Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaramauriziocamagnasofia112_2008QuartoProvvisorioenzo.segretarioraffi0brisighellapaolomaxcost1draculoossimoravilborg.dalessio64devidemanueWhite.White.Moonm19643
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Perigliosi viaggi nel tempo.Perigliose traversate de... »

Viaggi nel tempo e increspature gravitazionali

Post n°1146 pubblicato il 12 Febbraio 2020 da fedechiara
 

La 'giornata della memoria' relativa all'esodo dei fiumani e dalmati, col tragico corollario di foibe colmate a botte di cadaveri, dovrebbe insegnarci che, quando comincia un'occupazione, è bene andarsene al più presto, se la forza di eventi bellici lo impone e rende il territorio di appartenenza indifendibile.
Troppa attesa, troppe tergiversazioni e vane speranze che il quadro bellico muti possono essere fatali – e ben lo sanno quei fiumani e dalmati che se ne uscirono dai territori occupati dagli slavi per il rotto della cuffia perché non accettavano di lasciare campi e case e mobili e averi ai nuovi barbari.

Così è per ogni occupazione – qualunque sia il varco attraverso il quale passano gli occupanti e i 'trattati' sottoscritti dalle nazioni che quell'occupazione consentono o le tolleranze e le compassioni buoniste che le avvallano, per tornare ai giorni nostri. Così è stato per le nuove bidonvilles e 'favelas' che si sono create 'au bord de la mer' a Calais e dintorni – e vanamente le autorità francesi le abbattono a furor di ruspe, ma sempre risorgono perché gli occupanti dispersi ritornano, come un esercito che si ritira, ma contrattacca dopo poco e si reinsedia e tornano le baracche. 
E i numeri sono dalla loro parte (pensate a che cosa succederebbe se la Turchia – come già minaccia di fare – aprisse le sue frontiere e liberasse i tre milioni di profughi che contiene). e la demografia ci mostra le curve delle future occupazioni e insediamenti dei 'popoli del mare' nei nostri territori e chissà che aspetto avranno le città europee da qui a trent'anni. Per averne un'idea guardatevi le foto di Nizza, di quand'era visitata da artisti e poeti a inizio secolo, e osservatela ora, nei suoi quartieri interni che sono una desolazione di miseria architettonica e rissosa e infelicissima commistione di popoli e culture. 
Ma così va il mondo, ci consolano i buonisti – mutanti capaci di elaborare e metabolizzare la bruttezza e la miseria degli uomini e delle architetture e proporcela come cibo nuovo delle nostre anime, alla pari col fritto misto di insetti e larve che, sembra, sarà la soluzione al problema della fame nel mondo. Trovatemi un varco gravitazionale nelle increspature dello spazio-tempo e fermate il mondo, voglio scendere.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=14780663

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento