente… Il problema è che tu stai cercando di applicare il tuo concetto di spazio/tempo in un contesto completamente diverso… la Cina è come se fosse dall’altra parte del buco nero e ha uno spazio monodimensionale e un tempo tridimensionale… e purtroppo la tua mente continua ad elaborare uno spazio tridimensionale e un tempo monodimensionale e oltrettutto unidirezionale… e le due cose non collimano assolutamente… lo so, sono concetti difficili… ma altrettanto lo è la Cina…»
-«---»
-«A riprova di quello che ti sto dicendo, ti faccio notare che sono ormai venticinque minuti che stiamo parlando e ancora non si è visto nessuno…»
-«Incredibile… ma cosa può essere successo??»
-«Molte cose in verità… la prima è che una volta che la pia donna che ho chiamato ha ricevuto la mia informazione, ha dovuto passare la stessa a uno o due autisti… nello spazio tempo in cui sei abituato tu il tutto si risolve in pochi secondi “Il laoWai ha bucato per l’ennesima volta, si trova subito dopo l’incrocio della strada che porta all’aeroporto, andate a prenderlo”»
-«E invece??»
-«E invece in un universo  con il tempo a tre dimensioni capisci anche tu che tutto si complica enormemente…»
-«---»
-«Inoltre le mie coordinate di posizione sono riferite ad uno spazio tridimensionale… Ma hanno ancora senso in uno spazio monodimensionale??»
-«Non saprei…»
-«Speriamo di si perché altrimenti potremmo rimanere qui per un bel po’…»

Il silenzio cala nell’abitacolo… troppi concetti pesanti tutti insieme che necessitano ovviamente tempo per l’assimilazione. Nel frattempo, allo scoccare della mezz’ora, appare lo “scarrafone” (vecchio minivan Suzuki) con a bordo due autisti accorsi a recuperarmi… Uno dei due autisti tiene in mano orgogliosamente la soluzione del problema: una pompa di bicicletta. Noi lo guardiamo increduli e il giovane virgulto allarmato esclama:
-«Ma cosa vuol fare?!?! Vuole pompare il pneumatico divelto con una pompa di bicicletta??»
-«Purtroppo credo di si… Nell’universo a tempo tridimensionale si tratta di una procedura standard…»
-«Ma morirà… ci sono 33 gradi con quasi il 100% di umidità!!»
-«Lo so… è un’operazione rischiosa ma forse possiamo ancora salvarlo…»
-«E come??»
-«Montiamo al più presto sullo scarrafone e andiamocene…»
-«E così lo salviamo??»
-«Certo, quando lo spazio diventa monodimensionale perdere la faccia è inammissibile… ormai lui continuerà a pompare finchè non ce ne siamo andati…»
-«Posso almeno fare una foto??»
-«Ok, ma fai in fretta… non c’è molto tempo…» (Vedi riquadro)

E così ce ne siamo andati apparentemente abbandonando l’autista al suo destino… ma in realtà salvandogli la vita. Nel pomeriggio infatti ho incontrato l’autista sulle scale degli uffici… ancora paonazzo ma sorridente. Tutto è bene quello che finisce bene…

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog