Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradom.carrierolisapo.aARTEABLUparrillizingarodgl3airin57ghiti.mobasheriguglielmobosiisolaverdedipendentiserorfada.raoplasmadgl13lascrivanasorboledgl
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 14/05/2021

Maschere per massacri futuri

Post n°1620 pubblicato il 14 Maggio 2021 da fedechiara
 

  • Maschere e massacri all over the world.
    Diciamocelo, una buona volta: la guerra è parecchio noiosa, pur se evento eminentemente politico – la continuazione della politica con altri mezzi.
    Però ci ha risvegliato dal sonno/incubo pandemico, con uno stesso, noiosissimo, telegiornale clonato lungo un anno e mezzo: contagi, terapie intensive, domiciliari, mascherine, e, grande finale, l'autorevole parere del virologo di turno.
    Che se non ci siamo sparati un colpo alla tempia è perché ancora rispondiamo all'imperativo categorico della sopravvivenza della specie e, in fondo, siamo sempre curiosi di 'come andrà a finire'.
    E oggi, finalmente, abbiamo i botti di mezzo anno post pandemico di razzi e missili in gran quantità che si incrociano nei cieli dei soliti noti - che si contendono ferocemente gli angusti spazi e territori di pertinenza e fanno i danni di sempre: morti, feriti e dispersi.
    Con l'aggiunta fragorosa delle squadracce di estrema destra israeliane che vanno casa per casa a stanare gli illusi arabi-israeliani che speravano di aver trovato il giusto mezzo di pacifica convivenza: una casa, un lavoro e tolleranza per il 'diverso' da parte degli odiati ebrei.
    Sempre segretamente odiati, in verità, ad onta delle dichiarazioni di facciata, perché dove si dia inversione dei termini della difficilissima convivenza e si stabilisca una maggioranza di arabi in un quartiere nominalmente ebraico ecco pestato a sangue il malcapitato ebreo.
    Alla faccia delle speranze dei buonisti sinistri di laggiù ( e di quassù), sempre convinti che il melting pot degli esseri umani sia una buona idea e vincente - e viva-viva le migrazioni e la pacifica convivenza nei quartieri multi etnici, ma solo fino al prossimo pogrom e rivolta di popolo e fuoco e fiamme nei quartieri a maggioranza nera, giusto per traslare il conflitto nell'America che fu di Trump e, per il momento, il bravo Joe sembra aver pacificato, gli sia reso l'onore delle cronache.
    E non ho ancora messo mano critica, come mi ero proposto, a un libello la cui lettura molto mi ha impressionato: 'Maschere per un massacro' di Paolo Rumiz. Nel quale l'autore, pur se, da sempre, schierato a sinistra sulla questione delle auspicate convivenze dei popoli diversi e migranti, ci narra da par suo della tragedia e del conseguente massacro, nel corso della guerra nella ex Jugoslavia, compiuto dagli 'inurbati' di Vukovar.
    Gente dura e rancorosa nei confronti della borghesia ivi residente traslata a forza dalle montagne del sud della Jugoslavia per le ragioni del melting pot necessario ai sogni infranti dei 'fratelli slavi' di Josip Broz Tito.
    Costruzione ideologica, la sua, finita nel massacro che sapete, dopo pochi mesi dalla morte del suo costruttore e il fracasso storico delle idee socialiste.
    Ideologica come la figura dell'arabo-israeliano che prefigurava una convivenza pacifica e oggi viene pestata a sangue nelle strade delle città israeliane.
    Maschere per un massacro, già. 
    Come potrebbe avvenire da noi in un futuro prossimo (e già avviene in Francia, dove si è tagliata la gola a un professore coraggioso e si uccidono i poliziotti fuori servizio) nelle enclaves islamiche nemiche delle principali città europee.
    Estote parati.

    Tra i bimbi arabi che imitano la rivolta con volti mascherati e pistole giocattolo
    LASTAMPA.IT
    Tra i bimbi arabi che imitano la rivolta con volti mascherati e pistole giocattolo
    Tra i bimbi arabi che imitano la rivolta con volti mascherati e pistole giocattolo
    L'esercito israeliano attacca Gaza: la diretta
    CORRIERE.IT
    L'esercito israeliano attacca Gaza: la diretta
    L'esercito israeliano attacca Gaza: la diretta
Israele e lo spettro di una guerra civile. Cresce l'allarme violenze nelle città (di G. Belardelli)
HUFFINGTONPOST.IT
Israele e lo spettro di una guerra civile. Cresce l'allarme violenze nelle città (di G. Belardelli)
Israele e lo spettro di una guerra civile. Cresce l'allarme violenze nelle città (di G. Belardelli)