Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradavidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020orat6
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 15/05/2024

Non fate i napoleoni.

Post n°3189 pubblicato il 15 Maggio 2024 da fedechiara
 

In alto i cuori. - 15 maggio 2019 (Ci si risente il 10 di giugno p.v., ad un tal proposito. Entrate nei seggi a matite armate e fate i bravi.)

Il 5 maggio di un anno ormai lontano moriva un grande della Terra, quel tal Napoleone che passò per essere il riferimento di ognuno che esagera, si monta la testa' e si crede un napoleone, appunto – e la parodia universalmente nota passa per il cappello suo famoso e oggi ridicolo calcato in testa e la mano destra sullo stomaco e la sinistra dietro la schiena imitata dai pazzi dei manicomi che abbiamo voluto lasciarci alle spalle perché ormai 'tutto il mondo è paese' (un unico manicomio) e luogo di pazzie sfrenate e incontrollabili – che, se appena ti azzardi a parlare in pubblico di 'normalità' e tentarne una definizione, a tutti i presenti viene un convulso di ilarità irrefrenabile perché è come la 'verità' e la 'giustizia': che ci sian ciascun lo dice, dove sian nessun lo sa. Arabe fenici.
E in campagna elettorale la pazzia collettiva si scatena come in un carnevale: luogo temporale deputato ad ogni mascheramento, frizzi e lazzi in libertà e 'venghino, siore e siori', più gente partecipa, più bestie si vedono e i ragli si sentono alti e hanno echi in tivù e alimentano le disfide nei 'talks shows' più famosi - e perfino il governo giallo-verde è impazzito come la maionese, che l'uovo e l'olio non legano e si va alle europee in ordine sparso e 'l'un contro l'altro armati' suonano gli uni le loro trombe sinistre e gli rispondono le campane leghiste dei 'tre metri sopra lo spread' e 'dopo di noi il diluvio' e 'chi vivrà vedrà' e 'buonanotte al secchio'.
Questo è quanto avevo in animo di dirvi, miei cari lettori, la scelta che farete è importante, esiziale, decisiva, ma non credetevi dei napoleoni nell'urna. Ci sono tutti gli altri 'aventi diritto' europei degli stati membri che voteranno e la loro scelta moderata e/o sinistra deciderà se avremo una rivoluzione in Europa oppure solo una po' di maretta e, passata la festa, la nuova Commissione continuerà a sparare ad alzo zero sui nostri conti pubblici e i mercati si agiteranno, lo spread salirà e l'Italia non se la passerà un gran bene, a meno che non votiate in massa Salvini e Le Pen e Orban – nel qual caso 'sarà tutta un'altra musica' e l'orizzonte degli eventi mostrerà altri colori e.....
Beh, ci si risente il 27 maggio in tarda mattinata, in alto i cuori.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Punti morti e anelli laschi.

Post n°3188 pubblicato il 15 Maggio 2024 da fedechiara
 

Punti morti e anelli laschi. - 15 maggio 2021
E la formidabile intuizione di E. Montale che esista - e ci affanni - un 'punto morto del mondo, / l'anello che non tiene' ci conferma che alcuni poeti sono davvero i moderni profeti, spesso Cassandre inascoltate.
E in quella sua bella poesia che compendia le povere cose che gli restavano ferme negli occhi in quel suo scorcio di storia postbellica illuminato dal giallo dei limoni mi capita di riconoscermi: nello sguardo all'indietro che lanciamo, di quando in quando, sulle nostre vite trascorse - ed è già tanto che non ci trasformiamo nelle bibliche statue di sale di chi fuggiva dalla maledizione divina e non resistette alla tentazione di farsi 'reporter' e avere contezza di quella spietata guerra di Dio al peccato degli uomini che oggi ci appare lunare e per niente 'al passo coi tempi' permissivissimi in cui ci è stato dato di vivere.
'Chi sono io per giudicare?', si chiedeva il presente pontefice a proposito della moderna Sodoma. Già. L'abdicazione delle passate 'idee forti' della religione a governare il mondo ci consegna la visione tragica de 'il punto morto del mondo, / l'anello che non tiene' delle magnifiche sorti e progressive che più non inseguiamo.
E l'ennesima guerra dei razzi e dei missili tra arabi e israeliani è davvero un punto morto del mondo, un 'mare di lacrime' che dura dal tempo della mia nascita e non si concluderà neanche alla morte dei miei bisnipoti perché è 'l'anello che non tiene' di una convivenza pacifica mille volte rappresentata, auspicata, sollecitata e mai realizzata perché il mondo degli uomini è pieno s-governo del Caos, antica, cupa divinità, e nessuno, proprio nessuno, è in grado di dire possibile una convivenza con le rissose moltitudini islamiche che gridano 'morte a Israele' (e per proprietà transitiva anche all'America sua alleata) ad ogni festa comandata e Ramadan concluso e accettano di buon grado e a rischio della vita che i loro fratelli combattenti nascondano i missili e i razzi assassini in mezzo alle civili case di abitazione.
Ma finirà mai questa maledizione che ci condanna a convivere 'l'un contro l'altro armati' e, come titolava un giornalista de 'il Gazzettino' qualche tempo fa: 'Il vicino di casa è il peggior nemico'?

 
 
 

Trascendenze (prima della Bomba che tutto vaporizza).

Post n°3187 pubblicato il 15 Maggio 2024 da fedechiara
 

 

 

Fantasie e narrazioni. 15 maggio 2017
Giulio Verne ce lo ha insegnato: laddove esistono fantasie e narrazioni di '20000 leghe sotto i mari' e/o 'Dalla Terra alla Luna', di lì a poco avremo i sommergibili a propulsione atomica e 'il primo uomo sulla Luna' che vi pianta la bandiera degli Stati Uniti d'America. E la prossima missione spaziale ci dirà se quella bandiera davvero è stata infissa nel terreno lunare o se – come sostengono i complottisti di internet – è stato tutto confezionato negli 'studios' cinematografici di Hollywood per contrastare miseramente la supremazia dell'Unione sovietica nelle conquiste spaziali.
Ma quanto mi interessa farvi notare è che, se 'Trascendence', - il film con J. Deep andato in onda ieri sera su rai movie – oggi ci parla di intelligenza artificiale che fa aggio sulla nostra morte corporale prossima ventura, quelle fantasie narrative preludono, di qui a breve, a cose che noi umani del presente preistorico solo faticosamente e confusamente immaginiamo, ma saranno realtà concrete e vivibili di eternità e sopravvivenze virtuali quali le leggende religiose più spinte non hanno saputo realisticamente immaginare e predire.
Il film naufraga, nel finale, nei soliti stereotipi cinematografici di buoni contro cattivi e timori panici di 'grandi fratelli' - sempre loro - che prendono tutto il potere, e ci aspettavamo di più di tanta melensaggine e storia d'amore strappalacrime in un film che ipotizzava e basava la sua narrazione primaria su un futuro di tecnologie avanzatissime capaci di maneggiare nanotecnologie in grado di inverare quelle cose che oggi diciamo 'miracoli' - e ne diamo piena ed esclusiva gestione ai papi e ai cardinali e ai preti delle benedizioni e santificazioni di Lourdes e di Fatima, che tristezza!
Ma la cosa positiva è che la Storia è 'galantuoma' e, seppure mescola bassezze e stupidaggini preistoriche nel presente caos che ci avvolge - e nel quale fatichiamo a districare le cose vere e buone e giuste dal miserabile impasto di menzogne e cretinerie da sacrestia – alla fine ci consegna le narrazioni giuste e vere dei sommergibili a propulsione nucleare e i missili e le stazioni spaziali orbitanti e le spedizioni spaziali sulla Luna o su Marte e chissà dove.
Peccato non esserci e nutrire legittimi dubbi su una mitica resurrezione virtuale i cui particolare realistici e realizzabili ancora ci sfuggono – e meglio sarebbe stato farne un documentario scientifico piuttosto che un film dal nome pretensioso di 'Trascendence'.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
 
 
 

Funghi con il rizoma 'n coppa e la stratosfera oscurata.

Post n°3186 pubblicato il 15 Maggio 2024 da fedechiara
 

Ed ecco a voi i nefasti (facilmente predicibili e predetti) della 'proprietà transitiva'.
Dopo l'appello del piccolo Napoleone transalpino a mandare truppe sul terreno della sporca guerra per procura Nato in Ucraina ecco i leaders dell'Estonia, memori dei lunghi decenni di occupazione dei Russi, che affermano di 'pensare seriamente' di mandare le proprie truppe al massacro prossimo venturo.
Ed aggiungono: 'Se saremo avanguardia di una azione militare Nato congiunta è meglio.'
Eccerto che è meglio. Così si fa prima nella stanza dei bottoni designata a premere i pulsanti fatali che mandano in volo i missili balistici intercontinentali ed è fatta. Boom, boom, di qua e di là dell'Atlantico e del Pacifico e non ci sarà bisogno dell'asteroide fatale che uccise i dinosauri e tutte le altre forme di vita sul pianeta. Facciamo da soli.
La mitica deterrenza è la nostra Arma Finale e i funghi sono in lista d'attesa per la rinascita della Vita sul pianeta, fra un tot di centomila e passa anni.
Strane forme aliene con il rizoma e il cappello ritorto dei porcini in testa guadagneranno la stazione eretta in quello che fu il pianeta delle scimmie filo Nato auto distruggenti.
Scimmie evolute, però, che, quasi quasi, erano avviate alla conquista del Cosmo prima dell'Anno Fatale 2024 dei mega funghi di polveri radioattive che si levarono alti nella stratosfera e oscurarono la visione del pianeta blu dallo spazio per migliaia di anni a venire.
Dopo Macron anche l'Estonia: 'Valutiamo seriamente l'invio di truppe a Kiev'
INFORMAZIONE.IT
Dopo Macron anche l'Estonia: 'Valutiamo seriamente l'invio di truppe a Kiev'
Dopo Macron anche l'Estonia: 'Valutiamo seriamente l'invio di truppe a Kiev'
La metafora del rizoma vista dagli Estoni e dai filo Nato. Del 'premere il pulsante nucleare' e non pensarci più. https://it.wikipedia.org/wiki/Rizoma#Come_metafora
Rizoma - Wikipedia
IT.WIKIPEDIA.ORG
Rizoma - Wikipedia
Rizoma - Wikipedia

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963