Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaranortermarco_1962_mcostalibromassimiliano650misteropaganoletizia_arcuriQuartoProvvisorioDetectifyfairy3112ssniroantonbearDOCTORDENTLinnea66
 

Ultimi commenti

Grazie. :-(
Inviato da: fedechiara
il 13/09/2021 alle 16:42
 
Avrei voluto leggere anche questo articolo tra i tanti. I...
Inviato da: misteropagano
il 11/09/2021 alle 13:39
 
La tenerezza, al pari della gentilezza, dovremmo sempre...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 12:52
 
Era una domanda retorica, mia brava Fanny, ci siamo...
Inviato da: fedechiara
il 11/08/2021 alle 11:34
 
"Io donna" Ŕ un buon settimanale, gli...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 09:11
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 21/06/2021

L'ultimo giorno e il primo.

Post n°1665 pubblicato il 21 Giugno 2021 da fedechiara
 

Secondo i Maya (riveduti e corretti) oggi è l'Ultimo Giorno. Fate qualcosa di speciale e poi toglietevi di torno.😎
21 giugno 2020 ·
Come ultimo giorno dell'umanità non è così male. Giorno di sole chiaro col solo difetto di una scarsa ventilazione che lo renderebbe 'da urlo'.
E nessun asteroide nei paraggi che ci annunci il botto da dinosauri in estinzione – con tutti gli osservatori astronomici sparsi sulle pendici o sulle cime dei monti ne avremmo avuto notizia e allarme.
Dunque di cosa dobbiamo morire, visto che siamo scampati alla pandemia con un numero di morti di gran lunga inferiore a quelli della spagnola – per tacer delle guerre e delle carestie e degli olocausti nucleari e non?
Mi sa che moriremo di noia, nell'attesa che scenda il fuoco dal cielo e la Terra improvvisamente esca dalla sua orbita diretta nelle viscere del Sole. Chissà che fantasie strane avevano i Maya e che senso del Male e delle Divinità Assassine a cui incessantemente tributavano il sangue e i cuori strappati dal petto dei prigionieri, scaraventati giù dai gradini delle altissime piramidi.
E quel loro senso di precarietà venne appagato, alfine, e sulle spiagge 'americane' si materializzò il Moloch assassino e genocida del guerriero munito di spada e alto sul suo cavallo e tutti i maledetti massacri che ne seguirono, ma il buttare giù le statue dai piedistalli del genovese annoiato che sognava le Indie non garantirà quella catarsi che guarisce l'umanità dal suo male di vivere.
Beh, godiamoci l'estate, intanto. Il futuro, in fondo, è sempre una luce d'alba che rischiara il tunnel della notte che ci pare eterna.

 
 
 

'Tornatevene a casa.', disse Kamala.

Post n°1664 pubblicato il 21 Giugno 2021 da fedechiara
 

Poi venne Kamala Harris e disse le stesse cose. Tu vedi come brilla la stella dei 'dem'.🤦‍♀️
21 giugno 2018  · Diversa narrazione. - di Mario Sechi  
'La dura verità sulla frontiera americana.'
I bambini che piangono. Le famiglie separate. L'amministrazione Trump dipinta come fuorilegge. Le cose non stanno così e il pregiudizio morale dei media non solo dimentica di dire la verità, ma distorce i fatti. Rimettiamo a posto tutte le tessere del mosaico. Partiamo da un fatto che pare sia diventato un dettaglio: in America come in qualsiasi altro stato del mondo non si può entrare senza un regolare permesso, è immigrazione clandestina, è un reato. Ci provino, quelli dal cuore grande e dalla mente piccola, a entrare in America senza i documenti in regola. Vale anche per gli stranieri che arrivano in Europa. Bisogna ricordarlo. Esistono i confini, le leggi degli Stati. Non esiste il diritto universale di emigrare in terra straniera a qualsiasi condizione. Quella si chiama utopia e la storia insegna che questo si realizza pericolosamente quando uno stato fallisce e le sue frontiere si aprono all'ingresso di tutto. E in questo tutto di solito c'è anche una parte consistente di peggio.
Come ricorda Richard Lowry, direttore della National Review in un pezzo di cui riprendiamo i punti fondamentali, l'immigrazione clandestina alla frontiera con il Messico fino a dieci anni fa era un fatto che riguardava soprattutto gli uomini adulti, poi è diventata un fenomeno che ha coinvolto donne e bambini, intere famiglie. La legge americana è scritta pensando soprattutto ai primi casi, non ai secondi e questo con il mutare del fenomeno ha creato una serie di provvedimenti per riempire i vuoti legislativi in maniera, come vedremo, non più efficace. Bisogna cambiare la legge e questo in America, come in qualsiasi democrazia e perfino nei sistemi autoritari, lo fa il Parlamento.
L'amministrazione Trump non ha cambiato le regole del gioco, sull'immigrazione sta applicando la legge degli Stati Uniti. La separazione degli adulti dai bambini ha una ragione giuridica (e politica) precisa. La separazione avviene spesso perché l'adulto accompagnatore non è il reale genitore del bambino, ha dichiarato il falso, ha precedenti penali o costituisce un pericolo per il minore.
Domanda: perché l'adulto viaggia con un minore che non è suo figlio? Perché in passato l'ingresso con i bambini sul suolo americano era più facile. L'amministrazione Trump invece di fronte all'ondata migratoria ha deciso di applicare la legge nella sua interezza a tutti gli adulti. E lo fa proprio per scoraggiare l'immigrazione clandestina e la pratica terribile di usare i bambini per questo scopo. La separazione dai genitori non è solo quella di Trump, avviene in molti casi già in Messico ad opera di famiglie e trafficanti che si servono di innocenti creature.
Nei casi normali (ammesso che sia normale tutto questo), i figli di chi tenta di entrare illegalmente negli Stati Uniti vengono presi in custodia dalla polizia di frontiera e affidati al servizio del Dipartimento della Salute (HHS). Il tempo del processo a carico degli adulti è brevissimo, spesso si svolge tutto in 24 ore. I condannati vengono poi affidati allo United States Immigration and Customs Enforcement (ICE) che provvede all'espulsione del clandestino dal territorio americano. La separazione finisce qui, il minore si riunisce alla famiglia e tutti tornano nel paese di origine. Non è certo una storia che finisce con la formula del "tutti vissero felici e contenti", ma non si entra in terra straniera senza rispettare la legge.
Le cose si complicano e i tempi si allungano se l'adulto che aveva con sé il minore chiede l'asilo. Allora la pratica ha un percorso diverso, va preso in esame il caso, ma qui la legge americana - quella in vigore ieri con Obama e oggi con Trump - fissa un termine che diventa un "buco" legislativo. La legge consente agli Stati Uniti di tenere un minore non accompagnato in custodia solo per 20 giorni.
Questo termine deriva da una decisione della Corte Suprema del 1997, nota tra i giuristi americani come Flores Decree (potete leggerla qui) che fissa un termine alla detenzione degli immigrati clandestini minori e non accompagnati. Tutto nasce dalla storia della quindicenne Jenny Lisette Flores, da El Salvador, fermata al confine con il Messico dalla polizia di frontiera, correva l'anno 1985. La disputa giudiziaria nel 1997 trova un punto di equilibrio nel consent decree: i bambini non accompagnati possono essere detenuti solo per 20 giorni. Una sentenza del tribunale ha poi esteso questo principio anche ai minori che fanno parte di un nucleo familiare. La faccenda dunque diventa enorme in presenza del moltiplicarsi di arrivi di adulti con minori.
Ribadiamo il fatto: gli Stati Uniti - per legge - non possono tenere in custodia i minori più in là di questo periodo, 20 giorni. Nel frattempo, l'adulto che ha chiesto asilo, ha un procedimento più lungo. Che si fa con i minori?
Due sono le strade: si rilasciano l'adulto e il minore in attesa della decisione sull'asilo, oppure si trattiene l'adulto e si rilascia il minore. In quest'ultimo caso il Dipartimento della Salute si occupa di assicurare una sistemazione al bambino.
Ma i posti disponibili alla frontiera sono limitati (circa tremila) e il flusso di stranieri è enorme. Tutte le procedure dunque devono essere accelerate. E per questo l'amministrazione Trump trattiene e non rilascia gli adulti che chiedono asilo. Liberi di circolare negli Stati Uniti, sarebbe un'impresa poi rintracciarli. Rilasciarli significherebbe produrre altri clandestini sul suolo americano.
Per questo la legge americana sui non richiedenti asilo ha un processo e un'espulsione rapida degli immigrati. Il nucleo familiare viene ricongiunto immediatamente e rispedito oltre la frontiera. La stragrande maggioranza di coloro che cercano di superare il confine con il Messico sono migranti economici, non perseguitati politici. E se gli Stati Uniti mostrano debolezza alla frontiera, l'ondata dal Messico è assicurata. Chiedere asilo, tra l'altro, non implica attraversare illegalmente il confine. Si può chiedere in Messico o in un altro paese sicuro.
Riunire i minori con gli adulti e lasciarli liberi nel territorio degli Stati Uniti significa violare la legge americana e incentivare l'uso dei bambini come lasciapassare, una cosa che francamente non appare come il trionfo della civiltà. I casi di utilizzo dei bambini come biglietto di passaggio per l'America sono innumerevoli, documentati dalle autorità e dai media. "È comune che i genitori affidino i loro figli a un contrabbandiere come favore o profitto", si legge un articolo su Azcentral, molto critico tra l'altro sulla separazione.
Se pensiamo come Melania Trump che si debba governare anche "con il cuore", non ci sono dubbi: le famiglie vanno tenute insieme e ai bimbi - qualunque sia lo status dell'adulto - va evitato uno shock dopo un viaggio che spesso è pericolosissimo. Sono loro gli innocenti in questa storia. I colpevoli sono i criminali, chi tenta di entrare illegalmente in uno stato straniero, i contrabbandieri, i trafficanti di documenti e di esseri umani. Ma ci sono le leggi e queste si fanno rispettare e si modificano usando la ragione.
Come si cambia questo stato di cose? Trump in teoria potrebbe agire anche da solo, esercitando i suoi poteri, ma stavolta il Presidente chiama i Democratici - e i Repubblicani - ad assumersi le loro responsabilità. In America, come ha spiegato perfettamente David French (sempre sulla National Review e in un articolo contrario alla separazione) il Congresso ha ceduto al potere esecutivo anche compiti che dovrebbero essere del legislatore e questo stato di cose si è via via espanso per innato istinto di Trump a agire in proprio in assenza di collaborazione e poi perché ai partiti fa comodo giocare al tiro al bersaglio con Trump. Illusione, perché il Presidente in questo scenario in realtà si trova nella sua posizione ideale di outsider contro la palude di Washington.
Il Congresso deve scrivere una legge che non applichi più quanto stabilito dal consent decree nel caso Flores, cioè riunire le famiglie che ne hanno diritto e aumentare le risorse per l'accoglienza alla frontiera, velocizzando le procedure per l'esame delle richieste di asilo. È la stessa amministrazione Trump a chiedere la riforma, non i Democratici che durante i due mandati dell'era Obama hanno lasciato le norme in vigore e di fatto incentivato gli ingressi di clandestini lasciando che questi buchi della legge diventassero la via più facile per l'immigrazione illegale. Non hanno interesse a chiudere questa fase e infatti Chuck Schumer, leader dei Democratici, sostiene che deve essere il Presidente a farlo con i suoi poteri. Tutto è strumentale, all'orizzonte ci sono le elezioni di mid term di novembre. Gli stessi Repubblicani mostrano tutti i loro noti limiti, hanno un piano alla Camera e uno al Senato, sono d'accordo nell'assicurare il ricongiungimento delle famiglie mentre la giustizia americana decide sullo status degli immigrati, ma il come è sospeso in aria. Come andrà a finire? Di fronte ai due progetti di legge, Trump ha dichiarato di essere "al 1000 per cento" con i repubblicani. Non ha detto quale piano appoggia, non ha mostrato preferenze, chiede che sia il Congresso - e prima di tutto il suo partito - a decidere su un tema che per la Presidenza è fondamentale.
Una sola cosa è chiara: né i Repubblicani né i Democratici si azzardano a sostenere che i confini non devono essere protetti.
***
L'epilogo è una pessima figura del Congresso. Repubblicani e Democratici hanno pensato esclusivamente alla loro convenienza politica, confermando quello che pensano gli elettori di entrambe le parti, Washington è una palude. Alla fine Trump ha dovuto colmare il vuoto del legislatore di ieri e di oggi.
- copyright Mario Sechi
Kamala Harris: "Immigrati, state a casa". Lo sfogo e la reazione di una sinistra imbarazzante, quella italiana
LIBEROQUOTIDIANO.IT
Kamala Harris: "Immigrati, state a casa". Lo sfogo e la reazione di una sinistra imbarazzante, quella italiana