Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarafeder10davidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La pioggia dell'otto di marzo.Volti inconoscibili. »

Posture belliche d'antan.

Post n°3054 pubblicato il 09 Marzo 2024 da fedechiara
 

Droni e spadoni. Posture belliche d'antan.

Tra le varie fortune della mia vita – ultima in ordine di tempo l'avere settanta anni in tempi in cui si vaneggia di arruolamenti Nato per combattere in Ucraina, il nuovo confine della 'patria' (sic) europea – tra le varie fortune, dicevo, annovero quella di non essere nato nel 1500 e dintorni.
Che, si, è vero, avrei potuto vedere nascere 'dal vivo' le meravigliose pitture di Leonardo, Raffaello, Michelangelo - o del Durer e di Bosch se di nascita più nordica - e tuttavia, se di nascita nobile e appartenente alla casta dei guerrieri, avrei dovuto misurarmi con lo 'spadone'.
Più sotto troverete la descrizione dell'oggetto e la sua attualità e il peso militare che ebbe nelle battaglie (famosa quella di Dornach, Svizzera - 1499 i cui crani postumi documentano i colpi ricevuti nello scontro).
E potete agilmente immaginare, se quegli 'spadoni' avete mai attentamente osservato a lato delle possenti armature nei musei dedicati, quali bicipiti e altra varia muscolatura bisognava sviluppare negli esercizi quotidiani dentro ai cortili dei castelli per maneggiarli con perizia a due mani e infliggere al nemico le meravigliose ferite e/o la mozzatura del capo, la più ambìta dai palestrati del tempo.
E, se pensate ai droni ed ai missili delle moderne armi e battaglie aeree e sottomarine, ditemi voi se non siamo fortunati di essere nati in questo nostro tempo e nel migliore dei mondi possibili in cui il massimo che ci può capitare è di essere termo vaporizzati a mucchi e a quintali in gigantesche esplosioni megatoniche e chi s'è visto s'è visto e addio alle armi e niente esercizi quotidiani nei cortili dei castelli aviti, bensì posts nei blog di noi leoni da tastiera.
E' il progresso, Bellezza.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo
Lo spadone a due mani: dal Medioevo al Rinascimento - Medievaleggiando
MEDIEVALEGGIANDO.IT
Lo spadone a due mani: dal Medioevo al Rinascimento - Medievaleggiando

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=16750867

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963