Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Arianna1921fedechiarabrunobantotsuaf.bfioreoresteiglis380QuartoProvvisorioprolocoserdianaumbericciMilleGaranziePerTesetacuoio.2008zurzololeonardi1937MelissaMelaniasiltorelmarcopizza0
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 18/11/2021

Di chi pone condizioni.

Post n°1832 pubblicato il 18 Novembre 2021 da fedechiara
 

Pongono condizioni. I migranti che Minks ha mandato alla frontiera polacca per barattare con la Ue la fine delle sanzioni hanno posto condizioni – dopo aver tumultuato e lanciato sassi all'indirizzo degli agenti polacchi che li osteggiano e ne impediscono il passaggio.
La condizione è che si lascino entrare tutti quelli che già si trovano davanti al muro tumultuanti, con preghiera televisiva alla Merkel di farsi parte in causa presso l'Unione e impetrare la grazia dell'accoglienza. E' appena il caso di notare che molti di loro sono giunti in Bielorussia in aereo e hanno pagato dei 'passeurs' (dei 'metti dentro', in italiano) e altra genia di favoreggiatori dell'immigrazione clandestina per trovare il loro bel posto in prima fila.
Non è chi non noti la contraddizione di una immigrazione illegale – e strumentalizzata ai fini della peggior politica tra Stati in conflitto tra loro - che pretende di violare leggi e regolamenti europei con il beneplacito del cantilenante papa buono avverso ai muri e dei troppi 'buonisti' mediatici che scrivono sui giornali e recitano i loro mantra e le geremiadi della pietà indebita in tivù. Ma, curiosamente, Kamala Harris in Messico ha detto ai suoi migranti: 'Non c'è più posto. Tornate a casa.'
E non è chi non veda che, se le autorità polacche acconsentissero ad una eventuale richiesta di passaggio impetrata dal papa, da Soros e dai no borders di ogni risma e credo politico, la situazione si ripeterebbe da qui a qualche giorno perché nel mondo globale ogni cedevolezza in questo campo si fa messaggio di impunità e chi ce la fa ad entrare e ad arrembare via barchini e barconi + o.n.g. taxi del mare scrive al parente e all'amico di provarci a sua volta a violare il gruviera-Europa e mangiarne il grasso e nutriente formaggio.
E il muro di 5 metri e ultra moderno e invalicabile sarà a carico della Polonia (oltre trecento cinquanta milioni di euro il costo) a causa ell'ipocrisia europea che si finge avversa e dà fiato e microfoni ai tromboni democratici e popolari in tivù ma a Draghi che la rimprovera di voltarsi dall'altra parte e di aver accolto lo zero, virgola zero dei nostri migranti clandestini fa orecchie da mercante e tira a campare. Pollice verso e fuori i leoni.