Creato da: NoRiKo564 il 02/02/2011
piccole pieghe e grandi magie....
 
Citazioni nei Blog Amici: 68
 

Le immagini e alcuni testi
presenti in questo blog
sono tratti dal web, chiunque
ritenesse il loro uso improprio
è pregato di comunicarmelo e
provvederò alla loro immediata
rimozione.
I testi in cui non viene citato
l'autore sono di proprietà
dell'autrice del blog, e pertanto
il loro uso deve essere
autorizzato dalla stessa.

 

 

 

I giovani d'oggi...

Post n°625 pubblicato il 22 Settembre 2020 da NoRiKo564

Sono stata giovane anch'io, mi sono affacciata al mondo del lavoro, sapendo quel poco o niente che mi aveva insegnato la scuola.
La teoria è una bella cosa ma, è solo quando ti cali nel lavoro reale che capisci di non aver imparato quasi niente, tanti bei concetti a memoria che poi difficilmente si possono applicare.
Ben consapevole di non sapere, ho sempre cercato di imparare da tutti, sia che pensassi che fossero molto più preparati di me, sia che avessero studiato meno di me ma, con un bagaglio di esperienza da meritare la laurea.
Non mi sono mai erta a "so tutto io e vi spiego".

Nel corso degli anni ho dovuto insegnare a tanti giovani che venivano assunti nelle aziende dove ho lavorato e mi sono accorta di come passando i decenni, le teste sono cambiate.
Premesso che, ancora adesso, imparo cose nuove che non so, mi sono trovata davanti a personaggi saccenti, con poca voglia di imparare e tanta di farsi vedere che loro sanno.

Peccato che alla prima difficoltà, corrono dalla sottoscritta a chiedere, perchè non hanno nemmeno la furbizia di documentarsi prima in internet, questa gran contenitore che da risposte su qualsiasi argomento (ai miei tempi,  si che era duro quando non sapevi qualcosa, dovevi andare a comprarti i libri)

...e loro sarebbero la generazione più tecnologica di sempre.

Niente stasera mi girano e mi sento nonna Aberlarda!

Però giuro, sono stata giovane anch'io!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Notte di un sabato sera qualunque...

Post n°624 pubblicato il 20 Settembre 2020 da NoRiKo564

...quando torni a pensare ad altri sabato sera, quando tutto era più semplice e leggero.

Che te la potevi mangiare la notte, da quanta sicurezza sentivi dentro e da quante  aspettative nutrivi.

Erano notti senza pensieri, perché non c'era nulla che preoccupasse la tua esistenza, era solo la sete di vita che esplodeva ad ogni respiro.

Poi si cresce, che brutta cosa perdere  quelle energie. Essere prosciugati da quella sete, stanchi e non vedere l'ora che la notte ti lasci dormire senza pensieri.

Poi arrivano loro, i sogni e non lo sanno che tu sei stanco e vuoi dormire. Loro sono i sogni, le fantasie inespresse, i desideri inesauditi e ti riportano a quelle notti...così come allora si dorme poco....ma qualcuno dice anche che la vita è breve e dormire  è  uno.spreco di tempo!

Che dire...Domani avremo di.nuovo il look Occhi Di Panda!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Se si potesse tornare indietro...

Post n°623 pubblicato il 16 Settembre 2020 da NoRiKo564

Ci penso ancora, anche se ormai non c'è più da cinque anni.

Ci penso soprattutto quando devo prendere delle decisioni importanti, ero cosi abituata a chiedere sempre i suoi pareri che ora decidere da sola, per quanto sia naturale ad una certa età, mi lascia sempre molte incertezze.

Non ci si abitua mai all'assenza di un pezzo di cuore e ogni tanto arriva quel desiderio di poter tornare indietro di cinque anni e dirti tutto quello che non ho saputo dirti allora, di quanto la tua presenza che a volte sentivo ingombrante, abbia lasciato un vuoto che non può essere riempito da niente e da nessuno.

Poi penso che comunque tu mi senta, allora ogni giorno chiacchero con te e ti racconto di me....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Se non ci fosse Facebook a ricordarmi che sono stata giovane anch'io...

Post n°622 pubblicato il 15 Settembre 2020 da NoRiKo564

 

Da pochi anni, ho ceduto anch'io e mi sono iscritta a Facebook, più per l'insistenza di altri, che per una mia reale esigenza.
All'inizio si son ritrovati i parenti dispersi, poi i compagni di scuola dispersi, gli ex colleghi dispersi, i parenti dei parenti (che non conosco nemmeno tra l'altro), il mio idraulico, il decoratore, l'idraulico, l'elettricista, il parroco, la mia ex catechista e financo il sindaco.
Dopo aver fatto entrare tutti nella cerchia degli amici, che se rifiuti, si sa mai che si offendono ed essendo poco interessata agli affari altrui, mi son presa la briga di seguire delle pagine che trattavano di argomenti che mi interessavano, senza parlare dei vari gruppi di bricolage, giardinaggio, orticulture, liquori fatti in casa, le ricette della nonna e amenità varie....
Poi sono arrivate le fatidiche pagine..."Noi che siamo nati negli anni più belli" "noi degli anni 60" "la meglio gioventù è nata con noi..." etc.etc.
Ecco, qui ho capito di non essere più tanto giovincella, perchè tornano con foto di oggetti, situazioni, persone che solo chi è nato prima degli anni 80 si può ricordare.

 

Ecco ti ringrazio tanto Facebook per ricordarmi che i migliori anni della mia vita sono andati! 

 

 

P.S. POI QUALCUNO MI SPIEGHERA' ANCHE PERCHE' NON SI RIESCE PIU' AD INGRANDIRE IL CARATTERE DI SCRITTURA!!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fretta!

Post n°619 pubblicato il 14 Settembre 2020 da NoRiKo564

E' una parola che mi sta stretta.

Perchè quasi sempre la fretta ti fa commettere errori, prendere decisioni sbagliate, fare scelte inique e non ultimo è la  prima causa di stress e ansia.

Io ho un capo che soffre di questa malattia. 
Vive di corsa, parla di corsa, decide di corsa...fa tutto di corsa!

Ne consegue, che quando gli spieghi una cosa, afferra solo il 20% del discorso, se ti spiega una cosa Lui,  Tu afferri solo il 20% del discorso.
Da qui si evince il perchè ogni giorno saltano fuori errori ed omissioni, che fanno perdere tempo e denaro all'azienda.

Siccome alla mia età di correre per il nulla, ne avrei le tasche piene, ho imparato ad assumere un aplomb inglese. 

Un po' lo manda in bestia la cosa, ma dopo aver assorbito per mesi la sua ansia da velocità, per evitare di essere ricoverata alla neuro prima del tempo, ho cambiato il mio modo di reagire a quello che, non è un mio problema ma, una sua turbe.

Che poi questa pandemia doveva insegnarci il valore del tempo, speso bene e fatto fruttare nel modo giusto; ma qualcuno non ha insegnato nulla, come mi dimostra la quotidianità del mio mondo lavorativo.

Io comunque insisto...slow is beatiful!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »