Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

martellodgl13ufewufedechiaragianginodgl1m_massimobondzerozerosettewolfy6QuartoProvvisoriosalvo_costanzolorenzobortonegppearkdeluciaechesopasqualesamiautovetturedora.dorissportaction
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 06/11/2022

Fin che la barca va.

Post n°2302 pubblicato il 06 Novembre 2022 da fedechiara
 

Alleluia, brava gente.
Il quadro di s-governo dei prossimi mesi è già delineato. Botte e cerchio. Un colpo a quella e un contro colpo al cerchio perché vada a dimora nella circonferenza tracciata.
E la botte va, andrà nei prossimi giorni e mesi, galleggiando sul mare magno di contraddizioni del nostro vivere associato, nazionale e internazionale.
La politica economica di Draghi, l'ex premier, e un filo europeismo di facciata che consenta il transito dei fondi del Pnrr dall'Europa a Roma senza troppi intoppi e un traccheggiare in cronaca sulla questione dei migranti – con gli inutili moniti all'Europa a farsene carico e la risposta di quelli, i sinistri Soloni della Commissione, che si trincerano dietro trattati e convenzioni obsoleti e dietro il richiamo all'umana, indebita 'pietas'. Che nulla sa risolvere, bensì aggrava il carico dei problemi, come si dice del medico pietoso. Come dire: nascondiamoci dietro ad un dito, il mignolo per l'esattezza.
E, sul fronte interno dei porti chiusi, il prolungare al massimo la permanenza in mare dei taxi del mare-o.n.g. per indurli a più miti consigli e impedire loro di andare a pescare nuove schiere di migranti con l'ausilio telefonico degli scafisti che li avvisano della deriva dei prossimi banchi di esseri umani da loro stessi sospinti in acqua. Ma li accoglieremo, infine, prima le donne e i bambini, stremati e felici della vittoria e dell'ennesima invasione riuscita a dragare a migliaia sul fondo del welfare nostro nazionale.
Niente di risolutivo su tanta questione che ci affanna da decenni, quindi, e niente di nuovo sul fronte occidentale dell'atlantismo filo Nato che consente allo s-governo di tirare a campare e di mettere la sordina alle voci dei falchi europei che, altrimenti, ci farebbero una guerra spietata e scatenerebbero i cani molossi dei mercati per farlo cadere con ignominia.
E la pace in Ucraina sullo sfondo dei desiderata degli scemi di guerra che la pretendono figlia della sconfitta della Russia per il tramite degli armamenti Nato che continueremo ad inviare previo dibattito parlamentare infuocato.
Niente di troppo diverso dallo s-governo precedente, come potete constatare, con il sottofondo della nota canzoncina nazionale: 'Fin che la barca va...'
Alleluia, brava gente.