Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

RavvedutiIn2intrigo61davide.russiellobellimarcofedechiaraCasonato1mapi.muratoritrinitysmiletheothersideofthebedrmontuschia2110lucascercoschiava2007ioosvaldotujanenicoletto.enrico
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi di Luglio 2019

Bestemmie

Post n°930 pubblicato il 19 Luglio 2019 da fedechiara
 

 

L'immagine può contenere: 1 persona, notte e spazio all'aperto

Bestemmie.

Sto per profferire una bestemmia, siete avvisati, tappatevi le orecchie e/o cambiate lettura. 
Non mi piace Montalbano. Ecco l'ho detto. Respirone. 
Il Montalbano televisivo è macchietta regionale, prevedibile e noioso, come le troppe fiction indigene che infestano i palinsesti - e tocca fare zapping per trovare un qualche film francese o di produzione hollivudiana di qualità che riesca a farci tollerare e digerire le interruzioni pubblicitarie.

E, a mia discolpa, dirò che mi sono sforzato di leggere qualche pagina di un libro del Cammilleri, ma trovo ostico e disturbante quel suo ricorso a un dialetto siciliano reinventato – per le trame e il disegno dei personaggi rimando al giudizio qui sopra delle tante sceneggiature che se ne sono tratte.

Ed ho provato anche a resistere oltre la mezz'ora , ieri sera, in quel gran teatro di Siracusa che rimanda alla Magna Grecia e ne ha ospitato le tragedie e le commedie e, indubbiamente, il gran vecchio Tiresia, lì 'di persona e personalmente', aveva il fascino della affabulazione del passato, - con quel suo vocione teatralissimo di mille sigarette, ma di coniugare il presente in qualche modo, come pretendono quasi tutti i grandi pezzi di teatro di ogni regia che si rispetti (vedi Ovadia con le sue 'Supplici'), questo non l'ho colto e me ne dispiaccio.

Sarà perché la favolistica para religiosa dei miti greci, alla lunga, è noiosa e infantile, come lo è la favolistica dei miti degli induisti, mutatis mutandi, - con tutto quell'apparire e scomparire di dei sotto veste di animali: tori o piogge d'oro che mettono incinte le incaute femmine degli umani e le punizioni atroci delle povere infelici che tentano di sottrarsi agli stupri divini, che vengono mutate in alberi di alloro. 
E guardate che fine miseranda hanno fatto quelle mitiche narrazioni divine al primo apparire dei soldati apostolici di 'un solo e vero Dio' - che ne hanno abbattuto i colossali templi e le statue crisoelefantine di Zeus e Minerva e Poseidone e oggi ne visitiamo le tristi macerie a Paestum ed Agrigento.

Cammilleri mi era simpatico, come uomo e scrittore, anche se non ne reggevo la lettura oltre la quarantesima pagina per le ragioni della lingua e delle trame, finché anche il suo mito, edulcorato e sostenuto dalle alabarde e dai peana della sinistra dei misericordiosi e accoglienti 'no borders' ad oltranza (i filo Carola dei porti violati) non me l'ha reso inviso come un per un loro capo politico e un 'manifesto' e un 'santo-subito' di questi tempi grami di antifascismo da un tanto al chilo: rimasticato e ruminato sette volte sette - e che davvero ci annoia per la sua insulsaggine e il suo palese essere un 'fuori luogo' storico e una litania insensata.

Riposi in pace, perché di pace e di una nuova sensatezza politica c'è davvero un gran bisogno.
http://www.iconos.it/le-metamorfosi-di-ov…/…/apollo-e-dafne/

 
 
 

Di trombette e barattieri

Post n°929 pubblicato il 18 Luglio 2019 da fedechiara
 

 Mercoledì 22 dicembre 2010

'...e del cul facea trombetta.' - Dante - Inferno

Ho staccato la maschera dal chiodo e l'ho re-indossata per andare a leggere l'Inferno di Dante ai valorosi miei coetanei che frequentano i corsi dell'Università della terza età.

E il successo è stato tale che abbiamo dovuto traslocare in un'aula più grande - e mi chiedo che abbia in sé il Dante ( e il suo canto più gettonato) per attrarre ancora così vasti uditorii.

Già, perché l'università in oggetto non è il solo luogo, in città, in cui si ascoltano professori esimi cimentarsi coll'Alighieri e ho visto gente giovane (e bella, udite, udite! non esistono solo le oche giulive) pendere dalle labbra di quei sapienti con occhi da orgasmo interiore e la nostra prof non si fa scrupolo di parlarci dell'abilità dell'Alighieri nel costruire scene degne di un fumetto postmoderno - e chissà quanti seguaci in più avrebbe avuto il Dorè se alle sue paludate (e bellissime) illustrazioni fosse stato applicato il 'fumetto' coi succosi dialoghi tra Virgilio e il pavido Dante e quelli tra i dannati e i diavoli coi runcigli a cui ' il cul facea trombetta'.

E si imparano un sacco di cose sull'attualità politica comparata a ri-leggere il Dante e la sua Storia di guelfi bianchi e neri e fazioni politiche contrapposte e così rabbiose l'una verso l'altra tal che quella loro guerra 'fe' l'Arbia colorata in rosso' e si esiliavano gli avversari politici -compresi i figli se maggiori di una certa età- al punto che le nostre lotte di fazione destra-sinistra ci appaiono quisquilie e pinzillacchere al confronto - e converrà adottare in futuro le invettive dantesche e la sua inveterata abitudine a conficcare gli avversari politici nella pece bollente o nel buco del c..o di Satanasso per tornare a più virili e vivaci confronti forumistici.

E nel ventiduesimo canto che mi appresto a leggere fra un'ora si fa menzione di maledetti 'barattieri': gente che facea baratto di onori e denari spudoratamente e per questo i diavoli Barbariccia e Alichino e Cagnazzo con le 'sanne' da cinghiale che gli escono ai lati delle labbra ne artigliano i corpi e ne staccano brani e bocconi e li appendono come nere lontre liscie di pece bollente e giocano a pescarli nel mare nero cogli uncini – e mi chiedo se in quel girone non siano destinati anche i presenti giuda politici: postmoderni barattieri che hanno venduto la loro dignità personale (ma ne hanno mai avuta una?) per i miserabili trenta denari del Barabba che è a capo dei quaranta (quaranta volte sette) ladroni.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Di trombette e barattieri

Post n°928 pubblicato il 18 Luglio 2019 da fedechiara
 

 Mercoledì 22 dicembre 2010

'...e del cul facea trombetta.' - Dante - Inferno

Ho staccato la maschera dal chiodo e l'ho re-indossata per andare a leggere l'Inferno di Dante ai valorosi miei coetanei che frequentano i corsi dell'Università della terza età.

E il successo è stato tale che abbiamo dovuto traslocare in un'aula più grande - e mi chiedo che abbia in sé il Dante ( e il suo canto più gettonato) per attrarre ancora così vasti uditorii.

Già, perché l'università in oggetto non è il solo luogo, in città, in cui si ascoltano professori esimi cimentarsi coll'Alighieri e ho visto gente giovane (e bella, udite, udite! non esistono solo le oche giulive) pendere dalle labbra di quei sapienti con occhi da orgasmo interiore e la nostra prof non si fa scrupolo di parlarci dell'abilità dell'Alighieri nel costruire scene degne di un fumetto postmoderno - e chissà quanti seguaci in più avrebbe avuto il Dorè se alle sue paludate (e bellissime) illustrazioni fosse stato applicato il 'fumetto' coi succosi dialoghi tra Virgilio e il pavido Dante e quelli tra i dannati e i diavoli coi runcigli a cui ' il cul facea trombetta'.

E si imparano un sacco di cose sull'attualità politica comparata a ri-leggere il Dante e la sua Storia di guelfi bianchi e neri e fazioni politiche contrapposte e così rabbiose l'una verso l'altra tal che quella loro guerra 'fe' l'Arbia colorata in rosso' e si esiliavano gli avversari politici -compresi i figli se maggiori di una certa età- al punto che le nostre lotte di fazione destra-sinistra ci appaiono quisquilie e pinzillacchere al confronto - e converrà adottare in futuro le invettive dantesche e la sua inveterata abitudine a conficcare gli avversari politici nella pece bollente o nel buco del c..o di Satanasso per tornare a più virili e vivaci confronti forumistici.

E nel ventiduesimo canto che mi appresto a leggere fra un'ora si fa menzione di maledetti 'barattieri': gente che facea baratto di onori e denari spudoratamente e per questo i diavoli Barbariccia e Alichino e Cagnazzo con le 'sanne' da cinghiale che gli escono ai lati delle labbra ne artigliano i corpi e ne staccano brani e bocconi e li appendono come nere lontre liscie di pece bollente e giocano a pescarli nel mare nero cogli uncini – e mi chiedo se in quel girone non siano destinati anche i presenti giuda politici: postmoderni barattieri che hanno venduto la loro dignità personale (ma ne hanno mai avuta una?) per i miserabili trenta denari del Barabba che è a capo dei quaranta (quaranta volte sette) ladroni.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Fascisti sulla Luna

Post n°927 pubblicato il 18 Luglio 2019 da fedechiara
 

Fascisti sulla Luna - 18 luglio 2018

Credo che tutto inizi da una fortunata trasmissione televisiva che conteneva la gag di Guzzanti dei 'fascisti su Marte'. Fu da lì che prese le mosse questa buffa e maniacale tendenza di etichettare come cosa e persona 'fascista' ogni evento e chiunque non sia allineato con il pensiero sinistro ex dominante – e le sue estenuate geremiadi sui migranti e la malintesa pietas universale e i suoi simboli e valori vetusti, a partire dalla mitica Resistenza. 
Che fu cosa buona e giusta e necessaria, in quei tempi di disgrazia mondiale massima e rinsavimento democratico di un popolo confuso, sconfitto e spaventato e diviso, ma sappiamo che ci sono ombre rosse anche in quella epopea di rivolta: martiri e martirizzati da una parte e dall'altra.

E che vogliano resistere a tutto, i nostri confusi antifascisti che fanno di ogni cosa un fascio è comprensibile, poveri cari, perché, dalla Brexit in poi, non gliene è andata bene una – ed è seguito l'orco Trump e il dittatore Putin e i movimenti populisti in ascesa e la resistibile ascesa del Renzi imbonitore che ha svenduto tutte le sue pentole: prima azzoppato dal referendum che 'se perdo mi ritiro' poi caduto da cavallo a marzo e nella polvere rimasto.
Per tacere di Kunz in Austria, della Merkel dimezzata da Seehofer e dalla crescita impetuosa di Alternative fuer Deutschland, e di quelli di Visegrad, - fascistoni massimi e impenitenti che alzano muri immensi di filo spinato e non vogliono veder l'ombra di un migrante che sia uno vagante per le loro città pulite e ordinate e felici.

Insomma fascisti e nazisti e razzisti ueberall e 'siamo circondati' come Custer con gli indiani a Little Bighorn e finiremo per scorgerne traccia anche sulla Luna, prima o poi, con i trofei dei fasci littori d'antan piantati al centro del mare della Serenità – infamia massima per simboleggiare quella che hanno perso i nostri anti fascisti sulla Terra e ci hanno perso il sonno e neanche il Valium fa più effetto e camminano insonni per le stanze imprecando e abbaiando (alla Luna), mannaggia, mannaggia.

E sono affranti e disperati perchè 'il peggio non è mai morto' e chissà cos'altro potrà avvenire di iper fascista da qui in avanti nel loro mondo iper uranio che si mostra in trasparenza nelle sere d'estate e chiari di luna spettrali.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Teologie di nessuna grandezza

Post n°926 pubblicato il 17 Luglio 2019 da fedechiara
 

Teologie di nessuna grandezza

….che poi, a ben vedere, l'effetto collaterale più rilevante di tutto questo 'radicalizzarsi sul web' di suonati e depressi e varia genia di rimbecilliti di seconda o terza generazione di immigrati che sparano, sgozzano o conducono i camion della morte contro persone inermi e donne e bambini maciullati sull'asfalto è che qualcuno o molti finirà per chiedersi come sia possibile che esista un Dio buono e amorevole e misericordioso e un altro Dio per i suddetti imbecilli che lo vogliono 'u akbar' e bramoso del sangue di vittime incolpevoli e le prime che incontri sulle piazze e lungo le 'promenades'.

Una contraddizione insanabile e 'in seno al popolo' - come si diceva un tempo; in seno ai molti popoli e alle sette religiose che compongono il Medioevo islamico e le sue guerre intestine. 
E insanabile per davvero dal momento che, per definizione e dogma di fede, Dio è unico ed è apostasia o imbecillità palese dargli due facce contrapposte, come capita, invece, agli induisti di mostrarci le statue di Shiva il Creatore e Shiva il Distruttore. 
Questioni teologiche di gran rilevanza che abitano solo le lambiccate e contorte e fantasiose menti degli uomini e donne 'di fede' perché, di là della iono e stratosfera' - ce lo mandava a dire Gagarin nel corso delle sue prime navigazioni orbitali – c'è solo il gran silenzio del vasto cosmo e il paesaggio di stelle a milioni che, interrogate, ripropongono solo sé stesse e il big bang e le onde gravitazionali e nessun preteso Dio Creatore più o meno barbuto.

Così, a forza di interrogarci su questa infausta teologia del Dio Grande e buono (o feroce, secondo i capi dell'Isis) e sulle teogonie che l'hanno preceduta e tuttora durano sotto le altre latitudini che stanno al di là del Libro-veritas – 'verità' pretese per le quali ci siamo uccisi in passato e oggi ci uccidono (i 'radicalizzati sul web') – speriamo che 'ce la caviamo/eremo' di torno, prima o poi, questa iattura e idiozia dei precetti coranici interpretati secondo verbo di 'islam radicale' o di 'islam moderato'.

E non trascurerei di esortare i nostri ospiti islamici a considerare l'ipotesi di una 'islamexit' di massa dai luoghi europei un tempo pacifici che la loro massiccia presenza (le 'banlieues di Parigi, il quartiere di Moellenbeck in Belgio, per dire solo i maggiori - e la stessa Nizza che, appena dietro la promenade des Anglais, si mostra con i tratti di una città araba) ha trasformato in inappropriati campi di battaglia per le loro mene medievali – e, appena sbarcati sulle nostre coste, poverini, si mostravano davanti ai giornalisti e alle pietose televisioni bisognosi di un lavoro, di un rifugio e di 'un altro inizio'. Pensateci.

L'immagine può contenere: fiore
Nessuna descrizione della foto disponibile.