Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

lascrivanafedechiaraAnothertime3felixyaxlemurgegiochigiochi1971divadestruction0cassetta2martellodgl13netti61luciosoulgbvitocurcionancyperry4145mazzocco.maurizioangelocustodedgl19
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 01/04/2023

Mano sul cuore e si levi il canto.

Post n°2513 pubblicato il 01 Aprile 2023 da fedechiara
 

Mano sul cuore e tutti in coro.
Tra i soldati uccisi a via Rasella forse c'era anche un cuoco pasticcere e un giardiniere esperto o un muratore, gli storici indaghino e mostrino le loro accurate ricerche a 'quelli del pd' e di 'bella ciao' – che tutto nascondono dietro allo steccato filo resistenziale de: 'Erano nazisti. Meritavano di morire.' Okkei. Ma che altro si poteva essere in quei tempi di feroci contrapposizioni assolute se non 'nazisti' da un lato e, di contro, 'partigiani' e resistenti?
Per la verità c'era il popolo. Il popolo indistinto, onda di marea che si abbatte sulla battigia quando i flutti della storia vengono fermati dall'incontro con la spiaggia.
Un popolo, quello italiano, fitto di numerosi filo fascisti clamanti e a mano tesa all'insù nelle piazze, fino all'otto settembre, e di filo partigiani, poi, quando gli Alleati riuscirono a sbarcare sulle nostre spiagge.
Il popolo dei 'tengo famiglia' che 'stanno a vedere' ansiosi di come vanno le cose prima di schierarsi con il vincitore e scendere in piazza festante con la bandierina di turno. Non si sa mai. I colpi di coda della Storia accadono, meglio essere prudenti.
Non si sa mai chi sarà il vincitore fino alla fine, vedi l'Ucraina.
Di tutta questa annosa polemica su via Rasella – che nulla aggiunge a quanto è stato già detto e dibattuto sulla opportunità di quell'azione militare e sulle sue nefaste conseguenze di cui alla rappresaglia delle Fosse Ardeatine – la cosa buona che notiamo è che ci fornisce una informazione in più su quegli accadimenti.
Veniamo a sapere, infatti, che i 'nazisti' ammazzati erano dei suonatori, una banda musicale di tirolesi specializzati in valzer e mazurche stra paesane. Ma guai a dirlo, specie se a dirlo è la seconda carica dello Stato. Aita, aita delle vergini cucce custodi vestali delle Sacre Memorie del 25 Aprile.
Guai a chi fornisce una diversa valutazione non in linea con le direttive dell'Anpi e dei partiti di riferimento e non intona il 'bella ciao' con la mano sul cuore.
Tutto ciò che esula dalla definizione sprezzante e tombale di 'nazista' riferito ai morti ammazzati, per quei dessi sinistri delle pretestuose polemiche di ieri e di oggi è una bestemmia.
Ma non sarà che ciò che li spaventa di più è proprio il vaglio del popolo pensante relativo all'opportunità di quella azione militare – se gli storici accerteranno, al di là di ogni ragionevole dubbio, che quei capi partigiani erano informati della rappresaglia annunciata e della strage che ne sarebbe conseguita?
A distanza di tanti anni e di tanti studi e ricerche storiche dovremmo essere in grado di condividere una ricostruzione accettabile da entrambi gli schieramenti di quanto avvenne in via Rasella e stendere il pietoso velo della Storia che ci mostra in filigrana come il mondo degli uomini e delle donne sia conflittuale a prescindere e per atavica maledizione politica divina.
Se perfino Cesare Pavese trovò parole di pietà per i morti fascisti (e venne perciò ostracizzato dai Soloni del pci, il partito con cui simpatizzava) i cui corpi sono stati dilaniati dallo schiacciasassi della Storia possibile che un bagliore di umana compassione mai illumini quei cervelli sinistri folgorati della narrazione unilaterale e coro relativo dei 'bella ciao'?
Il commento. (R.C.)
  • E ti do ragione. Dovrebbe essere semplice " storia" ormai. Bisognerebbe guardarla senza ideologie, sia da una parte che dall'altra. A me non ha mai convinto una cosa: ormai i nazisti erano alla frutta. Il Sud era perso da mesi. Mussolini e il suo Governo erano caduti. Si combatteva a Cassino. Insomma i tedeschi erano in ritirata con un piede già fuori da Roma ( strategicamente). Si sapeva che in ritirata diventavano feroci ( vedi al Sud). Belve che non andavano stuzzicate, non mentre stanno perdendo. Ormai anche loro sapevano di essere in procinto di perdere Roma.
  • Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone e persone in piedi

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963