Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

finsaneQuartoProvvisorioamomerlynofedechiaraDanzasulmiopettodgl0supergeo.50jubevolgaespikemaripiccola6mmarchflammemilioooApollion12dglSandman470spalmierosPrototipo00
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 04/02/2023

Da questo lato del ring.

Post n°2428 pubblicato il 04 Febbraio 2023 da fedechiara
 

Da questo lato del ring.

Confesso che ignoravo l'esistenza di un 'gran giurì' nei regolamenti interni al nostro parlamento. Né la lettura su Wikipedia mi ha illuminato perché vi si afferma che l'istituto è stato abbandonato quasi ovunque e sostituito dalle 'udienze preliminari' davanti ad un 'giudice delle udienze preliminari'.
Tutto ciò per dirvi che, quale che sia l'istituto pomposamente invocato dal pd della Serracchiani in aula ieri pomeriggio, si tratterà di un 'secondo round' dell'infinita 'partita a chiacchiere' che si gioca in parlamento tra le opposte fazioni - e l'esito di quell'eventuale boxare tra destra e sinistra sarà determinato dalla composizione del collegio (il gran giurì) e dall'appartenenza dei suoi membri all'una o all'altra fazione.
E, se leggete bene su Wikipedia, i membri dell'invocato 'gran giurì' dovrebbero essere neutrali e 'super partes', ma è finzione giuridica perché ognuno di noi, compresi i membri di questo e di altri gran giurì, ha le sue idee politiche e le maschera e le sfuma opportunamente in caso di convocazione, ma 'covano sotto' come le braci e si torna a bomba e alla domanda fatale:
'E' colpevole il Donzelli di lesa maestà nei confronti di un pd che si straccia le vesti per un condannato al carcere duro che pretende di piegare una legge dello stato tramite plateale 'sciopero della fame'?
No, non è colpevole di alcunché (a mio modesto avviso), se non di indignata e giusta denuncia dell'ipocrisia dei parlamentari di quel partito e fazione sinistra che ci rifilano una solidarietà indebita all'autore di attentati anarchici, Alfredo Cospito, che in carcere ha mantenuto contatti con i suoi sodali politici vietati dal 41 bis (che include i carcerati per mafia).
Il resto è fuffa e 'fumus persecutionis' di un falò politico acceso giusto per sfuggire dall'angolo del ring in cui il pd sta rintanato a prendersi la gragnuola di colpi che gli vengono dall'altra parte dell'emiciclo.
Si avvii la procedura. Forza Donzelli! Falli neri (ooops)!
IT.WIKIPEDIA.ORG
Grand jury - Wikipedia
MSN.COM
"Informazioni non secretate". Delmastro zittisce la sinistra su Donzelli
"La mia sinistra sbaglia tutto su Cospito. Donzelli ha fatto bene a parlare in Aula"
MSN.COM
"La mia sinistra sbaglia tutto su Cospito. Donzelli ha fatto bene a parlare in Aula"


 
 
 

Il mondo e i suoi cardini.

Post n°2427 pubblicato il 04 Febbraio 2023 da fedechiara
 

Qualcosa è cambiato. - 02 febbraio 2017

'Il mondo è fuori dai cardini. Ed è un dannato scherzo della sorte ch'io sia nato per riportarlo in sesto.' W.Shakespeare – 'Amleto' Atto primo scena V
Sarà perché anche il portone di ingresso dell'edificio in cui abito è più e più volte uscito dai cardini che mi è venuta in mente questa frase di Amleto, ma, a differenza di lui, io non sono in grado di rimettere le porte in sesto ed ho dovuto ricorrere a un operaio tuttofare e pagarlo profumatamente per il suo servizio.
Quanto al mondo rotto che 'è fuori dai cardini', se lo era al tempo di Amleto e al suo piccolo regno di Danimarca che puzzava di marcio, figuratevi oggi, nel tempo presente dei sette miliardi e passa di abitanti del pianeta Terra molti dei quali pretendono di migrare e trasmigrare da un continente all'altro e da un paese all'altro senza vincoli di frontiere e di maledetti visti di ingresso.
Come se l'immigrare e il violare impunemente le frontiere di mare e di terra di un paese da parte di masse imponenti di persone e intasarne le strutture di accoglienza e sanitarie e l'innescare i conflitti relativi alle culture e alle religioni di importazione fossero bruscolini e cosa senza conseguenza; ma i morti sulle strade e piazze di Parigi, Bruxelles, Nizza e Berlino si rivoltano nelle tombe e ci ricordano che i nomi e i cognomi degli efferati assassini sono di declinazione e radicalizzazione musulmana e qualche provvedimento contenitivo e regolatore bisognerà pur assumerlo, prima o poi, se non si vuole che il nostro futuro si coniughi colla jihad e il terrore di filiazione islamo-radicale e le nostre vite perennemente blindate.
E decenni di lassismo e di follia politica relativa alle migrazioni a sei cifre che hanno creato gli orrendi slums e i ghetti urbani dove si covano i rancori verso l'Occidente - che non ha realizzato i sogni americani ed europei dei nuovi poveri di immigrazione - trovano finalmente tardiva e caotica risposta di contenimento ed argine e messaggio urbi et orbi in quel Trump, presidente americano, che non gode delle mie simpatie, ma sta attuando il programma di governo che ha esposto in campagna elettorale.
E un punto di coerenza e di mantenimento delle promesse elettorali è cosa buona e giusta e bisogna dargliene atto a un uomo politico che ha sfidato tutti, perfino nel suo partito, flaccido per decennali consuetudini e patteggiamenti parlamentari al ribasso e rotto ad ogni compromesso con l'amministrazione Obama – di certo non la migliore della storia americana recente.
E, certo, Trump, al pari di Amleto, non rimetterà il mondo sui suoi cardini, ma l'aver lanciato il messaggio chiaro e forte di qua e di là dell'Atlantico e del Pacifico alle plebi del terzo e quarto mondo de 'non possumus' farci carico della vostra immensa miseria e globalizzarla a nostro scapito è cosa buona e saggia e di elementare buon senso.
Il troppo stroppia sempre e non è buona politica l'importare miseria se non si è in grado di trasformarla in ricchezza e benessere delle popolazioni indigene in tempi ragionevolmente brevi.
Fatevene una ragione, cari i miei no borders e buonisti di ogni risma e fede. Qualcosa è cambiato e molto altro cambierà.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Quei cimiteri pieni di gente indispensabile

Post n°2426 pubblicato il 04 Febbraio 2023 da fedechiara
 

04 febbraio 2022

'C'è il rischio che il paese precipiti verso le elezioni.' Così, oggi, il pd dello s-governo di Draghi e degli inciuci con i 5s vergognosi Incollati-alle-cadreghe. Se il lessico è specchio delle paure l'immagine di un precipizio dove si precipita rende bene l'idea che quei malnati hanno della vita democratica e del popolo che dovrebbe essere sovrano. Un precipizio da cui tenersi lontani, aggrappandosi alle erbe dalle fragili radici e infiggendo le dita nella terra della china fatale che li trascina giù.
E gli contrapponiamo il bel verso leopardiano: '...ov'ei precipitando il tutto oblia' per dire dell' auspicio di un oblio prossimo venturo di questi esserini politici minuscoli, veri e propri virus politici, che la prossime urne dimezzeranno, finalmente, e precipiteranno nella Geenna dov'è pianto e stridor di denti. Pura poesia.
Nessuna descrizione della foto disponibile.