Un blog creato da nebbiazzurra il 09/12/2005

Il nido di Azzurra

...ricerca il cuore della nebbia

 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 

 

 

La vecchia anfora

Post n°173 pubblicato il 04 Febbraio 2007 da nebbiazzurra
Foto di nebbiazzurra

Ogni giorno, un contadino portava l'acqua della sorgente al villaggio in due grosse anfore che legava sulla groppa dell'asino, che gli trotterella va accanto.
Una delle anfore, vecchia e piena di fessure, durante il viaggio perdeva acqua.
L'altra, nuova e perfetta, conservava tutto il contenuto senza perderne nemmeno una goccia. L'anfora vecchia e screpolata si sentiva umiliata e inutile, tanto più che l'anfora nuova non perdeva occasione di far notare la sua perfezione: "Non perdo neanche una stilla d'acqua, io!"
Un mattino, la vecchia anfora si confidò con il padrone: "Lo sai, sono cosciente dei miei limiti. Sprechi tempo, fatica e soldi per colpa mia.
Quando arriviamo al villaggio io sono mezza vuota. Perdona la mia debolezza e le mie ferite".
Il giorno dopo, durante il viaggio, il padrone si rivolse all'anfora screpolata e le disse: "Guarda il bordo della strada". "Ma è bellissimo! Tutto pieno di fiori! " rispose l'anfora.
"Hai visto? E tutto questo solo grazie a te! " disse il padrone.
"Sei tu che ogni giorno innaffi il bordo della strada. Io ho comprato un pacchetto di semi di fiori e li ho seminati lungo la strada, e senza saperlo e senza volerlo tu li innaffi ogni giorno".
La vecchia anfora non lo disse mai a nessuno, ma quel giorno si sentì morire di gioia.
Siamo tutti pieni di ferite e screpolature, ma se lo vogliamo possiamo fare meraviglie con le nostre imperfezioni.

 
 
 

Volammo davvero

Post n°172 pubblicato il 03 Febbraio 2007 da nebbiazzurra
Foto di nebbiazzurra

Volammo davvero
Un dialogo ininterrotto con Fabrizio De Andrè
Serata di reding e musica condotta da Lella Costa e Neri Marcorè con la partecipazione di Nicola Piovani, Gianmaria Testa, Danilo Rea gli autori e gli amici della Fondazione regia di Giorgio Gallione


Lunedì 5 febbraio 2007, ore 20:30
Teatro Dal Verme
Via San Giovanni sul Muro 2, Milano
INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI

http://www.fondazionedeandre.it/la_fondazione/i_progetti/

 
 
 

Let it be

Post n°171 pubblicato il 03 Febbraio 2007 da nebbiazzurra
Foto di nebbiazzurra

Lascia che sia

When I find myself in times of trouble
Mother Mary comes to me
Speaking words of wisdom, let it be
And in my hour of darkness
She is standing right in front of me
Speaking words of wisdom, let it be
Let it be, let it be
Let it be, let it be
Whisper words of wisdom, let it be

Quando cerco me stesso in periodi difficili
Madre Maria viene da me
Dicendo parole di saggezza, lascia che sia
E nella mia ora buia è
Proprio di fronte a me,
Pronunciando parole di saggezza, lascia che sia
Lascia che sia, lascia che sia
lascia che sia, lascia che sia
Sussurrando parole di saggezza, lascia che sia

And when the broken hearted people
Living in the world agree
There will be an answer, let it be
For though they may be parted
There is still a chance that they will see
There will be an answer, let it be
Let it be, let it be

Ah let it be, let it be
Yeah there will be an answer, let it be
Oh let it be, let it be
Ah let it be, let it be
Whisper words of wisdom, let it be

E quando le persone dal cuore infranto
Che vivono sulla terra si trovano d’accordo
Ci sarà una risposta, lascia che sia
Perché anche se sono isolate
Vedranno che per loro c’è ancora un’opportunità
Ci sarà una risposta, lascia che sia
Lascia che sia, lascia che sia

Ah lascia che sia, lascia che sia
Si ci sarà una risposta, lascia che sia
Oh lascia che sia, lascia che sia
lascia che sia, lascia che sia
Ah lascia che sia, lascia che sia,
Sussurrando parole di saggezza, lascia che sia

 
And when the night is cloudy
There is still a light that shines on me
Shine on until tomorrow, let it be
I wake up to the sound of music
Mother Mary comes to me
Speaking words of wisdom, let it be
Let it be, let it be
Let it be, yeah let it be
Oh there will be an answer, let it be
Let it be, let it be
Yeah let it be, yeah let it be
Whisper words of wisdom, let it be

E quando la notte è cupa c’è
Ancora una luce che risplende su di me
Splenderà fino a domani: lascia che sia
Mi sveglio al suono della musica
Madre Maria viene da me
Pronunciando parole di saggezza, lascia che sia

Lascia che sia, lascia che sia
lascia che sia, lascia che sia
Oh ci sarà una risposta, lascia che sia
lascia che sia, lascia che sia
Si lascia che sia, si lascia che sia
Sussurrando parole di saggezza, lascia che sia

 ( John Lennon )

 
 
 

Primo giorno

Post n°170 pubblicato il 03 Febbraio 2007 da nebbiazzurra
Foto di nebbiazzurra

Lenzuola bianche in un armadio
Lenzuola rosse in un letto
Un figlio in una madre
La madre nei dolori
Il padre davanti alla stanza
La stanza nella casa
La casa nella città
La città nella notte
La morte in un grido
E il figlio nella vita.

( J. Prevert )

 
 
 

Vola

Post n°169 pubblicato il 31 Gennaio 2007 da nebbiazzurra
Foto di nebbiazzurra

Nell'universo della mia pazzia
ho una nuova teoria
per me la gente
vola.

So cos'è che non va
disabitudine alla realtà
come dire sono
solo.

Io dopo di te
non sono morto né guarito
ma ci ho provato, era un mio diritto
e non è servito.

E mi sono vestito
come un idiota vestito
che avevo in testa
nessuno m'ha invitato alla sua festa.

La gente
vola
vola
ed io
sto troppo giù
l'amore
vola
e vola
ed io
mi sento, mi sento giù.

L'amore
vola
e vola
e tu
non c'eri già più.

Nel rovescio della mia vita
una prova innocente
chiamare amore un amore qualunque
a cui di me non gliene frega niente.

E ma non scoppia il cuore
non mi sento affogare
non ho voglia di bere, né di parlare
perché non ho amore di cui parlare
e penso che forse, davvero la gente.

Vola
vola
ed io
sto troppo giù.

L'amore
vola
e vola
ed io
mi sento mi sento giù.

L'amore
vola
vola
e tu
non c'eri già più.

Nel sottoscala della mia ragione
c'è la speranza che tu ritorni
E' solo un tarlo, consuma i giorni
ma chi può dirlo? Forse anche il mio amore

Vola
ed io
mi sento già più su.

Vola
e vola
e tu non ci sei più.

L'amore
vola
e vola
ed io
mi sento già più su.

( I. Fossati )

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

azzurraluna69artosal948redazione_blogamorenoguerranebbiazzurraginevra1154memyselfandsara