Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarafeder10davidhellyermisteropaganoJohn13dglChevalier54_ZQuartoProvvisorioGiulia0dgl12pragency177karel_ASoglioletta0Arianna1921Najkanewspaper_articles1ARCAN020
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 05/07/2024

Quando c'era Fanfani, cari voi...

Post n°3256 pubblicato il 05 Luglio 2024 da fedechiara
 

Arridatece Fanfani e Rumor. 05 luglio 2020

Il segno dell'età che mi ritrovo addosso, più che dal numero rotondo che la convalida e le rughe del mattino che invano provo a distendere è dato dal fatto che mi riconosco – riconosco tracce del mio vissuto - nei documentari in bianco e nero stinto di Raistoria – con Fanfani o Rumor che tagliano i nastri di inaugurazione delle tratte autostradali (chissà se anche quello del Ponte Morandi) e tutta una fila di italiani in vacanza stivati in cinque o sei (se bambini) dentro le mitiche Cinquecento e le più lussuose Seicento. Multiple nel caso di figliolanza copiosa e parti plurigemellari o 'truccate Abarth' per i giovanotti in vena di conquiste.
'Tutti al mare a mostrar le chiappe chiare.' Che anno era?
E sono quasi contemporaneo di Umberto Eco buonanima, di cui leggevo le gustosissime 'bustine di Minerva' sull'Espresso in formato lenzuolo e so chi era (e ne ho ascoltato la strana voce pastosa in apertura di adolescenza) Edith Piaf e Josephine Baker, cinta nelle banane, ed ho imparato a memoria e so cantare discretamente bene 'Les feuilles mortes' di Yves Montand su testo poetico di Jacques Prèvert con effetto vibrato commovente e voce bassa e profonda.
E ricordo mia cugina vergine (all'epoca si andava al matrimonio, uno solo, in cotal stato e il vestito bianco lo testimoniava, bei tempi!) che cantava con voce sopranile, a gola spiegata, 'Il cielo in una stanza' e la madre-zia mi preparava certi gnocchi di patate impastati davanti a me con un ragù fisso 'da capottarse' – come scrive delle sue fragole e ciliege il fruttivendolo di via Roma qui a Mogliano.
E taccio di quando, avevo tredici anni, decisi di tifare per la 'grande Inter' di Sarti-Burgnich-Facchetti, perchè 'così fa(ceva)n tutti', ma presto mi stufai di quei ventidue giovanotti in affanno dietro a una palla che non si doveva toccare con le mani.
Dunque sono un 'testimone del tempo' quasi leggendario e vanto pure qualche record - come quello di non avere mai ballato alcun ballo, giuro, prima dei fatali cinquanta e mai una volta in discoteca. Ma ho capitolato, di poi, negli abbracci del tango-pensiero-triste-che-si-balla fino al drammatico epilogo del corona virus che ha sterilizzato e distanziato ogni cosa - e si torna a ballare solo se 'congiunti' da almeno un decennio e con autocertificazione obbligatoria che scagiona i maestri di tango spaventati di perdere la licenza e finire ai domiciliari in caso di focolaio milonghero.
Si stava meglio quando c'era Fanfani, mannaggia.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

Tutte le rea
Edith Piaf - Le Vie en Rose
YOUTUBE.COM
Edith Piaf - Le Vie en Rose
Gino Paoli - Il Cielo in una Stanza
YOUTUBE.COM
Gino Paoli - Il Cielo in una Stanza


 

 
 
 

Casi umani.

Post n°3255 pubblicato il 05 Luglio 2024 da fedechiara
 

Dobbiamo derubricare la questione 'Biden-l'Anziano' da caso politico a caso umano.
La sua disperata lotta all'ultimo saltello e accenno di corsetta ad usum tele-giornalistico per mostrarsi ancora presidente capace di un sano governo cognitivo delle sinapsi sue e delle maggiori di una America affranta e in cerca di autore commuove – e davvero mi sento a lui vicino umanamente dappoiché le mie escursioni montane in quota si sono vistosamente ridotte a causa della mia schiena malandata (e il mio tango pure) e già quota 1800 mi appare un miraggio mattutino e una mistica aspirazione verso l'azzurro cielo delle creste seghettate.
Ma nel dibattere (e scrivere) ancora me la cavo e saprei tener testa a Trump ed avrei sempre in saccoccia il finale 'vaffa' elegante che lo stenderebbe in corso di pubblico dibattito.
Lancio il guanto della sfida al tycoon in caso si liberasse il posto di Biden nei giorni a venire e Kamala Harris desse forfait perché impaurita e poco attrezzata a reggere quel che resta della campagna elettorale.
Sia chiaro fin d'ora che esigo di disporre per intero dei fondi dei finanziatori di Biden fin qui raccolti e avrò bisogno di un/a insegnante di lingua americana a mia disposizione per una quindicina di giorni (ben retribuiti) per potermi esprimere al meglio in quel loro strano inglese dall'uovo ostinatamente tenuto in bocca (doppio 'viva!' ai doppiatori italiani dei film di Hollywood).
E, in finale del mio pezzo, la domanda malandrina è d'obbligo:
'Ma, secondo voi, è tutta una manfrina di Biden-l'Anziano quel suo sbraitare di voler restare fino alla fine dei suoi giorni o fra qualche giorno avremo il clamoroso annuncio del suo ritiro (alleluia!).


https://www.gagarin-magazine.it/2020/03/libri/diario-di-un-lettore/che-ve-ne-sembra-dellamerica-di-william-saroyan/



 

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963