Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraApollion22ssnirolisa.camilinux_ftpbionda66martellodgl13Filoletterariogiovanni.rossi20QuartoProvvisoriocqueiroloantomar4niangegi1_2008dalmazio.ravegliaruma4
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 28/09/2022

Geremiadi e pianti greci.

Post n°2248 pubblicato il 28 Settembre 2022 da fedechiara
 

Geremiadi e pianti greci.
Impazza la geremiade e il 'pianto greco' (vedi wikizionario) in facebook e negli altri 'socials'.
'Me ne vado, lascio l'Italia', scrivono i più dotati nel portafoglio e che hanno case altrove o conoscenze e mezzi finanziari per affittarle. 'Buon viaggio, cari.', gli rispondono, bonariamente, in coro nei commenti, 'Fateci sapere, in caso di nostalgie'.
E ci sono quelli delle aperte maledizioni e che vorrebbero i 'vecchi' (precisare la soglia di età, please) privati dei diritti civili e 'a casa' perché, nel loro immaginario, chi ha votato la Meloni è un Matusalemme, un Noè avvinazzato, un rinc.....nito, uno incapace di intendere e di volere e che, con il suo voto, avvelena la vita pubblica, si oppone ai diritti civili e al 'gender fluid' e alla declinazione delle parole con l'ultima vocale sospesa e ai genitori 1, 2, 3 e 4 (e chi più ne sa più ne scriva) – per dire di come siamo tutti diversi e tutti rispettosi del prossimo.
Poi ci sono quelli che: 'Ma che paese siamo?' come se i monti si fossero sbriciolati e i laghi e i fiumi prosciugati – ed è vero che i ghiacciai ci hanno lasciato, ahinoi, ma, suvvià! qualcosa di riconoscibile ancora c'è, in questo paese, Meloni o non Meloni. La basilica di san Marco c'è ancora, mi consta, con le sue belle cupole e il duomo di Orvieto con i suoi capolavori e le crete senesi e perfino la ridotta di Capalbio – che non verrà chiusa né espropriati i proprietari di case (notoriamente dei sinistri immedicabili) nè vi verrà istituito un confino.
Insomma, siamo ad un cambio di s-governo, puramente e semplicemente. E, a vigilare, con occhiuta analisi sulle liste dei ministri e gli espliciti dissensi, ci sarà Mattarella, presidente europeo in franchising.
Nuovi ministri succederanno a quelli che li hanno preceduti e, verosimilmente, si attireranno gli strali degli stessi che criticavano Draghi e compagnia bellicosa (gli armamenti all'Ucraina).
Un normale avvicendamento democratico, alla fin fine, e i nuovi potenti non sono più dei 'fascisti' da lunga pezza (lo sono mai stati?) come pretendono i loro critici bella ciao.
Forse metteranno la sordina a certe vostre pretese apodittiche (ius scholae/culturae, uteri in affitto e dintorni), ma, credetemi, lasceranno il tempo che trovano e non guariranno il Belpaese dalle sue storiche magagne.
Troppo lavoro anche per Atlante, il guarire l'Italia, un 'vaste programme' che avrebbe spaventato perfino il De Gaulle buon'anima.
Datevi una regolata, cari, avete stra rotto e stra parlato.
Tornate alle vostre professioni canore ed esercizi dell'ugola o scrivete l'ennesimo libello (Saviano) dalle terre del vostro volontario esilio.
Lo leggeremo, promesso. Però non intitolatelo 'Le mie prigioni'. Quelli erano altri tempi davvero.
Così come lo erano quelli del 'fascismo' di cui vi riempite le zucche e lo scambiate come fosse moneta di nuovo conio tra di voi, cospiratori da tre palle un soldo, nelle vostre sinistre conventicole.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

Fratelli d'Italia non ha vinto grazie al voto degli anziani - Il Post
ILPOST.IT
Fratelli d'Italia non ha vinto grazie al voto degli anziani - Il Post

 
 
 

Santa Giorgia e il sangue di san Gennaro.

Post n°2247 pubblicato il 28 Settembre 2022 da fedechiara
 

Santa Giorgia e il sangue di san Gennaro.
Sono piuttosto diligente, sapete. Alle otto del mattino mi sono lavato e vestito, ho aerato le stanze e fatto colazione, ho preparato la base per il prossimo pasto, cucinato e mandato sotto vuoto dei deliziosi finferli/e per futuri risotti, e tutto questo mentre preparavo l'escursione quotidiana sul monte (tempo permettendo) e macinavo i pensieri tristi (mumble, mumble) dei prossimi eventi di s-governo che echeggiavano fuori dallo schermo televisivo.
Ma come, diranno i miei critici, anche questo uno s-governo con la maledetta 's' privativa?
Ma non era Draghi e il suo osceno pd e il m5s delle infami ammucchiate parlamentari a meritarla?
Ebbene si, cari voi, niente di buono ci verrà dalla pur brava Giorgia, considerati i suoi apparentamenti con l'Ucraina di Zelensky e l'affiliazione stolida alla Nato che le farà da ferreo binario per non deragliare nella sua azione di s-governo. Moriremo americani, ahinoi, bellicisti da un tanto al chilo e con le pezze al culo per via delle sanzioni che ci si rivoltano contro.
Non l'ho votata proprio per questo, la Giorgia, correndo il rischio di disperdere il voto, ma urgeva un voto di testimonianza, il dire a chiare lettere che l'Italia deve uscire da quella maledetta alleanza di guerrafondai e Stranamore d'oltreoceano - e che nessuna guerra per loro procura in Ucraina o altrove verrà sostenuta con aiuti finanziari; e gli armamenti a tonnellate che spediamo colà hanno il solo effetto di prolungare la guerra e di spingerla verso la prossima guerra mondiale termonucleare - e le sanzioni alla Russia le paghiamo noi cittadini direttamente nelle bollette dell'energia e con l'inflazione a due cifre.
Santa Giorgia de Noantri non farà sciogliere il sangue di san Gennaro, non farà il miracolo di darci finalmente un 'buongoverno' – e, forse, non le riuscirà di portare a casa neanche quell'altro governo della cosa pubblica che urge: quello dell'immigrazione massiva e sregolata per la quale è stata premiata e mandata davanti a Mattarella per assumere il bastone del comando.
Non ci sarà nessun blocco navale, ahinoi, e i governi dei paesi costieri della zolla africana chiederanno soldi senza offrire nulla in cambio – senza impegnarsi a mandare le polizie loro in assetto di guerra a stanare e imprigionare i maledetti scafisti e a rispedire ai loro paesi i clandestini volontariamente stipati nei supposti 'lager libici' al costo di 3/5000 euro a persona o famiglia. Battaglia persa in partenza – e, forse, rimpiangeremo il Salvini al ministero degli interni che riuscì, quantomeno, ad arginare la piena degli arrembaggi quotidiani ed a castigare le o.n.g. taxi del mare.
Chiamatemi Cassandra, se volete, ma, per una opportuna verifica, appuntamento su questi schermi feisbuchiani tra un anno o due dell'era Giorgia, donna e madre cristiana.
Sarò felice di essere smentito dai fatti e di essere detto profeta di sventure.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e in piedi