Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

tempestadamore_1967deliaemmefedechiaraprefazione09GirlWithSecretnortermarco_1962_mcostalibromassimiliano650misteropaganoletizia_arcuriQuartoProvvisorioDetectifyfairy3112
 

Ultimi commenti

Grazie. :-(
Inviato da: fedechiara
il 13/09/2021 alle 16:42
 
Avrei voluto leggere anche questo articolo tra i tanti. I...
Inviato da: misteropagano
il 11/09/2021 alle 13:39
 
La tenerezza, al pari della gentilezza, dovremmo sempre...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 12:52
 
Era una domanda retorica, mia brava Fanny, ci siamo...
Inviato da: fedechiara
il 11/08/2021 alle 11:34
 
"Io donna" è un buon settimanale, gli...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 09:11
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 02/08/2021

Valanghe e boati.

Post n°1711 pubblicato il 02 Agosto 2021 da fedechiara
 

E' l'effetto valanga. Un crescere impressionante della massa nevosa che raccoglie quantità sempre maggiori di sedimenti ghiacciati nel suo precipitare a valle e un boato terribile la accompagna. Boato, parola perfetta per raccontare il sonoro esplodere di una tragedia naturale, ma anche di una tragedia civica, di questo nostro tempo di valanghe pan/infodemiche incombenti sui crinali delle nostre vite fragili.
E i 'boatos' dell'idioma portoghese bene riprendono l'immagine e il suono spaventoso di una valanga che precipita, riportandola nell'ambito di una informazione pubblica che sedimenta in cronaca - e acquista spessori impressionanti nel suo precipitare a valle dei milioni di televisori accesi nella case, curiosi piuttosto dei campioni olimpici e delle medaglie.
Ed eccolo il 'boato' di ieri della valanga infodemica. La Regione Veneto avvierà tracciamenti 'casa per casa' e condominio per condominio per scovare i focolai della temibile 'variante Delta' – della quale il verbo virologico dice che è spesso asintomatica e/o 'coi sintomi di un comune raffreddore'.
Ma la logica del cadere a valle di una massa incontrollata di pretese informazioni accumulatesi nel corso di un biennio maledetto orienta i commenti delle redazioni dei tiggi verso 'l'aumento dei contagi', sempre loro - con un filo rosso di letti di ospedale in aumento nei padiglioni dedicati e una spolverata di terapie intensive che, ca va sans dire, sono 'quasi tutte' di non vaccinati.
Ettepareva (neologismo fedechiariano).
E sono davvero curioso di come avverrà questo 'tracciamento' condominio per condominio. Se su accorta segnalazione del signor Vianello (equivalente al 'signor Smith' degli inglesi), condomino del terzo piano, scala C, da sempre avverso, nelle rabbiose assemblee semestrali, alla signora Scanferla, del quinto piano, per torti immensi e sguardi rabbiosi consumati in anni bisesti e mai dimenticati.
E non pare dubbio che qualche vendetta storica e all'ultima delazione si consumerà e si tornerà al fatidico 'Dagli all'untore!' delle pesti manzoniane se, dal quarto piano, un condomino panciuto in odore di 'no vax' si azzarderà a sbattere di sotto la tovaglia con le briciole fatali (untorelle pure loro anzichenò).
Appuntamento su questi schermi nell'autunno prossimo - che già avvertiamo nelle frescure post temporalesche di questi nostri giorni di infamia 'greenpass'. Ad maiora.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura e pista da sci
 Dal bugiardino Astra Zeneca. Della serie: 'Viaggiare informati'.


  • Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo
Basta la salute? (Bellissimo articolo.)
(...) Certo, il filosofo non ha l’autorevolezza scientifica del medico o del virologo nel loro raggio specialistico di competenza: ma vede più lontano di lui, e vede il contesto; affronta il rapporto tra l’umanità e i pericoli, la paura, la malattia, il rischio, l’alienazione. Non giudica il siero ma il pensiero. E affronta le ricadute delle misure sanitarie sulle persone, sulla società, sulle libertà politiche, sui rapporti tra gover…
Altro...