« La cuauhtemiñaNon c'è tempo per i miei dubbi »

Il bavaglio

Post n°264 pubblicato il 30 Giugno 2010 da Nuta
 

Questo è un post di denuncia di una situazione intollerabile.

A Firenze sta accadendo qualcosa di totalmente assurdo: a fronte di una guerra intestina fra la famiglia Della Valle e l'ormai ex allenatore Prandelli, gli attuali proprietari del club viola hanno utilizzato tutte le armi a loro disposizione per creare un sistema di controllo sull'informazione locale che si può tranquillamente definire "censura di regime".

Quando Stefano Prizio ha scritto liberamente articoli di critica nei confronti della politica societaria, pare gli sia stato chiesto di rinnegare Prandelli e farlo passare come un traditore, cosa a cui non ha dato alcun peso.

Quando è stato promosso da Prizio un sondaggio su chi credeva alle parole di Diego e chi a quelle di Cesare, quest'ultimo ha ottenuto consensi superiori al 60%.

Ancora una volta Prizio è stato richiamato all'"ordine", ma lui non solo non ha accolto l'invito di truccare il voto dei lettori e tifosi, ma anzi ha denunciato pubblicamente ciò che stava succedendo.

Nessuno ha mosso un dito, spianando la strada alla mossa successiva, l'annientamento completo del giornalista, inibito da tutte le radio e tv locali, nonché dal sito che lui stesso aveva creato (con tanto di richiesta danni per 500.000 euro).

La misura del bavaglio la dà il silenzio surreale di tutti o quasi, soprattutto di fiorentina.it, la cui redazione deve essere ostaggio delle decisioni di un editore che probabilmente è stato messo spalle al muro.

L'assenza di una voce libera e coraggiosa (l'ultima che era rimasta se n'è andata per sempre... ciao Manuela!) è deleteria.

Sembra addirittura che la Repubblica censuri i pensieri dei suoi collaboratori se questi esprimoro solidarietà al loro collega Prizio (evidentemente si intendono molto di bavagli).

Potrei dire che in casa viola, ormai da un po' di tempo, ne abbiamo viste di tutti i colori: licenziamenti in tronco di persone troppo vicine a Prandelli, campagne acquisti fatte con il proposito di mettere in difficoltà il mister, sceneggiate ridicole sulla chiamata all'ultimo momento della Nazionale a cui non si può dire di no.

Il problema è un altro e, paradossalmente, la Fiorentina c'entra ben poco: qui siamo di fronte a un personaggio che possiede quote importanti nelle testate giornalistiche più importanti e che detiene un potere straordinariamente alto, al punto da "controllare" tutta l'informazione locale.

Per leggere qualcosa su questa vicenda fiorentina pare che si dovesse comprare l'edizione di Repubblica di Padova, dove probabilmente nessuno leggerà, ovviamente, un trafiletto piccolissimo che parla di cose che in Veneto non interessano a nessuno.

Un po' come si deve spulciare qualche giornale straniero se vogliamo leggere notizie in Italia.

Firenze ostaggio, dunque.

A questo siamo arrivati

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nuta/trackback.php?msg=9007932

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
cateviola
cateviola il 01/07/10 alle 09:04 via WEB
"Tecnicamente si può già parlare di dittatura. Forse non ce ne siamo ancora accorti perché siamo abituati ai colonnelli greci o alla giunta militare cilena. Ma quello che conta è la sostanza, non la forma. Oggi è inutile mandare i carri armati per prendere il controllo delle principali reti televisive, basta cambiare i direttori. Non serve far bombardare la sede del parlamento, è sufficiente impedire agli elettori di scegliere i parlamentari. Non c’è bisogno di annunciare la sospensione di giudici e tribunali, basta ignorarli. Non vale la pena di nazionalizzare le più importanti aziende del paese, basta una telefonata ai manager che siedono nei consigli d’amministrazione. E l’opposizione? E i sindacati? Davvero c’è chi pensa che questa opposizione e questi sindacati possano impensierire qualcuno? Gli unici davvero pericolosi sono i mafiosi e i criminali, ma con quelli ci si siede intorno a un tavolo e si trova un accordo. Poi si può lasciare in circolazione qualche giornale, autorizzare ogni tanto una manifestazione. Così nessuno si spaventa. E anche la forma è salva. " Era marzo e lo scriveva Giovanni De Mauro ( L'internazionale )
Fino a che si tratta di denunciare il berlusconismo in Berlusconi troverai le masse a protestare, quando lo vediamo in chi vorrebbe essere dalla parte opposta... non è solo lui, è il perfetto rappresentante di questo ridicolo paese diviso tra signorotti e servi
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 01/07/10 alle 09:43 via WEB
Ti rispondo con un post di Beppe Grillo, sul quale concordo parola per parola: "Dell'Utri è stato condannato a 7 anni in appello, è da tempo senatore per non finire in galera (nominato dallo psiconano e non eletto dai cittadini). Il prossimo grado di giudizio (la Cassazione) non deciderà nel merito, ma solo nella forma. Quindi, nel merito, Dell'Utri è colpevole secondo la Giustizia italiana. Se Dell'Utri rimane in libertà e percepisce lo stipendio e i benefit da parlamentare e il popolo italiano non fa una piega, allora ha ragione Marcello, fondatore, allenatore e suggeritore di Forza Italia, a definire eroe il pluriomicida Mangano. E ha ragione anche Berlusconi a definirci coglioni, e Minchiolini a fare telegiornali sull'assoluzione di Dell'Utri. Per una questione di equità, tutti i carcerati che stanno scontando una pena per condanne fino a 7 anni devono essere rilasciati. Pdl e Pdmenoelle potrebbero organizzare un indulto estivo ad hoc come nel 2006, un'altra legge bipartisan ad delinquentes. Alle prossime elezioni si potrà organizzare una riffa con tutti i nomi dei farabutti rimessi in libertà. Gli estratti diventeranno deputati e senatori della Repubblica. Un Parlamento di ex galeotti, un partito trasversale Gratta e Vinci delle Libertà. Una ideale continuazione del Parlamento attuale ripieno di condannati in via definitiva, in primo o secondo grado o indagati. Qual è il grado di sopportazione di questo Paese? C'è un Paese? Qualcuno è rimasto in casa? Un Paese in cui i giornali parlano di legge bavaglio da mesi quando si sono imbavagliati da soli da anni con interviste in ginocchio al "bibliofilo" Dell'Utri, all'"onorevole" Dell'Utri. Vorrei mandare un messaggio di solidarietà alla Federazione Nazionale Stampa Italiana: "Restituiteci i soldi delle nostre tasse con cui stampate le balle quotidiane e vergognatevi, pentitevi, mettete un cappello a punta con sopra scritto: "Venduti"". Qualche volta ti domandi se ha senso opporsi al degrado di un popolo (Dell'Utri è solo un sintomo, lo è anche Berlusconi) e cosa fare per risvegliarlo. Ti guardi allo specchio, più vecchio, più incazzato, più disilluso. Pensi a lasciare tutto e andare via. In un Paese civile nel quale un condannato per concorso esterno alla mafia sarebbe allontanato da qualunque carica pubblica. Sarebbe in galera, evitato da tutti. Ricordi Borsellino, che sapeva di essere stato condannato a morte, e ti chiedi chi glielo ha fatto fare. Pensieri così, di chi vede crescere l'indifferenza e l'ignavia degli italiani di fronte a qualunque stupro della democrazia. Gli italiani sono i colpevoli, non tutti, ma la maggioranza assoluta certamente sì. Meritano quello che hanno e forse anche di più."
(Rispondi)
 
 
cateviola
cateviola il 01/07/10 alle 10:55 via WEB
i giornali parlano di legge bavaglio da mesi quando si sono imbavagliati da soli da anni
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 01/07/10 alle 22:06 via WEB
e con i nostri soldi - e non parlo di quelli che diamo in edicola
(Rispondi)
 
adamsmith76
adamsmith76 il 02/07/10 alle 19:14 via WEB
Permettimi l'intrusione, CATE... A parte che assieme ai colonnelli greci e alla giunta cilena ci vedrei bene il regime cubano e soprattutto quello coreano ( per essere più credibile, De Mauro avrebbe anche potuto citarli) mi chiedo: ma prima dell'avvento di Berlusconi nessun politico decideva sui direttori della Rai? Vabbè che tutti dimentichiamo le cose ma De Mauro pensa che il paese sia costituito solo da gente minorenne e che quindi non potrebbe ricordare...
(Rispondi)
 
 
cateviola
cateviola il 05/07/10 alle 19:35 via WEB
ciao Adam, non voglio difendere De Mauro (che forse non difenderebbe me né un qualsiasi giornalista precario querelato da un signore...), ma nel pezzettino che citavo non nomina Berlusconi. E noi che - ahinoi - non siamo minorenni, da un pezzo... sappiamo che la lottizzazione della Rai è storia non recentissima
(Rispondi)
cateviola
cateviola il 01/07/10 alle 09:05 via WEB
al tg regionale parlano del cane cercatore di fugnhi, persino dei sassi staccati da un muretto lungo il Mugnone, neanche una parola sul trattamento riservato a un giornalista non allineato
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 01/07/10 alle 09:44 via WEB
se nemmeno la patria del Rinascimento trova la forza di reagire, allora non ci sono più speranze
(Rispondi)
Nuta
Nuta il 01/07/10 alle 09:52 via WEB
Vorrei fosse chiaro che non dimentico che Diego Della Valle ci ha salvato il culo, ci ha portato in alto, ci ha fatto divertire e sognare. Questo non gli dà, però, un credito illimitato, E anzi proprio per quello vogliamo capire, vogliamo reagire. Vogliamo sapere se c'è la possibilità di tornare sulla retta via, questo silenzio non danneggia solo Prizio, nè la democrazia in generale, danneggia anche Firenze, la Fiorentina, i tifosi. Danneggia una passione trafitta e violentata e lasciata esterrefatta senza un futuro e senza un perché. Costringe a rivedere il giudizio su persone da sempre stimate. Getta fango su uno sfondo che credevamo perennemente pulito e pieno di sogni. Che stanno diventando incubi
(Rispondi)
cateviola
cateviola il 01/07/10 alle 11:41 via WEB
Leggi qui
Carlo Pallavicino si muove
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 01/07/10 alle 22:08 via WEB
qualcosa si è sbloccato, la Rete smaschera, alla lunga la verità esce fuori. Poi c'è il problema di come gestirla, la verità. Ma qui si torna al discorso copiaincollato da Grillo stamani
(Rispondi)
adamsmith76
adamsmith76 il 02/07/10 alle 19:07 via WEB
Ciao Sandro:)) Sull'argomento in questione ho commentato da Cate. Grillo è invece l'unica cosa che ci divide. A parte sui soldi che paghiamo alla stampa; su quello ha ragione. Aggiungo io che un giornale pagato dallo stato è come la Pravda...
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 08/07/10 alle 22:06 via WEB
ciao Adam, vorrei un'Italia positiva o almeno accettabile: in quel caso Grillo non ci dividerebbe più
(Rispondi)
adamsmith76
adamsmith76 il 05/07/10 alle 16:20 via WEB
Molto bella la lettera scritta ieri con CATE; complimenti e buona giornata, Sandro:)))
(Rispondi)
 
cateviola
cateviola il 06/07/10 alle 09:54 via WEB
credevo che Sandro ne facesse un post anche qui, intanto la metto in commento:
Firenze, 4 Luglio 2010
Egregio Dott. Diego Della Valle, siamo una coppia di tifosi viola, nati e cresciuti a Firenze, da sempre con due case: la propria abitazione e la curva Fiesole.
Lei potrà immaginare, dunque, con quale gioia accogliemmo il suo arrivo in quella terribile estate, in cui temevamo di aver perduto per sempre la nostra amata Fiorentina e con essa i suoi colori e la nostra passione. Per questo noi Le saremo sempre grati; del resto credo che non sia mai mancato il nostro affetto nei confronti della società viola, Firenze in questo possiede una generosità commovente.
E comunque per l’ennesima volta vogliamo ringraziarla per questo, nonché per tutte le emozioni che negli ultimi anni ci sono state regalate. Questo deve essere ben chiaro: noi non siamo “vedove di Cecchi Gori” o “criticoni distruttivi”, come tanti ce ne sono nella nostra città (gente che, comunque, va rispettata perché critica spesso a vanvera ma dà anche tutto, e del resto questo fa parte delle peculiarità di questa gentaccia che abita in riva all’Arno).
Ci sono foto di noi allo stadio con la bandiera viola e la scritta “Firenze sta con Della Valle”, risalgono a questa primavera, le ultime.
La premessa era doverosa.
Detto questo, adesso vorremmo metterla al corrente che per la prossima stagione noi non rinnoveremo l’abbonamento di curva Fiesole, e di questa triste, difficile, dolorosissima decisione vorremmo metterla a conoscenza.
Non perché Lei debba dispiacersi delle scelte di due persone, quanto perché riteniamo che il forte disagio che viviamo è sicuramente molto diffuso e vorremmo quindi comunicarglielo nel modo più civile possibile.
Per noi non è facile accettare di essere stati presi in giro sulla vicenda Prandelli: sappiamo bene che le cose non sono andate come ci sono state raccontate.
Non ci è piaciuto per niente l’utilizzo dell’obbligo della tessera del tifoso come un’opportunità commerciale, vendendocela addirittura come un vantaggio, girando la frittata in una maniera che proprio non ci è andata giù.
Non ci è piaciuto che Manuela Righini, solo perché giornalista non gradita e libera di pensare, parlare, scrivere liberamente, anche in maniera critica, non sia stata onorata con la presenza di qualcuno della società viola al suo funerale.
Delle mille cose che non ci sono piaciute, il 90% delle stesse risale all’ultimo periodo, segno evidente che c’è un cambio di rotta che vorremmo capire.
L’ultima delle cose che non ci sono piaciute è la più grave in assoluto, e questa proprio non possiamo accettarla: sembra che Lei si sia permesso di interferire nel lavoro di un giornalista, il nostro amico Stefano Prizio, cercando prima di condizionarlo a prendere posizione contro Prandelli, poi di fargli truccare un sondaggio che di fatto informava, se mai ce ne fosse stato bisogno, che la città era con il suo allenatore.
Non avendo ottenuto quello che si prefiggeva pare che abbia fatto in modo che l’editore di fiorentina.it lo sospendesse dal servizio (quando è stato lui, Prizio, a fondare quel portale e tutta Firenze lo sa!), poi gli ha fatto anche recapitare una richiesta di danni per una cifra folle come 500.000 euro, che suonano sicuramente più esosi, in proporzione, anche dei 17 milioni di multa che deve pagare Mutu al Chelsea.
Dopodiché immaginiamo abbia fatto valere il suo peso sul mondo dell’informazione locale, affinché la notizia non si divulgasse o rimanesse comunque nell’ombra, riuscendovi tra l’altro molto bene.
Questa è la situazione.
Noi non abbiamo molte armi da utilizzare, se non quella di diffondere il più possibile notizie che la gente comune non sa perché non le legge da nessuna parte o perché comunque segue distrattamente certe vicende.
Oltre a ciò, l’unica arma che possiamo utilizzare è quella di tirarci indietro: noi non ci stiamo. L’abbonamento non lo rinnoveremo e ci piange il cuore per questo.
Il cuore.
Quello che vorremmo vedere in Lei, con la speranza che non tutto ancora sia perduto, che Lei faccia dei passi indietro, che non esistano mai situazioni che ci dividano.
Noi, Lei, Prizio, Righini, Prandelli, tutti eravamo o siamo innamorati di questa squadra, di questa maglia di questa città.
Faccia in modo che ci si trovi tutti dalla stessa parte uniti.
Ci pensi, noi vorremo tornare allo stadio a tifare senza alcuna remora per la squadra che AMIAMO.
Sandro Nutini e Caterina Grassi
(Rispondi)
 
 
Nuta
Nuta il 08/07/10 alle 22:14 via WEB
beh, dai, ciò che dovevamo scardinare lo abbiamo scardinato. E non credo che qualcuno non abbia avvertito lor signori che forse hanno preso una direzione sbagliata, altrimenti non si sarebbero "svegliati" di colpo certi organi di stampa e certi giornalisti
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 08/07/10 alle 22:10 via WEB
ciao Adam! Grazie, ma la lettera non voleva essere un esame per me, ma molto più immodestamente un aiuto concreto a sbloccare una situazione grottesca. Per dare una mano ad una persona, ma anche e forse soprattutto per denunciare un disagio diffuso in cui una città intera si sente depressa e senza un futuro viola su cui sognare
(Rispondi)
 
 
adamsmith76
adamsmith76 il 09/07/10 alle 20:52 via WEB
Ben vengano gli aiuti specie quando sono concreti e questo lo è stato. Una Firenze depressa senza un futuro viola non ce lo vedo visto la passione che molti di voi ( non so se tutti) ci avete messo negli anni in cui la Viola giocava ( non per demeriti sportivi mi par di capire) in categorie inferiori. La vera ricchezza dei Della Valle sono i tifosi viola come voi ( vorrei dire anche come me se ne capissi quanto voi!) Buona serata, Sandro:))
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 18/07/10 alle 19:05 via WEB
ciao Adam, la passione viola a Firenze non morirà mai, quello è certo. Però viene messa a dura prova. In nome del dio tv (naturalmente quella a pagamento), un dio peraltro superabile dalla rete dove puoi vedere le partite se sei tecnologicamente attrezzato senza grossi problemi (e ovviamente tutto gratis), fanno di tutto per trasferire i tifosi in abbonati sky o mediaset. E ci possiamo ribellare quanto vuoi, ma loro hanno il coltello dalla parte del manico... e alla fine ti viene anche da dire: ma chi me lo fa fare di sbattermi, di fare guerre (perse in partenza), di usare energie, anche in quel campo dedicato al tempo libero, allo svago, a quella cosa che per definizione non può essere impegno, raziocinio, programmazione, politica?
(Rispondi)
juanmanuelvargas0
juanmanuelvargas0 il 06/07/10 alle 21:47 via WEB
Bella lettera Sandro! D'altra parte la firmerei pure io visto che ormai sono innamorato di questa città e di questa squadra! Forza Fiorentina, sempre!!!
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 08/07/10 alle 22:12 via WEB
caro Vargas, mi sa invece che anche tu dovrai arrenderti all'idea di cambiare maglia... qua da noi non c'è spazio per i sentimenti. E pensa che qua c'è una delle tifoserie più calde, appassionate e piene d'amore che esistano. Pensa che spaccatura c'è fra noi e chi la Fiorentina la dirige. E che dobbiamo fare? Il problema è che non ci sono alternative... sarà possibile far ragionare i tuoi datori di lavoro?
(Rispondi)
adamsmith76
adamsmith76 il 15/07/10 alle 21:31 via WEB
Un saluto, Sandro;-) Ma chi è questo nuovo allenatore della Fiore? Prandelli almeno aveva un nome facile...
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 18/07/10 alle 19:06 via WEB
Sinisa, chiamalo Sinisa, è facilissimo!
(Rispondi)
adamsmith76
adamsmith76 il 18/07/10 alle 19:27 via WEB
Va bene Sinisa allora! ( spero sia preparato come Prandelli ma soprattutto sia un uomo come Prandelli). D'accordo anche con la tua risposta all'altro mio commento; io però non ho di questi sistemi...anche commentare sui blog sta diventando un'impresa con questo pc... Buona serata:))
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 18/07/10 alle 22:05 via WEB
Sinisa Mihajlovic è una persona completamente diversa da Prandelli. E' un sanguigno, uno che se c'è da dirti qualcosa sul muso lo fa senza tanti problemi. E' un serbo cresciuto in mezzo alla guerra civile, uno che ha visto da vicino le guerre fratricide, avendo fra l'altro la madre croata. Da giocatore è stato piuttosto bravo, a differenza di Prandelli: il suo piede sinistro era magico, le punizioni erano come i rigori, per lui, tante ne trasformava in gol. Ancora oggi a 41 anni è sempre il migliore, mi sa che nella Fiorentina non c'è un giocatore che le calci così bene come il suo allenatore. Come mister ha cominciato da poco, ma ha subito fatto vedere che è uno tosto. A Firenze una persona così piace molto, moltissimo. Delle polemiche legate alla sua lontana amicizia con la tigre Arkan rispondo che la sua coerenza è davvero convincente e che, comunque, lui deve render conto del lavoro che farà per ciò che è stato chiamato a fare
(Rispondi)
 
 
adamsmith76
adamsmith76 il 19/07/10 alle 16:19 via WEB
Certo passare da Prandelli ad un amico della "tigre" Arkan il passo non sembra breve ma mi fido di quello che scrivi e comunque speriamo si riveli un allenatore vincente. Grazie della risposta e buona giornata, Sandro:))
PS: Ma sei proprio un'enciclopedia del calcio!! Ed io che malgrado la lezione di CATE sul fuorigioco ancora non l'ho ben capito...
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 23/07/10 alle 06:59 via WEB
ahahah! Adam, ribadisco il mio pensiero: secondo me sul calcio ne sai più di me! ;)
(Rispondi) (Vedi gli altri 4 commenti )
 
 
 
adamsmith76
adamsmith76 il 23/07/10 alle 22:06 via WEB
Non è certo un complimento quello che ti stai facendo, Sandro...ecco perchè non ti hanno preso come sostituto di Prandelli!....^_^ Sono proprio ad un livello basso, fidati. E felice serata:))
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 24/07/10 alle 16:50 via WEB
ciao Adam! (Poi in privato mi dirai di chi sei procuratore, ahahah!)
(Rispondi)
 
 
 
adamsmith76
adamsmith76 il 25/07/10 alle 19:09 via WEB
Ma lo posso dire anche in pubblico: sono il procuratore di Montolivo! ahahahah Scommetto che pensavi a qualche altro giocatore...
Non dirmi che già ad agosto si gioca....si torna a soffrire! Felice serata Sandro:))
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 25/07/10 alle 21:58 via WEB
lo sospettavo, ahahah! Ad agosto si comincia, ma a fine mese, c'è ancora tempo, dai!
(Rispondi)
adamsmith76
adamsmith76 il 22/07/10 alle 23:15 via WEB
Un saluto, Sandro:)) Per fortuna che non leggo giornali; mi dicono che nemmeno le pagine sportive vale la pena di leggere...
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 23/07/10 alle 06:59 via WEB
hai perfettamente ragione. Purtroppo non esistono isole felici
(Rispondi)
cateviola
cateviola il 23/07/10 alle 21:55 via WEB
e oggi è ufficiale: non si tornerà a casa
(Rispondi)
 
Nuta
Nuta il 24/07/10 alle 16:55 via WEB
già. Ma siamo in buona compagnia. Contro i 17.000 abbonati con prelazione dello scorso anno (e circa 5.000 abbonati successivi), quest'anno ci si ferma a 10.000. Poco più della metà. E meno della metà degli abbonati totali non ha rinnovato. Non sappiamo ancora quale sarà il dato definitivo, ma i casi sono due: o ci sarà un grande ridimensionamento, oppure la platea sarà comunque estremamente rinnovata. Naturalmente da gente brava, che non creerà casino e violenza, del resto non ci siamo noi
(Rispondi)
 
 
adamsmith76
adamsmith76 il 25/07/10 alle 19:11 via WEB
Dai, Sandro...non riesco ad immaginare uno stadio senza di voi. Durante le partite era bello sapere che ci eravate. Spero che ci ripensiate
(Rispondi)
 
 
 
Nuta
Nuta il 25/07/10 alle 22:04 via WEB
neanche noi riusciamo ad immaginarci fuori dal nostro tempio. Comunque non c'è modo di abbandonare la Fiorentina, come si fa! Cercheremo di seguirla via radio o in qualche posto di fortuna (perché oltre allo stadio non avremo neanche il pacchetto digitale, dato che quest'anno la Fiorentina ha cambiato piattaforma e dovremmo passare sotto mediaset premium pagando circa il doppio, cosa che non faremo mai!). Oppure la seguiremo in rete anche se non abbiamo mezzi tecnologici tali da garantirci visioni buone. In ultima ipotesi cercheremo di tornare, forse, chissà, anche allo stadio... con biglietti singoli senza tesseradeltifoso, se li troviamo e se convinco la troppo delusa Cate...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

Tutti per Borgonovo

Clicca sul banner per leggere

 

I miei link preferiti

Ultime visite al Blog

sols.kjaerPervinca74MAN_FLYpit1961castello_niceicavallidirossrespirolentamenteelisa.r79debora.candiottolumil_0mta74ali80chevallDIAMANTE.ARCOBALENOGabriele_Ics
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Tag

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom