Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraemilio.maiobarabau73mgfaldematteoaLalla3672fedigiancarlodavide.russiellogv.motorSilk.whipamistad.siempreossimoraWaReDeViLcassetta2vittoriio59
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 31/10/2020

Strane immagini

Post n°1401 pubblicato il 31 Ottobre 2020 da fedechiara
 

Le immagini sono strane. Dovrebbero essere il veicolo delle nostre emozioni, la risposta empatica verso chi o cosa risponde a una nostra idea di 'bene' e 'bello' condivisa o, di contro, una risposta di contrarietà e antipatia o odio verso chi o cosa ci rappresenta il male e il brutto dell'esistenza.
Ma nel caso del tunisino macellaio di esseri umani a Nizza, cattedrale di Notre Dame - davanti alla quale ha passato la notte prima della mattanza , dice il fratello intervistato - le immagini depistano, e le cronache raccontano altro.
Raccontano la repentina mutazione di un dottor Jeckill immigrato clandestino da noi, a Lampedusa, porta/o miserabile di Europa, in un mr. Hide assassino seriale i cui pensieri di morte e macellazione rituale nel nome di un suo fantomatico 'allah', grande iddio islamico vendicativo, non cambiano le sue fattezze di bravo ragazzo.
E il viso del macellaio assassino, in una foto mostrata da quasi tutti i giornali, sprizza la vitalità di un immigrato che cerca fortuna in Europa e mostra un sorriso arabo che induce ad una mal riposta simpatia - e non ci raccapezziamo e non ci diamo ragione di quei suoi gesti assurdi successivi che, rivisti al rallentatore di un instant-movie girato da un regista fantasma sospeso a mezz'aria dentro la cattedrale sopra di lui, mostrerebbero nel primo piano del viso, finalmente, l'odio atroce in azione di un orco che si accanisce contro le sue vittime designate e inermi e spaventatissime e belanti/urlanti come agnelli sacrificali di fronte al coltello mortifero che taglia le gole - e l'assassino grida come un ossesso contro di loro quella sua frase-droga: allah u akbar, dio è grande.
Dio non è grande, semplicemente non è, se, a tutt'oggi, è droga attiva e adrenalinica di antiche leggende assassine che sfidano il correre dei secoli e la luce chiara della scienza e la post moderna, condivisa idea di convivenza pacifica di popoli e culture.
E lo sforzo maggiore che facciamo, in assoluto, uno sforzo titanico, è quello di capire come si possa portarsi dentro, portarsi appresso, nel corso di un viaggio iniziatico di giovane 'richiedente asilo', tutto quell'odio rattrappito in un canto del cervello mai dilavato dall'idea luminosa di modernità che l'Europa generosa ti offre – con tutte le sue leggi sull'accoglienza rivolte a chi fugge 'da fame, guerre, siccità'. Dalle malattie no, quelle, sopratutto se pandemiche, andrebbero curate in loco, raccomanda l'Organizzazione Mondiale della Sanità.
Ma le migrazioni sono come le piaghe d'Egitto, non si fermano, non le ferma nessuno dei presenti s-governi europei, e il ministro Lamorgese ce lo conferma, tetragona e priva di espressione, in televisione: 'L'accoglienza è sicurezza. Apposta abbiamo cambiato i decreti-sicurezza di Salvini.'
Provi a spiegarglielo alle vittime del bravo ragazzo tunisino che aveva nel cervello un suo Hide assassino. O a tutte le vittime di tutti gli attentati e le stragi subite nell'ultimo lustro da Europa nel corso della sua folle storia di immigrazioni s-governate ed enclaves urbane separate e nemiche che ospitano i farfuglianti assassini e macellai de 'allah u akbar'.
Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa - Christopher Hitchens - Libro - Einaudi - Einaudi. Stile libero. Inside | IBS
IBS.IT
Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa - Christopher Hitchens - Libro - Einaudi - Einaudi. Stile libero. Inside | IBS

 
 
 

Quella sinistra voglia di censura

Post n°1400 pubblicato il 31 Ottobre 2020 da fedechiara
 

Narrazioni contrapposte e voglia di censura. 31/10/2019
Quarant'anni fa (che impressione fa una tal cifra sul groppone della memoria!), visitando la città di Fez, Marocco, ebbi a fare un gesto di diniego, accompagnato da un sorriso, all'offerta di un ragazzo indigeno che si offriva di farci da guida dentro la città. In quel tempo un tal genere di offerte capitava di averne ogni due passi ed era un elemento di disturbo per i visitatori quale oggi non accade più, mi dicono. Ne ebbi in risposta la staffilata di : 'Raciste!' accompagnata da uno sguardo d'odio che mi ferì per l'idiozia palese che conteneva e che quel desso non intendeva – e a nulla sarebbe valso il tentare di fargliela intendere.
Cito quest'episodio lontano nel tempo per dire che 'le parole sono pietre', se scagliate con odio e ignoranza di ciò che si dice o con l'ottusa arroganza di chi pretende che la propria narrazione personale (o di gruppo e partito) sia vangelo da imporre 'erga omnes' - e chi dissente sarà vessato e sanzionato o punito per via di legge e conseguente sentenza passata in giudicato.
Vale per gli 'odiatori', veri o pretesi, ma vale anche per chi, sul fronte politico opposto, si erige a giudice delle narrazioni opposte e non condivise - e il timore che la commissione senatoriale che indagherà sul cosiddetto 'hate speech' (quando la finiremo di sostituire la nostra lingua con l'inglese?) imponga una sua narrazione unilaterale e allarghi a dismisura il suo ambito interpretativo sul dissenso sociale e politico è concreto.
E bene hanno fatto i senatori della destra ad astenersi e sollevare il dubbio che un pensiero unico si imponga (oltre a quanto già avviene ad abundantiam in tivù e sulla carta stampata) e faccia strame di ogni voce dissenziente, come è avvenuto, per anni, sulle contestate questioni della pretesa 'accoglienza' e i mille e mille arrivi giornalieri sulle nostre coste spacciati come benedizioni del cielo e 'risorse' - e la censura giornalistica, di contro, sulla delinquenza nelle strade e le carceri stracolme e sul mendicismo diffuso che ne conseguiva e le case occupate, ma non si poteva/doveva dire pena il passare per 'razzisti' e 'fascio-leghisti'.
E nacque e si diffuse per l'etere politico e dei 'social' l'invettiva gratuita di 'fascio-leghisti' dei Vauro e dei Rubio e dei Toscani, e quella di 'populisti-sovranisti': sibilate con palese disprezzo dell'avversario politico e quella, odiosa, di 'razzisti' - e il canto esorcistico di 'bella ciao' levato in coro ad ogni stormir di foglia di diverso colore politico.
E bene ha fatto l'ex ministro dell'interno, Salvini, a chiedere pubblicamente che cosa si intende per 'razzismo' - e la risposta della Segre, che ha citato il vocabolario, non contiene e non dà risposta convincente a tutto l'odio anti sovranista e anti salviniano sparso a pieni video e titoli di scatola sulle prime pagine dei giornali fino a ieri.
La speranza è che una tale commissione di inchiesta abbia vincoli di mandato precisi e vigilatissimi dall'opposizione perché il rischio di imporre manu militari e giudiziaria una narrazione a senso unico e di sanzionare a sproposito l'avversario politico è alto davvero.
No alla censura; e vigilanza attiva in parlamento e nel paese contro l'imposizione di un pensiero unico sinistro. Sinistro nel senso proprio e in quello del linguaggio della politica.
Nessuna descrizione della foto disponibile.