Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarafeder10davidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 24/06/2024

Le parole che volano alte.

Post n°3243 pubblicato il 24 Giugno 2024 da fedechiara
 


Se lo dice Mattarella, succederà? O il suo 'monito' resterà negli annali inascoltato come molti altri auspici levati alti al vento del suo doppio settennato, praticamente una reggenza?
E' un po' come quella storia di Marzullo: 'Fatevi una domanda e datevi la risposta.' Non succederà.
Lo sfruttamento e lo 'schiavismo' che si denuncia in queste ore di sdegno massimo contro il maledetto 'caporalato' hanno il loro brodo di coltura nel mare magno della sovrabbondante offerta di manovalanza dei 'clandestini' - costretti a tutto accettare di quel si offre loro per pagare quell'altro sfruttamento iniziale: quello dei trafficanti di esseri umani e dei 'passeurs' che hanno consentito loro di violare le frontiere-gruviera del nostro continente in affanno: l'Europa malata di buonismo che il trionfo delle destre alle elezioni u.s. non ha sufficientemente castigato.
Sono parole al vento, quelle di Mattarella, parole di conforto e lenimento istituzionale delle nostre segrete angosce: che nulla possa cambiare e cambierà finché dura la presente temperie di lassismo politico e buonismo ipocrita nei confronti dell'immigrazione clandestina a sei cifre che dilaga oltre le lasse frontiere ex Schengen – oggi blandamente rinforzate e aperte e chiuse a fisarmonica secondo l'impeto delle umane alluvioni.
E l'inanità e sostanziale inutilità degli appelli dei misericordiosi a prescindere la misuriamo anche nelle notizie che ci vengono dai fronti di guerra. Grande enfasi sui morti a decine per ogni attacco dell'esercito di Israele contro obbiettivi mirati a distruggere i covi di Hamas e nessun reportage degno di questo nome che ci ragguagli dall'interno sulle operazioni di guerra: i piani dei comandanti, gli algoritmi che decidono gli obbiettivi sulla base delle informazioni dell'intelligence, l'impossibilità a distinguere i morti tra i civili e quelli tra i combattenti in un territorio fitto di profughi e tende e ospedali da campo bravamente allestiti secondo il numero dei feriti e dei mutilati.
E un coro di prefiche giornalistiche, invece, che ognora lamenta la crudeltà della guerra (la guerra dei Cinquanta e più anni) e i pretesi genocidi.
E quel loro rifiuto della guerra trova sponda di ipocrisia in quell'altra guerra iper tecnologica che si combatte tra la Nato e la Russia col sacrificio di intere generazioni di Ucraini, eroi per procura di uno stolido 'ritorno ai confini' che avevamo stigmatizzato e deriso dopo i milioni di morti della seconda guerra mondiale.
E la terza è alle porte e la Storia non ci è 'magistra' di un bel nulla. L'igiene (ricorrente) di un mondo malato.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Tutte le reazioni

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963