Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

dott.zanussovmulinotecchiatolorenzofedechiarasimi6012dav1964ao59pepsala0ueisiCMURARIDizzlysurfinia60galliari25azzurrotralecimasematrix.46sicilia_emanuela
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Eroi, poeti e santi nonc...La resistibile ascesa e ... »

Liberi di 'volare alto'

Post n°611 pubblicato il 16 Settembre 2018 da fedechiara
 

 

 

Ci sembra buffo, per non dire grottesco, l'appello/intimazione del capo dello stato che dice, con un vigore degno di miglior causa : 'Nessuno tocchi la libertà di stampa!' La libertà di stampa é in pericolo?

Perdirindindina! chi poteva immaginarla una tale gigantesca iattura, una tale raffigurazione fantasy da paese degli elfi, da mondo di mezzo e iperuranio. E noi 'populisti', in sempiterno affanno mediatico e da nessuno letti però tanto votati, che pensavamo che i giornaloni, Il Corriere della Repubblica e la Stampa, per dirne due, facessero e scrivessero un po' il c.... che gli pare, totalmente sganciati dal sentire profondo del paese che ci vota e perciò liberi, liberissimi di volare alti sopra le tragedie infinite dei migranti dei mille barconi attraccati sulle nostre coste e dell'assalto quotidiano al muro di Ceuta e ai muri della Macedonia e dell'Ungheria.

Volano così alti, i nostri giornalisti di grido, tre metri sopra al cielo, da permettersi ingiurie e invettive quotidiane rivolte a noi, buzzurri populisti incapaci di spiaccicare e/o condividere i loro pensieri eleganti, fioriti e aerei, incapaci di volteggiare negli empirei luminosi del globalismo che tutti ci affratella (dovrebbe affratellarci, dicono, è vangelo) – ed è perciò poca cosa e giusto prezzo da pagare se dalle nostre periferie urbane, diventate enclaves islamiche nemiche come a Malmoe, come a Moellenbec, partono i 'radicalizzati sul web' di seconda e terza generazione che fanno le stragi di Parigi, Nizza, Berlino e le seguenti.

Sono così liberi e refrattari ad ogni vergognoso assoggettamento (da parte di chi, chi, chi, chiricchichi?), i nostri giornalisti-maestri di pensiero che levano la pelle a frustate e invettive rabbiose di 'fascistaleghistarazzista' – e invocano la censura sul web – contro quelli che definiscono 'gli odiatori', i 'leoni della tastiera', lazzaroni e miserabili illetterati che ritengono il loro buonismo da un tanto al chilo la malattia senile della politica che ha perso il contatto con la realtà dei conflitti quotidiani post migrazioni - e con il popolo che non li legge più, ma li osserva volare alti, eleganti, tre metri sopra il cielo, stormi migranti (pure loro!) verso un futuro non scritto (che fortuna!) bensì combattuto strada per strada e urna per urna ( a maggio!, a maggio!) finché non tornerà a darsi una ragionevolezza, una sensatezza condivisa e che comprenda la qualità della vita che abbiamo perduto da quando il loro astratto vangelo buonista si è fatto intimazione e invettiva.

 

 

 

 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=13760682

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Dizzly
Dizzly il 16/09/18 alle 09:53 via WEB
Riconosco l'"enigma"...e molto mi preoccupa la censura del web anche se leoni da tastiera e odiatori spesso non hanno connotazioni precise se non quelle di essere utili solo a sé stessi (forse e nemmeno). Trovo "belli" questi tuoi appelli, anche se li confondo a volte con quelli di segno contrario delle suppliche contro le brutalizzazioni da cui i popoli fuggono. La realtà però indica che è giusto equilibrare la visione. Saluti
 
fedechiara
fedechiara il 16/09/18 alle 13:26 via WEB
Equilibrare è la parola chiave. Tu pensa che ho votato pd fino al 2014( e, prima, i comunisti)- fino al giorno in cui mi sono reso conto che, dalla mia parte politica , era venuto meno il senso del limite e la ragionevolezza. Cambiava il paesaggio delle città, aumentavano i conflitti sociali, ma quelli, niente, sempre a pontificare, ad evangelizzare le masse, a dire loro che 'melting pot è bello, malgrado ognuno parlasse la propria lingua e si chiudesse nelle enclaves di riferimento. Il mondo di Babele era tornato. E gli improbabili traduttori erano tutti del pd, ma non li capiva più nessuno.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.