Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaratrinitysmiletheothersideofthebedrmontuschia2110lucascercoschiava2007ioosvaldotujanenicoletto.enricomag.maticacompagno.segretoFerrariloreddaunfioreluca.luca58azzaruollagiannipol1
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 01/06/2019

Mercanti in fiera

Post n°886 pubblicato il 01 Giugno 2019 da fedechiara
 

Ieri accadeva

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Dimenticare Venezia

Rutilante, è la giusta definizione. Una città chiassosa e fulgente di artisti di ogni genere e tipo ed etnia e movimento di avanguardia e/o retrospettiva e di varia altra gente (e sono i più) che sull'arte e il talento degli altri 'ci campa' - vedi quei tali, i critici e i mercanti d'arte, che per due frasi raffazzonate e da 'fumo negli occhi' si fanno pagare come fossero orefici, e, per molti, vale la definizione di un mai dimenticato loro collega che scriveva sul vecchio Espresso-lenzuolo e li liquidava con un icastico: '...non si poteva dir meglio se si voleva dir niente'.

Però il 'mercante in fiera' è figura magica e molti artisti gli farebbero un monumento, se li adottasse e li inserisse nella sua scuderia - dove perfino notori ronzini diventano stalloni e le loro quotazioni vanno alle stelle perfino se raffigurano stalle di 'arte povera' o le vacche tagliate a metà e mostrate colle interiora in evidenza nelle teche piene di formaldeide.

E non c'è discussione sul senso e sul significato dell'opera che tenga, di sala in sala e di performance in performance e di biennale in biennale, perché 'gli artisti' e i loro derivati e succedanei sono come gli alieni di un pianeta a parte la cui lingua è sconosciuta ai più, ma non a 'quelli della erre moscia' - quella fauna internazionalista 'da biennale' che intasa calli e fondamenta coi vernissage. Gente totalmente e ridicolmente autoreferenziale che bene ha sbeffeggiato e coglionato Sordi in cinematografica visita alla B78 nel suo notissimo e gettonatissimo film di culto.

E conosco personalmente un tale, un 'artista' che ci ha la fissa della fica che neanche berlusconi, poverino, e la rappresenta e raffigura in cento e cento icone in tutte le salse e oniriche raffigurazioni, - postmoderno seguace del Courbet de 'L'origine du monde' che tante tortuose vie e nicchie psicanalitiche ha mostrato ai posteri; e naturalmente gli va a corredo il fallo, (yin e yang mai il Cielo li divida e li disperda), e si accompagnano (le artistiche fiche) colle inevitabili erezioni e le eruzioni di un altro tale di cui mi hanno s-parlato, che raffigura sbuffi di fumo e lapilli e colate laviche - neanche s'immaginasse possenti Giganti ipogei in frenetica e spavalda attività nelle loro segrete alcove.

E, l'altra sera, un cinese si mostrava al telegiornale regionale trasvolante sulla laguna colla sua artistica sposa, come se imitasse il Chagall che ben conosciamo, ma ci pareva, tutto quel suo apparato ingegneristico postmoderno e invenzioni gravitazionali leonardesche, una pallida imitazione di tanto 'dejà vu' artistico da dirla paccottiglia turistica della più vieta; e potremmo affidarne la vendita ai 'neri dei borsoni taroccati' che stazionano sui ponti pronti alla fuga e integrarli così nella baraccopoli turistico-artistica che intasa i vaporetti e riempie i ristoranti. E i più felici, in questi giorni di orge turistiche para artistiche, sono gli attori economici di sempre che riempiono fuori dai modi e privatizzano la città: osti e locandieri che magari dichiarano al fisco la metà di quello che dichiarano i loro dipendenti, giusto per stare alle statistiche.

Della serie: 'Dimenticare Venezia' e /o farne una copia galleggiante sulla foce del Po.

https://youtu.be/OfsJAgaY62E

 
 
 

Il biennio del nostro scontento

Post n°885 pubblicato il 01 Giugno 2019 da fedechiara
 

01 giugno 2016 - Gli hotspots galleggianti e il ratto delle Sabine.

Un monsignore, dicono alla radio, si ribella ai propositi dell'ineffabile Alfano di voler costruire hotpots galleggianti in mare aperto – novella frontiera dei ghetti per i migranti che a sciami, a nugoli, a folate incessanti tentano l'arrembaggio nel solo paese europeo che ha liquida frontiera aperta e nessun accordo o intesa alle viste con Libia ed Egitto, da dove partono i maledetti barconi della morte e dell'affanno immigratorio che ci perseguita.

E il monsignore invoca un 'liberi tutti' e tutti accolti, - litania e geremiade caratteristica dell'abito e della predicazione che fa il monaco, ma che fa a pugni coi sindaci che respingono quotidianamente gli appelli dei prefetti perché prima erano venti da sistemare, oggi settanta, domani novanta o centoventi. 
L'infinito affanno tra noi leggero e il mendicismo ad ogni angolo di giovani neri robusti e atletici che hanno sostituito le zingare prone, perché lavoro non ne trovano e non ne troveranno e sono destinati a ingrossare le fila dei disoccupati a vita che già abbondano tra gli indigeni - e le 'banlieues' delle metropoli europee partoriscono e partoriranno i terroristi assassini di cui ci danno avviso i servizi segreti americani perché il 'disagio sociale' degli immigrati non diminuisce bensì si incrementa delle cifre dei nuovi arrivi di 'sans papiers' e 'sans espoir'.

E stamattina lo speaker di 'radiotremondo' dava conto di un nuovo assalto sessuale in una città tedesca dove si teneva un festival musicale e, tra gli assalitori, sono stati identificati e arrestati, tra gli altri, tre profughi che avevano da poco ottenuto asilo politico. Torna, dopo il maledetto Capodanno di Colonia e di altre metropoli europee, il 'ratto delle Sabine' di disperati affamati di sesso facile? Fenomeni catastrofici che costituiscono l'evidenza delle cattive cronache dell'orda immigratoria s-governata da decenni di infamia politica e foriera di prossime catastrofi anche maggiori - malgrado gli incessanti appelli all'accoglienza e all'integrazione da parte dei sinistri vertici politici europei e della fitta schiera di 'buonisti' che riempiono i giornali di ponderose e inutili perorazioni e illusioni pie.

Chi vivrà vedrà e, forse, voterà quei partiti che provano a mettere argine e freno e progetto per governare, finalmente, l'epocale fenomeno.

L'immagine può contenere: 1 persona