Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

patt710OsservatoreSaggiofedechiaraflynnkathleenArianna1921brunobantotsuaf.bfioreoresteiglis380QuartoProvvisorioprolocoserdianaumbericciMilleGaranziePerTesetacuoio.2008zurzololeonardi1937
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Galline di ieri e di oggi.Ritratti »

Per sempre liberi?

Post n°1774 pubblicato il 30 Settembre 2021 da fedechiara
 

E, finalmente libero dopo l'imposizione del vaccino, eccomi al vaglio del mitico greenpass – che dovrebbe dare luce verde all'ingresso di una mostra collaterale della Biennale Architettura, ma vengo fermato perché 'non ancora valido'.
Che vuol dire? Misteri eleusini della burocrazia italica.
Perplessità del controllore che dice 'non mi è mai capitato', ira sorda del controllato perché, se rilasci un 'passi' che dà, finalmente, luce verde alla libera usufruizione degli elementari diritti di cittadinanza, non è che poi aggiungi un 'vedremo più avanti' a discrezione dei burocrati sordi e grigi e nascosti nell'ombra di un irraggiungibile ministero di una pretesa 'salute pubblica'.
E provo a fare una contro verifica nel vicino palazzo Grassi di una mostra raggelante che fissa la città di Venezia in suo 'vuoto a perdere' pandemico, ma uguale lettura dà il marchingegno di controllo. Per mia fortuna il vigilante, più solerte, telefona a un misterioso ragioniere super visore e ottengo il sospirato via libera che mi equipara ad una maggioranza di succubi cittadini.
E torno a bomba a palazzo Levi, mostrando fiero il biglietto benevolo della mostra testé visitata - che ci ricorda l'angosciante esperienza del vuoto cosmico di una città asfissiata, naturaliter, da un turismo assassino - ed è un secondo 'passi' rubato all'ottusità burocratica che non mi impedisce di sentirmi di bel nuovo 'cittadino del mondo' e cittadino onorario di questi palazzi veneziani prestati alla Biennale di cui ho dato testimonianza artistica per anni.
Il ritorno del cretino alla prova di un liberi tutti. E la speranza – dura a morire – che sia finita, finalmente, e che mai più nessun burocrate della biennale follia politica di s-governi nati dai vergognosi inciuci parlamentari di 'onorevoli' incollati alla cadrega di un potere usurpato possa avere in pugno la libertà dei cittadini.
Ad maiora.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante spazio al chiuso

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=15618121

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento