Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

dott.zanussovmulinotecchiatolorenzofedechiarasimi6012dav1964ao59pepsala0ueisiCMURARIDizzlysurfinia60galliari25azzurrotralecimasematrix.46sicilia_emanuela
 

Ultimi commenti

Chi pu scrivere sul blog

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« I pensatori post moderni...Polis e politica »

Quei francofoni che: 'Merde alors.'

Post n°608 pubblicato il 14 Settembre 2018 da fedechiara
 

 

La battaglia politica si sposta sull'informazione. Chiuse la bare dei morti di Genova e le polemiche sul ponte Morandi, rai news 24, l'ammiraglia faziosissima del deposto s-governo Renzi/Gentiloni torna ad ammannirci le sue rassegne-stampa fitte di dichiarazioni di signori Nessuno (Moscovici, chi era costui?) che saranno sonoramente trombati alle prossime elezioni europee e perciò mettono sotto accusa, con frasette acconcie e dichiarazioni concordate tra Parigi e Berlino, le politiche del governo giallo-verde, e additano il debito italiano e il presente governo quale mostri populisti da trafiggere con la stessa lancia. Ma l'azione sullo spread è manovra speculativa per eccellenza e non indicativa di alcunché e la legge di bilancio sarà varata, piaccia o no a lorsignori.

Si rischia di navigare nella palude Stigia di una informazione di regime da 'muoia Sansone con tutti i filistei' – del passato regime Renzi/Gentiloni succube dei diktat europei – se si continua ad alimentarsi a queste fonti di fake news faziose in servizio permanente effettivo e non si mantiene la rotta del contratto di governo stipulato a maggio e non si procede a fronte alta contro tutti gli oppositori e le opposizioni istituzionali, Tria e Mattarella eventualmente inclusi.

Avanti con il contratto di governo, dovrebbe essere la parola d'ordine pronunciata da tutti i nostri rappresentanti e gli eletti - e se qualcuno di forte ingombro istituzionale si metterà di traverso si vada a nuove elezioni e si esca dalle sabbie mobili che paralizzano il paese.

E si minacci a chiare lettere una Italexit – ipotesi che terrorizza i presenti s-governanti europei - e si chiami Savona ad illustrare il 'piano B' di una uscita dall'Europa e dall'euro, al fine di chiarire ai concittadini che non sarebbe una apocalisse, come vogliono i vecchi arnesi del parlamento europeo e i pretesi economisti di grido al soldo delle televisioni di regime, bensì una liberazione da lacci e laccioli e una rinascita e un via libera a quei provvedimenti di governo promessi nella campagna elettorale e scritti nero su bianco nel contratto di governo.

E, giunti al fin della vicenda e all'atto finale di questo insopportabile teatrino da signori Nessuno e mezze maniche europee saremo noi 'populisti', allora, a pronunciare il liberatorio 'merde alors' di quel tal lussemburghese convenuto a Vienna e che ha fronteggiato il nostro Salvini sulla questione immigratoria con la puzza sotto al naso tipica dei francofoni della peggior risma. 
A la lutte comme a la lutte, cari Salvini e Di Maio. Merde alors. Mandiamoli finalmente a casa questi europei di s-governo che ci sono costati una fortuna e hanno intonato una permanente diatriba e imposto la stra maledetta austerità voluta da Berlino.

ILGIORNALE.IT
Lite a Vienna all'incontro tra i ministri dell'Interno. "Basta importare migranti". E il responsabile degli Esteri Ue sbotta

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=13759623

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
repi1958
repi1958 il 14/09/18 alle 18:01 via WEB
Che l'Europa cos com' non va bene siamo tutti d'accordo, che bisogna cambiarla va bene, ma dipingerla come una associazione a delinquere mi sembra un po esagerato. Anche noi qualche vantaggio economico l'abbiamo avuto. buona serata
 
fedechiara
fedechiara il 14/09/18 alle 19:32 via WEB
Sembra esagerato anche a me. Semmai una associazione volta a stringere lacci e laccioli intorno agli stati membri che non ne condividono la guida politica. Maggio non lontano e cambiare quelle politiche possibile.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.