Creato da nameerfcinema il 06/11/2006

Neverland

La gaia scienza

 

 

La debolezza è potenza e la forza è niente

Post n°7 pubblicato il 27 Dicembre 2006 da nameerfcinema
Foto di nameerfcinema

"Quando un uomo nasce è debole e duttile,

quando muore è forte e rigido,

così' come l'albero,

Mentre cresce è tenero e flessibile e

quando è duro e secco muore.

rigidità e forza sono compagni della morte

debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell'esistenza.

cio che si è irrgidito non vincerà".

http://lacameraobscura.splinder.com/

 
 
 

Post N° 5

Post n°5 pubblicato il 20 Dicembre 2006 da nameerfcinema
Foto di nameerfcinema

Semina un pensiero e nascerà un’azione.


Semina un’azione e nascerà un’abitudine.


Semina un carattere e nascerà un destino.


Poiché la mente precede i modi d’essere, originati dalla mente, creati dalla mente.


Nella mente ha origine la sofferenza.


Nella mente ha origine la cessazione della sofferenza.


Semina un’abitudine e nascerà un carattere.
 
 
 

Post N° 4

Post n°4 pubblicato il 14 Dicembre 2006 da nameerfcinema
Foto di nameerfcinema

Siamo fatti di morte. Questa cosa che consideriamo vita, è il sonno della vita reale, la morte di ciò che siamo veramente. I morti nascono, non muoiono. I due mondi per noi sono invertiti. Mentre crediamo di vivere, siamo morti; cominciamo a vivere quando siamo moribondi. Esiste lo stesso rapporto tra il sonno e la vita che tra ciò che chiamiamo vita e ciò che chiamiamo morte. Siamo addormentati, e questa vita è un sogno, non in senso metaforico o poetico, ma in senso vero...
Fernando Pessoa

Nei sogni la mente soltanto crea il mondo. La stessa cosa avviene nello stato di veglia: non c'è differenza.
Shankara

Muori mentre vivi;
vivi mentre muori,
e sii assorto nel Silenzio.
Se nell'impurità rimani puro,
non tornerai nell'oceano del mondo.
Djalâl-ud-Din Rûmî

 
 
 

LE ORME

Post n°3 pubblicato il 06 Novembre 2006 da nameerfcinema

lascia davvero
che il tuo futuro sia senza impronte
lascialo libero di arrivare
come vuole
e tu sii libero di accettarlo
lascia i golem
fantasmi del passato
non vederli
non cercarli
altrimenti
il tuo futuro
sarà solo un'impronta
del tuo passato

 
 
 

Summa scientia nihil scire

Post n°2 pubblicato il 06 Novembre 2006 da nameerfcinema
Foto di nameerfcinema

Nella Grecia antica esisteva un uomo che nel tempo libero lasciatogli dal suo mestiere di vasaio, entrava in conversazione con gli abitanti della sua città: Atene.

All’inizio si rivolgeva agli uomini politici ed ai poeti, in seguito allargo la sua cerchia parlando con artigiani e  operai.. Egli cercava degli uomini considerati saggi.

 

Quando Socrate riceveva una risposta  approfondiva su quale base gli avessero risposto e constatava che il sapere aveva raramente una base corretta; il sapere dei suoi interlocutori era essenzialmente immaginario e talvolta basato unicamente su dei pre-concetti, senza una vera riflessione,  senza porsi domande

 

Scoprì così che tutte le tradizioni, autorità e dogmi sono incompleti, che l’intelletto è legato ai sensi. Che le parole e i pensieri sono come della sabbia gettata in acqua, questa va a fondo non può restare in superficie.

La realtà che conosciamo e dunque i nostri sensi non possono percepire il divino.

 

Girando lungo le vie di Atene, Socrate intratteneva i giovani con domande sulle loro conoscenze, sulla loro professione e chiedeva ai suoi interlocutori cosa fosse per loro la sapienza e cosa essi stessi sapessero sulle cose più importanti come la vita e la morte, il senso della vita.

 

Chi di voi ammetterebbe con gioia che ciò che pensate di sapere con una convinzione indistruttibile manca di una base reale? Che la vita intera è costruita su tradizioni mai verificate, pregiudizi, speculazioni? Che l’uomo viene soprafatto da questa conoscenza superficiale che ci lega  al mondo dei fenomeni, alle leggi di causa ed effetto.

 

Era evidente che Socrate aveva pochi amici.

 

Socrate arrivò a comprendere che la somma della sua conoscenza era di non sapere niente e visse sino alla sua morte rinunciando a tutte le forme di ignoranza, rifiutando di assimilare lezioni senza averle comprese e senza un discernimento interiore.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcalia1riparatore0ebs1968psicologiaforensebohme14giuliocrugliano32VEDO.TUTTOstylophonelucevera1976anonimo10_1artattackwikiilteo3conservatoriocileajoshprinciperose.roses
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom