Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

myrgifedechiaramarphjXinequanonalf.cosmosbstonioAnnabel_Lee_2012farmacia.travaglinirenzo.dallaglioing.canalegaspareUnaltrasvoltamarinovannicassetta2E03
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 03/06/2023

I cardini del mondo rotto.

Post n°2616 pubblicato il 03 Giugno 2023 da fedechiara
 

Il mondo fuori dai cardini. 03 giugno 2022
E le chiose di questo giorno fatale che fa seguito alla 'festa della repubblica' (chi festeggia cosa, di grazia? I soliti noti al vertice delle 'istituzioni' con le vuote parole retoriche di sempre) sono incentrate sui sotterranei di due fabbriche che, curiosamente, hanno il mare nel nome: Azovstahl e Azot – l'una oscuro opificio di pregiati acciai e, forse, sede dei laboratori biologici di malvagi Faust, l'altra alchemico luogo di simbiosi chimiche altamente fertilizzanti che si esportano all'estero, ma entrambe dotate di un ventre capace - riparo di coloro che fuggono dai bombardamenti sulle città. https://www.ilmessaggero.it/.../azot_fabbrica_bunker...
E se la prima si è finalmente svuotata dei misteriosi combattenti 'nazistoni', anch'essi intestati 'Azov', in seguito alla resa senza condizioni, la seconda non tarderà a seguirne la sorte e presto si organizzeranno i convogli per i profughi e la premiata ditta tornerà a produrre i suoi pregiati concimi azotati, ambiti dal mondo intero sotto schiaffo di prossime fami, ma sotto egida produttiva russa.
'Il mondo è fuori dai suoi cardini', recitava Amleto, 'ed è un dannato scherzo della sorte ch'io sia chiamato a riportarlo in sesto'. E Putin è della stessa pasta tragica del principe di Danimarca – che, come Oreste, intendeva punire la genitrice adultera ed il suo disgraziato amante - e ha tutta l'intenzione di rimettere la porta del mondo occidentale sui cardini da cui è uscito - e guai ai vinti che si ostinano a spedire armi micidiali ai resistenti ucraini perché la loro iattanza sarà punita, in barba alle illazioni che lo vogliono moribondo e prossimo a 'tirare le cuoia', secondo i molti 'esperti' citati dalla stampa occidentale embedded.
E il ricorrente mantra dei leaders occidentali, più realisti del re americano, recita: 'Putin non deve vincere la guerra', ma si accompagna alla mesta constatazione che 'la guerra sarà lunga e usurante'.
Di certo per quei cittadini europei 'vittime civili' delle maledette sanzioni - più della Russia e in nome e per conto di uno stupido diktat Nato che pretende di essere una 'alleanza difensiva' in barba alla presente guerra per procura.
La logica asfittica della creazione di un 'nemico' – solo ieri prodigioso partner commerciale di lucrosi commerci che si riflettevano positivamente sulle bollette del gas che pagavamo.
Davvero urge rimettere il mondo sui suoi cardini - e sedare e tornare a controllare quegli spiriti malvagi che si sono covati per oltre otto anni nell'oscuro laboratorio ucraino. - la madre di tutti i conflitti che verranno.
Potrebbe essere un'illustrazione raffigurante testo

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963