Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaragiafer43c.mazzella_1935Spes.Ultima.Deailverridolcesettembre.1edocostruzioniQuartoProvvisorioITALIANOinATTESAdaniele500surfinia60adriana.maginichirurgico40Giuseppeconsoledacar2245
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Verità filosofiche cercasiViaggiare oltre il Tempo »

Accoglienze demenziali.

Post n°1307 pubblicato il 29 Luglio 2020 da fedechiara
 

 

E il segno più evidente della demenza collettiva in cui siamo immersi, noi paese costiero, aperto a tutti gli arrembaggi delle spaventose migrazioni è l'atroce scambio di significato tra la parola 'accoglienza' 

(accogliènza s. f. [der. di accogliere]. – L’atto di accogliere, di ricevere una persona; il modo e le parole con cui si accoglie: a. fredda, affettuosa, festosa, cordiale; l’a. oneste e liete Furo iterate tre e quattro volte (Dante); fare buona, cattiva a. a qualcuno; anche assol., fare accoglienza, accogliere cortesemente; fare buona a. a una tratta, nel linguaggio comm., accettarla o pagarla regolarmente alla scadenza;)

e quei gesti criminali sottesi alle scene quotidiane di centinaia di persone stipate a forza in un gommone malandato e spinto in mare e trainato al largo dai criminali maggiori detti 'scafisti'. Mercanti di vite, incuranti dei rischi di un annegamento e vero naufragio, quali ci riportano, di quando in quando, le cronache degli arrembaggi.
Naufragi organizzati con perfetta coscienza criminale degli organizzatori libici e tunisini e dei loro complici naufraghi volontari – che pagano cifre altissime per violare le leggi sull'immigrazione italiana ed europea e fanno leva e buon conto sul buonismo imperante delle leggi del mare varate per far fronte ai naufragi occasionali e veri: di barche che affondano per cause di tempesta o collisione con uno scoglio.

E non c'è dramma peggiore di questo scambio di senso e di significato tra la parola 'accogliere' volontariamente un profugo vero, certificato da opportuna indagine delle commissioni preposte, contro le mille menzogne dei clandestini che buttano i documenti personali e si cancellano fraudolentemente le impronte digitali, e questo turismo criminale con esito di sicura violazione e impunità nei paesi-Schengen, incapaci di far valere la legalità e la sicurezza che promettono agli elettori.
Un turismo che mostra, alfine, - con la certezza assoluta dell'impunità che gli viene dalle cronache dei mille sbarchi riusciti e gli sms di amici e parenti che li confermano con faccine sorridenti - gli aspetti grotteschi e sfrontati di uno sbarco con annesso barboncino o quello di un gommone che bellamente affonda la prua sulla chiara sabbia dell'isola dei Conigli sotto gli occhi, neanche più curiosi ormai, di turisti e bagnanti.

E dobbiamo registrare, in atroce aggiunta canzonatoria, nelle cronache dei telegiornali del mattino, le dichiarazioni di quei tali dementi di s-governo che, di fronte a tanta sfrontatezza di leggi violate e affanno immigratorio incurabile, continuano ad usare la parola 'accoglienza', di fronte a tanto dramma e tragedie correlate, incuranti del ridicolo e dello sbalordimento e cadere di braccia di un popolo mite, rotto a tutte tragedie di una sua storia infame. 
Fino a quando, cittadini?

  • Lampedusa, ancora sbarchi: 26 migranti approdano tra i bagnanti sull’arenile dell’Isola dei Conigli
    VIDEO.CORRIERE.IT
    Lampedusa, ancora sbarchi: 26 migranti approdano tra i bagnanti sull’arenile…

 
 
 
Vai alla Home Page del blog