Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarafeder10davidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 08/06/2024

Dibattiti e fazioni.

Post n°3227 pubblicato il 08 Giugno 2024 da fedechiara
 

Dibattiti e fazioni. 08 giugno 2020
Seguo con interesse la serie di telefilm 'Blue bloods' che, sospetto, verrà presto tolta dai palinsesti perché additata dalla stampa filo democratica (quasi tutta, ahinoi) come 'fascista' e filo poliziotti americani. Il peggior crimine che si possa commettere dai tempi della guerra civile nordisti-sudisti, a leggere quei fogli a firma di esaltati buonisti.
E' la storia di una famiglia, come ben sanno coloro che la seguono, in polizia da tre o quattro generazioni, che si trovano a cena ogni domenica - e nei loro dialoghi echeggia spesso il dibattito presente e il 'j'accuse' delle genti sinistre: se i poliziotti in servizio fanno per intero il loro dovere di repressione del crimine e l'arresto dei criminali e se agiscono secondo i regolamenti e si attengono a tutto quanto viene loro insegnato all'accademia, oppure se sono dei maledetti violenti, e alcuni di loro veri e propri 'natural born killers', come affermano i più esagitati tra i manifestanti che li accusano all over the world delle peggiori nefandezze nelle piazze sedicenti 'antirazziste'.
E in quei telefilm ben si rappresenta il sindaco nero e i suoi consiglieri civici di maggioranza che premono e insistono perché il capo della polizia si esponga in prima persona e bolli con la necessaria severità i comportamenti dei suoi sottoposti - definiti 'violenti' e unidirezionali nei confronti, vedi caso, dei neri capibanda nei quartieri poveri dove alligna la microcriminalità degli spacciatori e gli ignobili sfruttatori della prostituzione.
Tutto secondo copione in cronaca, come vedete e leggete. Il copione della realtà quotidiana dei nostri quotidiani conflitti che confluiscono nelle cronache di nera. Ed è maggiore, oggi, il baccano e le denunce, giustissime, che si fanno intorno al dramma di un nero ucciso da un poliziotto violento rispetto ai drammi quotidiani che si svolgono nel corso delle azioni di repressione del crimine che espongono i poliziotti al rischio della vita, come ben si mostra in quei telefilm iperrealistici.
E davvero 'non se ne va fuori' nell'accertamento della verità di chi ha ragione e chi torto degli opposti schieramenti – e gli effetti negativi della presente demonizzazione dei comportamenti dei poliziotti li vedremo e li denunceremo assieme più avanti: quando quei poliziotti si volteranno dall'altra parte e faranno 'orecchie da mercante' pur se presenti sulla scena di un crimine.
E il dibattito politico si sposterà allora su: '...cosa fa la polizia per difendere i bravi e buoni cittadini alla mercé degli spacciatori e dei papponi nei quartieri periferici più degradati?'
Ai posteri le ardue risposte. E sarà interessante vedere, alle prossime elezioni, cosa risponderanno gli elettori, in barba al presente clamore delle piazze che sembrano dirci che il mondo si sta rovesciando a loro favore.
Chi vivrà vedrà.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
GEORGE FLOYD NON È UN MARTIRE, ANZI……5 CONDANNE PER GRAVI REATI – STORIE DI POLIZIA PENITENZIARIA E SICUREZZA
STORIEPOLIZIAPENITENZIARIA.IT
GEORGE FLOYD NON È UN MARTIRE, ANZI……5 CONDANNE PER GRAVI REATI – STORIE DI POLIZIA PENITENZIARIA E SICUREZZA
GEORGE FLOYD NON È UN MARTIRE, ANZI……5 CONDANNE PER GRAVI REATI – STORIE DI POLIZIA PENITENZIARIA E SICUREZZA

 

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963