Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraCatter1namauriz10armibmarchetto375Dott.FiccagliaSaio4260pongidealfonso.botticelliperoni.vincenzoantonioiaccaricubecrabeJaki87cassetta2umbertolc
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 03/12/2022

Mi piace il presepe. EmbÚ?

Post n°2342 pubblicato il 03 Dicembre 2022 da fedechiara
 

Natale fatale, ferale. 03 dicembre 2015

Il Natale del nostro scontento si arricchisce ogni giorno che passa di notizie che ci fanno allargare le braccia e dire che non vi è davvero nessun rimedio alla confusione sotto al cielo degli uomini – e, a differenza di quanto pensava Mao tse dong in proposito, la situazione non è affatto eccellente.
E sapere che l'autocrate turco Erdogan e suo figlio in particolare trafficano e gesticono miserabili commerci petroliferi con gli uomini dell'Isis (o Daesh) che con il petrolio si comprano gli armamenti più sofisticati e potenti per la loro sporca e folle guerra all'Occidente fa cadere le braccia – e di più le fa cadere l'aver saputo, dagli esiti delle elezioni ultime scorse, che una maggioranza di turchi (che vogliono 'entrare in Europa') ne approva l'operato e si riconosce nelle nefandezze autocratiche contro la libera stampa di quest'uomo che la Nato e l'Europa tiene in palma di mano e lo difende per i miseri interessi di bottega e di contrasto contro l'azione geo strategica della Russia di Putin.
E in tanta confusione sotto al cielo come giudicare l'appalto che l'Europa liberale e accogliente ha dato a Erdogan, - quest'uomo spietato e cinico che non si arresta davanti a nessun scenario nella sua lotta mortale contro i curdi – l'appalto, dicevo, di fare fronte di contenimento/respingimento contro i profughi siriani che ambiscono di diventare cittadini europei, ma qualcuno di loro (ho scritto 'qualcuno', non 'tutti'!) - per chiara, maledetta incidenza statistica dei grandi numeri - partorirà figli e nipoti che si lasceranno incantare dalle bandiere dell'Isis o di qualche altro gruppo estremista e si faranno guerriglieri di una guerra interna alle nostre città spaventate e avvilite a tal punto da prefigurare una contrazione della già fragile crescita economica-zero virgola.
E il mitico Giubileo dell'umana misericordia che non c'è e non ci sarà per lungo tempo, ad onta del battage mediatico/pubblicitario di Francesco, già annuncia il suo flop di presenze prima di cominciare a causa degli annunci e dei timori terroristici.
Perciò, brava e buona (troppo buona?) gente, teniamoci caro il Natale del nostro scontento con tutte le caratteristiche che gli abbiamo dato e sono sedimentate nei secoli e negli anni recenti di bambinelli in cuna e presepi viventi e buoi e asinelli di ceramica e gli alberi - i Tannenbaum della tradizione nordica - addobbati di palle colorate e i panettoni e i canti mielosi, sempre gli stessi che ci hanno stufato negli anni scorsi e ci stuferanno in quelli futuri, ma oggi, in questi giorni e mesi di grande confusione sotto al cielo della violenza che regna sovrana, sono il segno distintivo di un nostro riconoscimento di cittadini che non si chiamano Abdul o Moahmed o Rashid che, se per una qualche ventura dovessero aversene a male, poverini, a scuola o nelle piazze dove si erigono gli alberi con sotto i presepi, seguano serenamente le loro tradizioni: le loro genuflessioni, i loro ramadan e i loro canti del muezzin e non interferiscano in alcun modo con le nostre.
A voi le vostre trombe, cari i nostri cittadini di importazione che siete fuggiti dalla fame e dalle guerre, a noi le nostre campane. E che suonino a distesa. Siamo in Occidente - dove voi avete chiesto ospitalità e l'avete, benevolmente, ottenuta, punto.
Un tempo parteggiavo per la rivoluzione russa, tu vedi il passo del gambero della Storia, e oggi mi tocca parafrasare Eduardo e il suo: 'Te piace 'o presepe!' Si mi piace. E' parte della mia storia e della mia identità e, pur non essendo credente, mi piace includerlo nelle collezioni dei musei dedicati alle tradizioni e andarli a vedere nelle città europee che visito e visiterò nel prossimo futuro. Così come ho visitato e visiterò i musei dedicati alle civiltà dell'Islam – quando ancora tra le due sponde del Mediterraneo si scambiava Arte e Civiltà e non 'barconi' infiltrati dai terroristi in pectore.
E' bene precisarle, queste cose, perché c'è chi, invece, le tradizioni e le culture degli altri, presenti e passate, oggi le abbatte coi picconi e i martelli pneumatici e mina i monumenti antichi col tritolo.
Fa tutta la differenza fra noi e alcuni di loro (troppi?), giova ricordarlo.

 
 
 

La pace che consegue alla guerra.

Post n°2341 pubblicato il 03 Dicembre 2022 da fedechiara
 

La pace che conseguirà agli esiti della guerra.
Se leggete tra le righe della prima pagina di ieri che vi propongo, noterete l'espressione 'pace giusta' riferita alla guerra di Ucraina. A definirla così è solo una delle due parti che, ad un eventuale tavolo di trattativa, si provassero a ricomporre il complicato puzzle post bellico.
Cosa è 'giusto' sottolineare e convenire in questa drole de guerre per procura Nato, valorosamente combattuta dagli Ucraini a futura memoria dei centomila caduti in battaglia?
Giusto ieri, per dirne solo una, una fake new di smaccata propaganda ucraina indicava in 13.000 i caduti di parte loro e 150.000, invece, gli odiati Russi. Fonti militari americane, nei giorni scorsi, indicavano 100.000 alla pari per le due fazioni in guerra. La guerra è un abisso dove la verità dei fatti precipita nel profondo e si defilano i mitici 'fact chekers' di Zuckenberg e gli stanchi ricercatori di bufale.
Cosa è giusto, dunque, nella fumosa prospettiva di pace tra la Russia e la Nato (per interposta Ucraina)? La restituzione delle terre conquistate con lacrime e sangue dai soldati russi? Improponibile, direbbe Peskov in prima battuta nei laboriosi mesi della ipotetica trattativa. Scordatevelo, lo imbecca Putin nel telegiornale di ieri sera.
O sarà decisiva la scrittura di un patto di non aggressione da parte della Nato, relativa alla cintura di paesi satelliti che hanno sottoscritto lo scellerato patto militare con l'Occidente?
Basterebbe a Putin una tale scrittura, condivisa da Europa, per restituire il maltolto? E' lecito dubitarne.
I miracoli accadono, talvolta – magari per intercessione vaticana (che, da sempre, afferma di avere i suoi canali privilegiati in alto con Chi di Dovere) supportata da novene e intense preghiere dei fedeli.
Ma se questa dovesse essere la carta nascosta al tavolo di trattativa dovrebbe essere accompagnata da amplissime garanzie di rispetto dei confini della Russia che si andranno a patteggiare e ridisegnare e dalla solenne cancellazione futura della parola 'nemico' riferita all'orso russo – che è all'origine della folle 'confrontation' atomica tra gli Stranamore occidentali e i Russi fin dai tempi della 'guerra fredda' e l'altissimo rischio di guerra termonucleare a Cuba – di quando la Russia provò ad installare una sua base missilistica colà.
Temo che Biden e Macron dovranno attendere la prossima primavera per poter rassicurare il mondo sull'avvio di una seria trattativa di pace – ed entrambi dovranno tenere in serissima considerazione il presupposto russo di aver spostato, manu militari, i confini oltre il Donbass e la Crimea e gli altri territori dove le sue truppe si sono acquartierate e preparano la controffensiva del 'generale inverno'.
Avvisino Zelensky di tenersi pronto al grande evento internazionale e provvedersi di robuste razioni di Lansoprazolo.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 7 persone, persone in piedi e il seguente testo
In attesa delle trattative di pace. (No, quello al centro non è Zelensky)🙄.