Creato da I_mie_racconti il 17/04/2013

L@ur@

Percorsi letterari

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PerturbabilelascrivanaI_mie_raccontiil_parresiastarosarioterzomillennimcurrisPerturbabiIebianconigliosdarkloverallelujastellinalamezzamelawalter.marelusimia2005minoc
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Insegnami a essere figli...Insegnami a essere figli... »

Insegnami a essere figlia: La strana sensazione.

Post n°9 pubblicato il 26 Aprile 2013 da I_mie_racconti

 

Insegnami a essere figlia: La strana sensazione.

Post n°559 pubblicato il 12 Marzo 2013 da lascrivana

 

Rimasi di stucco davanti alla reazione di Davide, presa da un profondo senso di disgusto per quel bacio inaspettato:iniziai a sputare come se avessi ingoiato un rospo.

Non era così che avevo sognato di ricevere il mio primo bacio! Immaginavo che avrei udito le campane e che avrei sentito le classiche farfalle nello stomaco: quella specie di rimescolio delle viscere che ti prende prima di un attacco di enterite; o almeno è così che ci sente, facendo riferimento  a quanto mi aveva confidato Marisa prima che litigassimo per via dei pettegolezzi sui giornaletti -certo che lei la sapeva lunga su certe cose, e si è permessa pure il lusso di mettere in giro quelle voci su me e Simona... la odio per questo. 

-Ma Danila cosa aspetti a salire!- 

La voce squillante di Simona che m'invitava a rientrare in casa, mi distolse dai miei pensieri. 

-Lo odio Davide! Non lo parlerò mai più per quello che mi ha fatto!- 

-Hai ragione Danila! Sarei voluta scendere di sotto e dargli un calcio dove dico io a quel porco... ma come ha osato prenderti così alla sprovvista? - 

-Ti prego Simona, non parliamone più. Preferisco dimenticare al più presto questa brutta faccenda-. 

Lasciai casa di Simona dimenticando persino di struccarmi, il che mi fece sorbire la ramanzina di mia madre che mi urlò dietro che solo le donnacce si truccano in quel modo appariscente,  e che non avrei dovuto più frequentare casa di Simona altrimenti chissà quale brutta strada avrei preso.

Mi chiusi in camera disperata senza nemmeno controbattere. Le forti emozioni contrastanti provate durante il giorno, mi avevano lasciato in uno strano stato d'ansia; e se inizialmente la sensazione provata era quella di disgusto; ora, da sola nella mia cameretta, la percepivo in maniera totalmente diversa. 

Il ricordo di quel bacio mi bruciava ancora sulle labbra, e finalmente sentivo quello strano rimescolio nello stomaco che mi toglieva persino l'appetito. 

-Noo... non posso essermi innamorata di lui! Lo odio per quello che ha fatto a me e a Simona... e poi è ancora un moccioso, e a me piacciono i ragazzi più grandicelli-. 

Mi riportò alla realtà la voce di mio padre che mi chiamava per la cena. Mi lavai per bene il viso donde evitare un'altra discussione anche con lui -tanto sapevo che mia madre avrebbe mantenuto il segreto; in fondo anche in altre situazioni si era rivelata mia complice. Chiaramente non dimenticando mai di fare il suo dovere di genitore.

A cena non mangiai quasi nulla, attirando l'attenzione di papà che si domandava preoccupato se stessi poco bene. Intervenne la mamma al posto mio, dicendogli che sicuramente non stavo bene per via di quelle cose comuni a noi donne e che ci vengono una volta al mese.

Imbarazzato della delicatezza dell'argomento, papà non disse più una parola in merito e io potei ritirarmi nella mia cameretta senza dovermi sorbire nuovamente il terzo grado.

Una volta in camera, iniziai a riempire le pagine del mio diario con i disegni delle classiche vignette che tanto andavano in quel periodo -L'amore e...-

 L@ur@

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Narrrazioni/trackback.php?msg=12062641

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
alice_insonne
alice_insonne il 26/04/13 alle 20:42 via WEB
Li leggerò tutti con estrema calma, magari stanotte sul tardi, altrimenti non posso commentare :) Grazie, una dolce serata Laura !
Alice
 
 
I_mie_racconti
I_mie_racconti il 26/04/13 alle 20:44 via WEB
Nella scrivana sono esposti gli ultimi. Ma questo è un blog speciale per contenere solo ed esclusivamente il racconto. Mi piace rileggerlo e ripostarlo con le musiche attinenti al racconto.
 
kykky2001
kykky2001 il 27/04/13 alle 01:30 via WEB
Ho sempre odiato quelle vignette di Amore è....Secondo me quel sapore non era poi così disgustoso....
 
 
I_mie_racconti
I_mie_racconti il 27/04/13 alle 08:10 via WEB
Lo era invece. Così come la prima volta che fai l'amore. Il dolore impedisce di vivere a fondo l'amplesso e si è troppo giovani per capire che quel dolore, con il tempo, avrebbe acquisito un piacere unico e irripetibile.
 
StregaM0rgause
StregaM0rgause il 27/04/13 alle 08:39 via WEB
Peynet...sdolcinature assurde eppure è stato un fenomeno sociale, per valentino rispunta ancora oggi...bacio laura
 
 
I_mie_racconti
I_mie_racconti il 27/04/13 alle 08:45 via WEB
E pensa che io, per le mie compagne di scuola e amiche, ne ho creato un altro fenomeno: Ho disegnato le due figurine su cartoncino e per loro ho creato tanti vestiti da fargli indossare ad ogni occasione. Persino l'abito da sposa, i jeans, le minigonne<che all'epoca non potevo assolutamente indossare>, un vero boom nella mia scuola. Per questa iniziativa ho ricevuto un sacco di regali dalle mie compagne, proveniente da famiglie più benestanti. Tutti i giocattoli migliori in commercio, che barattavano con le mie figurine. Barbie, case di barbie, big jimm, corinne, insomma tutto quello che all'epoca era più venduto.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.