Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

massimocoppafedechiaraprefazione09roberto.lafiandrajames098andrea.silvia1EremoDelCuoreThorn2022zarra.antonioxxcentauroleonafeAnonimo.Locofedromanomarilenapeyranijo1069
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 14/10/2021

La Terra protagonista.

Post n°1790 pubblicato il 14 Ottobre 2021 da fedechiara
 

Se, dalle Canarie a Stromboli e Vulcano, l'attività vulcanica si ridesta e assumerà la forza di altre storiche eruzioni diremo che la Terra si riprende la scena, atto secondo dopo lo scioglimento dei ghiacci ai poli e sui ghiacciai alpini? E lo diremo 'spettacolo' geologico di prima grandezza e show che distrarrà finalmente i telegiornalisti dalle avvilenti risse da bar tra pro vax e no vax - e la noia infinita di due anni di infodemia e d.p.c.m. maledetti che ci hanno paralizzato i neuroni e le sinapsi?
Non sarà che, come nel Senato di Roma al tempo della calata dei barbari, -e i barbari attesi inutilmente alle porte della città - si dirà che 'erano una soluzione dopotutto', considerando lo sfacelo delle istituzioni e la vistosa decadenza che diceva Roma facilmente conquistabile dagli invasori e 'senza colpo ferire' ?
E, mentre attendiamo un venerdì nero di scioperi e manifestazioni e la contro manifestazione di sabato dei sedicenti 'antifascisti' che giocano sporco, tramite l'ineffabile Lamorgese, giusto alla vigilia dei ballottaggi fatali, capita anche a noi, oggi, di pensare che la Terra che si riprende la scena è una soluzione, dopotutto, alla miseria delle italiche cronache di un conflitto sociale che si avvita su se stesso - e ci meritavamo ben altro dopo tanta pena di lockdown e greenpass discriminatori e quelle facce improbabili e 'un po' così' di pretesi governanti in video e in voce a dire le annose geremiadi e impancarsi a difensori de 'gli interessi degli italiani' (sic).
Ma non era meglio 'morire da piccoli'?
https://www.repubblica.it/economia/2021/10/13/news/trieste_guida_il_fronte_dei_porti_potete_scordarvi_i_regali_di_natale_-322119573/?ref=RHTP-VS-I287621970-P12-S1-T1

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Marco Rizzo @MarcoRizzoPC Ecco a cosa servono i fascistiLa stretta sulle manifestazioni è la vera funzione delle violenze in vista di un autunno caldissimo dal punto di vista sociale.Chi non capisce questo non si lamenti por di licenziamenti,casa, bollette e caselle esattoriali.Può infine iscriversi al PD"

 
 
 

L'anno della morte di Europa.

Post n°1789 pubblicato il 14 Ottobre 2021 da fedechiara
 

14 ottobre 2015 -  In memoriam
Accade a Gerusalemme. Niente di cui dovremmo preoccuparci, quindi. Non sono fatti nostri e nostre paure quotidiane quelle di venire accoltellati e sparati dall'occupante di un autobus dalla faccia tranquilla salito all'ultima stazione e che ti pianta un coltello nel fianco o nel petto mentre stai leggendo un giornale o guardi sfilare distrattamente i palazzi e le chiese di quella che la letteratura e la Storia ci hanno detto essere la culla delle religioni del Libro - religioni di Amore universale per il nostro prossimo e buoni comportamenti morali conseguenti.
Quell'altra religione, invece, - quella di chi improvvisamente tira fuori una pistola e ti spara a bordo dell'autobus o ti accoltella con ragioneristica determinazione e premeditazione -, predica la jiahd e l'odio verso gli infedeli, - che più ne ammazzi più accumuli meriti nel paradiso delle vergini destinate ai prodi guerrieri - o così sembrano pensarla una quantità spaventosa di esaltati terroristi che dicono l'assassinio di civili inermi 'azione politica' e/o 'intifada dei coltelli' perfettamente in linea con la religione di riferimento.
Ma siamo a Gerusalemme e, a meno che non abbiate in mente un viaggio colà, nella Città Santa, sono fatti che non ci riguardano, assassinii loro - la cui ripetizione a campate più o meno brevi o lunghe ha creato un callo nelle coscienze nostre occidentali.
Però, però. Chissà come hanno reagito i passanti di quella via di Parigi di un freddo gennaio, erano appena 'passate le feste' - quale stupore, quale terrore improvviso in una via in cui si sono materializzati Said e Chérif Kouachi: i due ragionieri assassini, nati a Parigi e, si suppone, cittadini francesi, a cui era stata concessa la cittadinanza francese per nascita (come accadrà anche da noi grazie alla legge approvata ieri da Renzi e dal suo pd) che, armati di kalashnikov, hanno fatto una strage all'interno della redazione parigina di 'Charlie Hebdo' e freddato il poliziotto di guardia.
La ragionieristica opera di morte agli infedeli, premeditata e benissimo pianificata, è stata poi completata all'interno di un ipermercato kosher in cui i terroristi si erano barricati e avevano fatto ostaggi i presenti.
Era Parigi, la ville lumière, non Gerusalemme - e qualcuno ha scritto che è stato il nostro 11 settembre ed è stata predizione azzeccata di questo 2015 degli assassini islamo-terroristi che ha già collezionato l'attentato al caffè letterario di Copenhagen e la strage del museo del Bardo a Tunisi, - presenti e dolenti e terrorizzati una quantità di croceristi nostri occidentali. Mancano due mesi e mezzo alla chiusura dell'anno orribilis: non facciamoci mancare nulla, non mettiamo limiti all'orrore prossimo venturo.
'Je suis juif' e quel che accade a Gerusalemme, - le paure e le angosce di morte dei semplici occupanti di un autobus di chi si reca al lavoro o a trovare un amico, un parente all'ospedale - mi riguardano. E' il futuro di conflitti di una globalizzazione assassina che speriamo quotidianamente di esorcizzare ficcando la testa sotto la sabbia e, se oggi è Israele in prima linea, a gennaio lo è stata Parigi, a marzo Tunisi, domani chissà.