Area personale

 

"Sig.ra Tomcat- La Tigre del Guatemala" Fan Club

 

Presidente: TomcatUSA
Segretaria Club: tissy_dei_boschi

Membri:

001: Donatella da Suzhou
002: Hari_Charan
003: pinguina_felice
004: anna0772
005: epoisa
006: toughenough
007: Fayaway
008: Panda.Romagnolo

Per diventare membro dell'esclusivo Fan Club
"Sig.ra Tomacat-La Tigre del Guatemala"
scrivere a tomcatusa@libero.it o contattare la segretaria del club tissy_dei_boschi

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Ultime visite al Blog

tissy_dei_boschiCaterinaAmatocassetta2halim3stellapikSEMPLICE.E.DOLCEdangrandessoantoniolaretinoclaudiosub30bimbayokobelanciteluketreviselotechsrl_in_liquidluca.balboniscoontrosa
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

Ultimi commenti

ottima informazione, molto utile per quanto ne so, cordiali...
Inviato da: sftpport
il 29/05/2019 alle 04:13
 
grande informazione. grazie
Inviato da: vmware
il 29/05/2019 alle 04:11
 
thank
Inviato da: sftp port
il 29/05/2019 alle 04:08
 
Thanks Brother
Inviato da: UltraVNC
il 27/05/2019 alle 23:57
 
Get that articel
Inviato da: Mie Keueng
il 27/05/2019 alle 23:54
 
 
 

Stat

 

Where are you

 

Che tempo fa'... a ZhuHai

The WeatherPixie

 
hit counters
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Stat 2

var sc_project=3853986; var sc_invisible=0; var sc_partition=31; var sc_click_stat=1; var sc_security="f71aea25";
web page hit counter
 

 
Creato da: TomcatUSA il 15/08/2006
Fatti e situazioni di un Italiano in Cina

 

 
« Fuori dal TunnelGlobale Dott. Livello »

Chi e' causa del suo mal...

Post n°198 pubblicato il 06 Novembre 2010 da TomcatUSA
Foto di TomcatUSA

La settimana scorsa, approfittando del fatto che ero in Italia per alcune riunioni, sono stato intervistato da una giornalista di Millionaire come persona informata sui fatti sul tema “Cina”. Dopo quasi un’ora di intervista durante la quale ho spiegato con vari esempi le innumerevoli difficoltà che si trovano vivendo e lavorando qui e sottolineando quanto la sanità mentale venga messa a dura prova in un posto come questo, alla fine la giornalista mi fa la domanda finale per la lode… una domanda che in realtà nessuno mi aveva mai fatto in modo così diretto:

-«…Quindi ingegnere, dopo quanto mi ha detto, ne deduco che se le proponessero di lavorare nella stessa azienda, nella stessa posizione e con lo stesso trattamento economico ma in Italia invece che in Cina lei accetterebbe immediatamente... Giusto??»

 La risposta che mi aspettavo di sentire uscire dalla mia bocca era un sicuro: «Certamente!!!». Cosa che però non è accaduta… Al posto del «Certamente!!!» che mi aspettavo è apparso uno strano boffonchiare, un prendere tempo alla ricerca di alcuni improbabili distinguo, una pausa di riflessione… In quei pochi secondi in cui cercavo di riorganizzare le idee mi sono passate per la mente un paio di cose. Innanzitutto i miei rientri in Italia, prima dagli Stati Uniti e poi dalla Cina… due situazioni completamente diverse che però avevano in comune un non chiaro malessere di fondo caratteristico (temo) dei disadattati… In entrambi i casi (Stati Uniti e Cina), l’esperienza mi aveva profondamente cambiato e ricordo perfettamente quanto fosse stato difficile riabituarsi alla “normale” vita italiana.
Subito dopo mi è tornata in mente una chiacchierata fatta poche ore prima con due manager Cinesi che mi ero portato in Italia ai quali avevo chiesto cosa ne pensassero dell’Italia e in particolare della “vita d’ufficio” nel quartier generale…

-«Acceptable…»
-«Come “acceptable”?? Non vi sembra che qui sia “great” o “wonderful”??»
-«No… Only acceptable»
-«Come mai??»
-«Non devi fraintendere… qui è tutto molto bello, organizzato. Tutti molto simpatici e carini. Tutti sembra sappiano cosa devono fare… Qui non servono nemmeno le procedure che comunque sicuramente ci saranno. Senti che calma e tranquillità… Tutti parlano sottovoce… Nessuno si arrabbia… Tutto sembra scorrere senza problemi… E se ti senti solo organizzi una riunione… oppure vai alla macchinetta del caffè… »
-«E non è bello così??»
-«”Acceptable”… per un piccolo periodo di tempo… Come quando si va in vacanza… Ecco, qui si sta bene in vacanza…»
-«E poi??»
-«E poi secondo me diventa noioso… secondo me qui non succede mai niente… Voi mettere quando tu diventi rosso paonazzo con la schiuma alla bocca perché qualcosa non va’?? Molto più interessante… Anzi, appena torniamo organizziamo subito una bella riunione riepilogativa… vedrai che divertimento!!!»
-«Sarà anche divertente ma ti possono saltare le coronarie in questo modo…»
-«Le coro-chè??»
-«Le coronarie… vasi sanguigni che portano il sangue al muscolo cardiaco… saltano quelle e si muore…»
-«Beh forse… ma se muori vuol dire che prima eri vivo… Guardati attorno: non ti viene il dubbio che qualcuno qui potrebbe essere già (metaforicamente) morto??»
-«In effetti…»
-«Appunto… per cui alla fine è meglio da noi…»
-«Sarà… ma allora nel budget dell’anno prossimo bisogna che mi ricordi di inserire un defibrillatore… Just in Case…»

Intanto la giornalista attendeva una risposta…

-«Allora?? Tornerebbe in Italia alle stesse condizioni si o no??»
-«Forse no??»
-«Ma come?? Dopo tutto quello che mi ha detto?? Perché preferirebbe rimanere in Cina??»
-«Perché qui alla fine è divertente… difficile, pazzesco, incredibile, sfibrante ma alla fine estremamente divertente…»
-«Ma quanto divertente??»
-«Mi creda… parecchio...»

Come leggevo qualche giorno fa su un social network, un expat definiva la Cina come una droga che, una volta provata, da grave assuefazione e dipendenza. Spesso la si odia profondamente… ma allo stesso tempo non si riesce a farne a meno e dopo un po’ che si è fuori ti manca…

«Chi è causa del suo mal, pianga se stesso»… me lo dico da solo così vi tolgo l’incombenza…

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog