Creato da: Naturamondo il 11/01/2014
Per vivere all'infinito dionisio sparacio

 

I miei link preferiti

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Contatta l'autore

Nickname: Naturamondo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: PA
 

FACEBOOK

 
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 

 

 

 

 

 

HO VISTO GLI ANGELI

 

Erano per strada,

gli occhi nell'orizzonte

riflettevano l'azzurro

del cielo.

A passi brevi e svelti

s'allontanavano

pregando o sorridendo.

Li ho visti dagli abiti

bianchi servire e

confortare.

Li ho visti a scuola

come nel giardino

di Dio.

Li ho visti dinanzi

all'altare che davano

a Dio l'incenzo della

preghiera.


 

BISOGNO D'AMORE

 

C'è nel mondo

tanto bisogno d'amore,

d'amore che si nutre

di bene.

Il fango ti attanaglia

il cuore,

la carne ti brucia

l'amore.

E' Dio il cibo del cuore,

E' Dio l'Amore.

Di Lui Nel mondo c'è

tanto bisogno.

 

 

CANTA L'IDEALE

 

E' sempre primavera

nel cuore ricco dell'ideale.

Quando il candore del

giglio e l'ardore di salvezza

contano nel tuo cuore,

allora è gioia

gioia vera perchè di cielo.

 

 

IL DESERTO PUO' FIORIRE

 

Non so rassegnarmi a

pensare il mondo un

deserto.

E' vero, il fango avanza,

sommerge,

il fuoco tutto consuma.

Sei verde negli anni,

ma giovane solo se vivi

per gli altri, nell'eroico

commino di ogni giorno.

Solo così il deserto

fiorirà.

Non ti lamentare se l'errore

minaccia e rovina.

Non inveire se l'oro incatena,

se il vizio attanaglia, se la

vita diventa tempesta.

Ogni giorno, dai te stesso agli

altri.

Solo allora, il deserto fiorirà.

 

 

FIDUCIA

 

Non pensare sempre

alla tempesta o che

questa sia inutile, o

solo dannosa,

Verrà il sereno!

si farà bonaccia!

Non ti piegare al

fallimento.

Ama sperare.

Dopo la tempesta,

viene il sereno,

c'è l'arcobaleno.

Ama sperare.

Il dolore è con noi,

è mirra che aiuta

l'anima a non

putrefarsi.

Senza dolore, non c'è

salvezza, non virilità!

Abbi fiducia, anche il dolore

fiorirà!

Non ti accasciare,

non soffocare,

domani sarà bonaccia,

domani compariranno

i colori.

Abbi fiducia!

 

 

 

 

 

IL CANTO E' ARMONIA

D'ANIMO

 


 


 

 

 
« Il vero Amore

La diversità non è un valore

Post n°72 pubblicato il 20 Marzo 2019 da Naturamondo
 

Si discute molto, da anni, come pure in questi ultimi giorni, del significato e dell’importanza della “diversità” che, però, non va mai confusa con la “differenza”. Sono due parole tra loro in contrapposizione. La discussione sulla diversità è interessante perché è un dibattito che riguarda tutti e che investe l’attualità presente e futura del pensiero liberale e libertario. L’uguaglianza è la lotta all’ingiustizia.

Non si può comprendere la diversità, perciò, senza prima definire l’uguaglianza. Perché i due concetti sono tra loro uniti e indissolubili. “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

Insomma, tutti gli uomini e le donne nascono tra loro uguali. Sono uguali. Al di là della famiglia di appartenenza, al di là dell’etnia, della religione, degli orientamenti sessuali e del ceto sociale.  L’uguaglianza implica, quindi, pari dignità e pari opportunità. Senza distinzioni dovute alla ricchezza, all’opinione politica, alla nazionalità o al censo. L’uguaglianza degli uomini e delle donne, insomma, riguarda ciascuno di noi.

E non guarda al colore della pelle, degli occhi o dei capelli. La razza umana è una e una soltanto. Il genere umano è uno solo. Senza eccezioni. Senza deroghe. Senza pregiudizi.  “Tutti gli uomini nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. Ma gli uguali sono diversi, per definizione. La diversità di cultura, di carattere, di gusti, di attitudini e di ingegno sono l’espressione evidente della nostra uguaglianza. Sono il segno che l’uguaglianza vive nella diversità.

E che dobbiamo trovare non dei valori condivisi, come si sente ripetere un po’ da ogni parte, ma trovare la convivenza anche di valori diversi: valori che ci permettano di convivere nonostante la diversità, di vivere insieme nonostante e grazie alle nostre diversità.

L’uguaglianza è la lotta alle ingiustizie e alle differenze. E la lotta alle ingiustizie non accetta i veti sulle persone o sui popoli, non permette esclusioni arbitrarie ed è incompatibile con qualsivoglia oscurantismo, fanatismo o proibizionismo. L’uguaglianza è un diritto. Anzi, è il Diritto. E chi non rispetta i diritti degli altri perde automaticamente i propri.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog