Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarafeder10davidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 03/07/2024

Apocalittici mai integrati.

Post n°3253 pubblicato il 03 Luglio 2024 da fedechiara
 

Apocalittici mai integrati. - 02 luglio 2023

Dovremmo riconsiderare la forza. Che la forza sia con noi - e con i nostri spiriti e con i valori in ombra dell'Occidente. Dovremmo fare come in Israele – che la forza, armata, la usa e ne ha massima cura, contro i maledetti terroristi palestinesi che, di quando in quando, alzano le loro teste di serpe e fanno gli attentati miserabili contro i civili inermi, ma vengono schiacciate sotto il tallone degli anfibi dei militari ben addestrati. La continuazione della politica con altri mezzi – fino al momento in cui (nel 3023?) subentrerà la ragionevolezza e l'amara constatazione nelle teste dei capi palestinesi che è stupido mandare figli e nipoti a morire nella perpetua mattanza – e un accordo di pace maturerà obtorto collo.
E le enclaves europee nemiche fitte di islamo-radicali somigliano tanto ai campi profughi di Jenin – con la differenza che noi europei, ahinoi, non coltiviamo il culto della forza come fanno gli israeliani. Masada. Difendersi o perire.
Non ci è bastata la maledetta 'rivolta delle banlieues' del 2005 che ci ha rivelato la guerra intestina e i 'territori (irrimediabilmente) perduti' di Europa. Non ci è bastata la mattanza di civili inermi del Bataclan e la strage dei tir a Nizza e quella del mercatino di Natale a Berlino - e tutto il seguito di attentati in franchising delle troppe serpi in seno che ospitiamo in Europa, terra di colonizzazione islamo-radicale e di rinnegati cittadini. E territorio franco per ogni futura scorreria terroristica e/o sommosse di soldati-bambini e incendi e distruzioni di negozi e scuole e municipi e agenti feriti nelle battaglie.
Il mito della forza è importante, se usata 'comme-il-faut' come la si insegna nelle scuole di polizia. La forza ci difende, difende la vita dei cittadini tutti. La forza armata. Le forze dell'ordine.
Un ruolo che nessuno si è mai sognato di mettere in discussione prima della aperta dichiarazione di guerra allo stato-ospite da parte dei rinnegati cittadini di seconda e terza e quarta generazione di immigrati.
E, se c'è abuso o un errore di giudizio nell'azione repressiva ci sono i giudici e c'è la giustizia dei tribunali della Repubblica. Che non sono ciecamente schierati a favore dei 'bianchi razzisti', come pretendono gli imbecilli notori e gli imam che soffiano sul fuoco della rivolta.
Al contrario, troppe sono le sentenze a favore degli immigrati che ricorrono contro i decreti di espulsione e trovano riparo e ricetto nelle tristi 'banlieues' delle ricorrenti rivolte dove la polizia non osa mettere piede.
A radio3 ho ascoltato il giornalismo fazioso della sinistra-delle-cause-perse menare pregiudiziale scandalo per la cifra altissima delle donazioni pervenute al poliziotto arrestato – in carcere per aver sparato al 17nne magrebino fermato alla guida di una Mercedes con targa polacca (l'ultimo dei reati a lui, recidivo di una lunga lista, imputato).
5 volte di più di quanto raggranellato dalla famiglia dell'ucciso e destinata in gran parte, suppongo, alle spese legali. Perché, anche in Francia, vale la mitica 'presunzione di innocenza' – violata e rinnegata apertis verbis dalle orde dei bambini-soldato nel corso della sommossa e della guerra civile.
E il quadro, preoccupante, nella lotta di fazione che contrappone la ex 'douce France' delle felici frequentazioni turistiche alle 'banlieues' dell'odio degli immigrati male o mai integrati è proprio questo pregiudiziale denegare che possa esserci una giustizia super partes e che il processo che verrà saprà accertare le colpe e punire il colpevole. Nessun riconoscimento istituzionale viene, né verrà da chi non si è mai integrato.
Non c'è riconoscimento di giustizia condiviso nei territori occupati, nelle enclaves di Europa ormai in mano nemica, bensì fazioni combattenti, pronte alla prossima guerra non appena pronunciata una sentenza a loro dire 'razzista' e xenofoba'.

 

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Aux Urnes, Citoyens!

Post n°3252 pubblicato il 03 Luglio 2024 da fedechiara
 

Si potrebbe andare tutti a Parigi – a vedere l'effetto che fa la strizza dei perdenti in pectore di domenica 7 luglio (allons enfants!) che hanno stretto il sacro patto contro la Le Pen – la sola che indossi i pantaloni in casa transalpina, nome omen.
La paura fa novanta, recita un vecchio adagio. E non è chiaro se è il novanta della tombola partenopea o se sono i gradi della geometrica posizione di cui agli struzzi che nascondono la testa nella sabbia in attesa dell'impatto fatale.
E i 218 candidati che si sono ritirati perché la sfida con il Rassemblement sia chiara e massimamente polarizzata – o noi o loro - preferiscono il diluvio (après nous le deluge?) dell'ingovernabilità che coscientemente provocheranno nella malaugurata ipotesi che Marine non ottenga la maggioranza assoluta dei seggi e Macron risalga brevemente la china di Sisifo col masso che, prima o poi, lo schiaccerà rotolando a valle. Gilets jaunes, fate la rivoluzione nell'urna, la sola che conti.
Perché mettere insieme politicamente i fighetti di scuola Rotschild di Macron-l'imbelle con gli 'Insoumises' di Melenchon è davvero la peggiore delle scommesse per la Francia di una guerra civile sottotraccia e già si avanza l'ipotesi di un 'governo tecnico' i cui guasti ci sono arci noti, a noi italiani, dopo aver visto in azione i pessimi 'uomini del presidente' Monti e Draghi – da non augurare al peggior nemico, visti gli esiti.
Aux urnes, citoyens. Votate con coscienza, l'ora è grave e gli esiti fatali.
Conforta il fatto che, comunque vada, sono le destre a dettare l'agenda in Europa, le sole formazioni politiche che abbiano in mente una soluzione d'ordine, dopo il marasma post immigratorio che ci mostra la cintura metropolitana delle oscene 'banlieues' delle ricorrenti rivolte e delle serpi in seno degli attentati in franchising dei mal o mai integrati.

La plastica raffigurazione dell'orrore urbano di un preteso governo Macron-Melenchon dopo il secondo turno delle elezioni.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante Basilica del Sacro Cuore, la Place de la Bastille, l'Arco di Trionfo, il Pantheon e testo



 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963