Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaramisteropaganolascrivanadon.francobg.gallo1944OsservatoreSaggioCC200043tempestadamore_1967deliaemmeprefazione09GirlWithSecretnortermarco_1962_mcostalibro
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 23/07/2021

Storie di ordinaria follia (due).

Post n°1701 pubblicato il 23 Luglio 2021 da fedechiara
 


Chissà come avrebbero raccontato la storia di Caino e Abele le consorterie poco assortite dei tiggi nostri nazionali. 'Un malaccorto pastore invade le terre coltivate da un rude contadino con tanta fatica e viene colpito alla testa con una grossa pietra e muore. Sembra che i due fossero fratelli.'
Povero Abel, vittima per antonomasia della Crudeltà Prima apparsa sul pianeta Terra.
Oppure: 'Fratello crudele uccide a colpi di pietra un mite pastore.' Ancora, sugli approfondimenti: 'Interrogato dall'Altissimo su dove sia il fratello risponde stizzito: 'E che ne so? Perché lo chiedi a me!?'
Caino, assassino non pentito, viene poi condannato a vagare per la Terra nei millenni a venire ed è costretto a ripetere in eterno il suo folle gesto per il tramite dei suoi molti eredi malvagi. Nasce il Conflitto Primigenio, che tuttora dura.
E ieri osservavo in tivù il video di un post moderno Caino che, a parti rovesciate, dopo aver colpito e atterrato con un pugno la sua vittima e lesto a zompargli addosso per una ulteriore scarica di cazzotti immotivati viene freddato da un colpo di pistola al petto.
La domanda sorge spontanea: 'Chi è la vittima e chi l'aggressore?'
I presenti alla scena e i gestori del bar dove il post moderno Caino gironzolava da tempo infastidendo i clienti dicono che la vittima è l'assessore perché, aggredito, si è difeso.
'Si, ma aveva una pistola carica e non si deve girare con le pistole come fossimo in un far west.' rispondono le anime belle sinistre - che tanto hanno fatto e 'accolto', negli ultimi decenni, e riempito il Belpaese di 'persone con forte disagio sociale' liberissime di interagire a quel modo con gli indigeni anche dopo svariate condanne.
Ergo: secondo costoro l'assessore colpito dal pugno e disteso a terra si tiene per intero la susseguente scarica di pugni del disturbatore e aggressore seriale, viene ricoverato all'ospedale con prognosi di quindici giorni di degenza e la mascella fratturata e la cronaca dell'evento si chiude con un trafiletto piccolo piccolo in quinta pagina.
E nessun risarcimento alla vittima perché l'aggressore è nullatenente, imputato di diversi reati, ma sempre rimesso in libertà nel paese di Bengodi dei meravigliosi diritti riconosciuti ai nostri ospiti immigrati, con tanto di associazioni pie e di bravi avvocati di patrocinio gratuito al seguito.
Ma le cose sono andate diversamente e la pistola e il colpo al cuore fanno tutta la differenza e la vittima, nelle cronache dei tiggi poco assortiti, è l'aggressore dal pugno facile che diventa, miracolo! un 'malato' bisognoso di cure (farlo curare prima del fattaccio no, eh?) - e alla sorella che grida e sbraita in piazza e chiede 'giustizia' (vaste programme) viene dato tutto lo spazio audio-video necessario a suscitare una forte commozione per il morto.
Perciò torniamo ad Abele e al fratello crudele Caino che lo colpisce con la pietra.
Poniamo che Abele, a terra, sanguinante ma ancora lucido, afferrasse anch'esso una pietra e colpisse di converso il fratello per neutralizzare un secondo colpo fatale (all'epoca non c'erano le pistole).
Come avrebbero titolato i nostri tiggi assai poco assortiti?
'Lite furibonda tra fratelli: si colpiscono a vicenda e Caino muore.'

Salomone, giudice equanime, interrogato in proposito non saprebbe a chi dare torto e ragione. Si ipotizza la libertà condizionale e un risarcimento.'
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone

 
 
 

Amleto e la siringa.

Post n°1700 pubblicato il 23 Luglio 2021 da fedechiara
 

Amleto, ne sono certo, avrebbe mutato la sua domanda fatale, se fosse vissuto nel nostro tempo. Vaccinarsi o non vaccinarsi, that is the question. Se sia più nobile accettare il fato influenzale dell'avversa fortuna o, impugnata la siringa, ingannare il maledetto virus con un suo debole cugino (l'adenovirus) e toccarsi di sotto per quanto è delle statistiche sui casi di trombosi conclamata e altri ammennicoli fatali di cui si narra nei socials.
Che è vero che sono lo zero virgola zero zero del totale dei coraggiosi vaccinati, ma, metti caso che tocchi a te, l'incoraggiante statistica ti mette una piccola croce sopra e chi s'è visto, s'è visto - e nessuno spenderà troppi necrologi eroicizzanti sull'eroe morto per la causa.
E a me ha fatto tanta impressione il caso pietoso di un tale, un siciliano, che viaggiava con un camper e di professione faceva il giornalista a cui hanno amputato una gamba a causa di una trombosi post vaccino e neanche può rivalersi finanziariamente su chi lo aveva rassicurato all'interno dell'hub (e sullo Stato che la campagna vaccinale ha promosso a tamburi battenti) perché ti fanno firmare una liberatoria, mi dicono, che mette al riparo questo e quello dalle troppe cause che ne seguirebbero se.
Ma sempre più spesso i telegiornali ci sbattono in video gli autorevoli pedagoghi (e i militari a capo della campagna) che ci ricordano che 'vaccinarsi è un dovere etico'. Ah beh, si beh.
Etico tipo: 'Chi per la patria muor vissuto è assai.' del soldato in divisa e moschetto pronto a fiondarsi sul Piave. E se non hai il lasciapassare verde o il Qr di ordinanza scordati di vivere fuori di casa e di andare al ristorante al chiuso o al cinema o allo stadio. Come dire: 'Il vaccino non è obbligatorio, ve lo concedo, ma vi alzo intorno muri e steccati e filo spinato e gas asfissianti tale che uscirete dalla trincea a mani alzate in men che non si dica.'
Non sa un tantino di lesione dei diritti elencati nella famosa Carta – che è vangelo, invece, se serve a ricordare ai maledetti populisti della destra che a votare non ci possono andare se non quando piacerà a lorsignori, i sinistri e affini dal dito indice perennemente alzato a monito?

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona