OGGI SONO COSI'

Tra sogno e realtà

 

EMOZIONI

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

TAG

 

 

-

Post n°16 pubblicato il 20 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

"... perchè la vita è un brivido che vola via...

è tutto un equilibrio sopra la follia..."

 

(vasco)

 
 
 

Tristezza

Post n°15 pubblicato il 20 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Qualche nota di blues... il silenzio della notte...

 
 
 

Primo Amore

Post n°14 pubblicato il 19 Maggio 2009 da oggisonocosiperte
 

Sono trascorsi ormai molti anni, ma il ricordo in me è ancora intatto.

Era estate, le scuole ormai finite e davanti a noi ragazzi, si presentavano tre lunghi mesi di vacanza al mare. Avevo da poco compiuto 18 anni, finalmente ero diventato maggiorenne. Certamente quell'anno mi sarei divertito come non mai.

Mattino in spiaggia: sole, grandi partite a pallone e bagni infiniti. Al pomeriggio, quando il sole era un pò più clemente, tutti al "muretto" o nel giardino di qualche genitore comprensivo. Eravamo molti e facevamo una gran confusione. La sera ascoltavamo la musica al bar, oppure intorno ad un falò a cantare. Durante l'inverno avevo imparato a suonare a memoria parecchie canzoni con la chitarra, così anche con la poca luce del fuoco, potevo accompagnare i nostri canti a "squarciagola".

Quell'anno accadde qualcosa di nuovo.
Nel palazzo di fronte era venuta ad abitare, come affittuaria, una ragazza molto carina. Capelli rossicci, occhi chiari, nasino delicato ed una voce bellissima.
Entrò subito a far parte del nostro gruppo, ed i maschietti svolazzavano intorno a lei come falene impazzite. Lei li guardava compiaciuta senza prestare un'attenzione particolare per nessuno. Ogni tanto la guardavo anch'io, cercando di fare in modo che non se ne accorgesse; non mi è mai piaciuto dare soddisfazione alle ragazze che sanno di essere particolarmente belle.

Un pomeriggio in cui faceva particolarmente caldo, me ne stavo sdraiato in giardino all'ombra a leggere un libro. A un tratto, inaspettatamente, apparve lei. Era oltre il cancello e mi chiedeva di poter entrare. Ovviamente mi alzai di scatto, e in attimo le aprii. Non dicemmo nulla per qualche istante, eravamo entrambi imbarazzati...
In piedi davanti a me, ci guardavamo fissi negli occhi. Lentamente la sua mano si avvicinò alla mia... la prese... e, sollevandosi sulle punte, mi baciò.

Fu il mio primo bacio!

 

 
 
 

Una storia vera

Post n°13 pubblicato il 15 Maggio 2009 da oggisonocosiperte
 

Erano i primi tempi delle chat. Un mondo ancora sconosciuto e suggestivo. Conobbi virtualmente una donna di Roma che in quel momento era in vacanza in Sardegna.
Entrammo subito in sintonia... Sensazioni ovviamente…, però molto belle.
Mi raccontava delle sue scorribande sul mare a cavallo del suo surf... del sole magnifico... delle goccioline d'acqua sul suo corpo ben abbronzato.

Trascorse l'estate continuando a chattare, sempre più in confidenza, sempre più contenti di quella conoscenza.
Al suo ritorno ci scambiammo i numeri di telefono. Cominciammo a parlare, a raccontarci tante cose. Credo che in quel periodo fossi un ottimo cliente per l'allora omnitel. Ogni momento era buono per sentirsi.
Dopo qualche tempo lei cominciò ad avere una voce rauca; mi disse che era una brutta raucedine e che sarebbe passata presto.

Le proposi, vincendo la mia timidezza, di conoscerci. All'inizio lei rispose di no per quel momento; non era al massimo della forma e non voleva che io la conoscessi così.

Alla fine, dopo tante insistenze da parte mia, mi diede un appuntamento. Ero felice!
Andai lì, ricordo che arrivai con oltre mezzora d'anticipo.
Ma lei... non venne.
Provai al cellulare... sempre staccato!
Per diversi giorni tentai e un bel giorno mi rispose.
La sua voce era ancora più roca e quasi fioca. Mi disse che si scusava se non era venuta all'appuntamento ma proprio non ce l'aveva fatta. Dissi che non m'importava nulla e che avrei pazientato, l’importante era solo che stesse bene. Disse ancora che doveva entrare all’ospedale e che sarebbe stata una cosa breve, ci saremmo sentiti e visti non appena fosse uscita.

Fu l'ultima volta che la sentii!

Qualche tempo dopo, una fatalità incredibile.
Ero su internet ed all'improvviso apparve il suo nik!
Provai una gioia indicibile.
Finalmente dolcissima ……… !
La risposta fu: non sono …….. , sono una sua amica. Sono venuta a prendere il suo computer... prima di morire mi ha detto che voleva che lo prendessi io. Qui ci sono i miei ricordi più cari. Tu sei ……., vero? Mi parlava tanto di te e di come era felice... ogni volta le brillavano gli occhi…

 
 
 

Rimani...

Post n°12 pubblicato il 15 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Rimani con me questa notte...
Lascia che le mie braccia possano tenerti stretta.
Lascia che le mie mani possano scorrere sul tuo corpo
per deliziarlo oltre ogni limite.
Lascia che le mie labbra possano cogliere il sapore dei tuoi baci.
Lascia che il mio corpo possa vibrare all'unisono con il tuo.
Rimani con me questa notte...

 
 
 

IL RITORNO DEL PROFETA (H. Gibran)

Post n°11 pubblicato il 14 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Tu non sei immune dal torto che subisci. Quando finalmente vedrai con chiarezza, ti accorgerai che le colpe commesse contro di te sono commesse per causa tua.

Il tuo nemico è il tuo io rinnegato, che ti vergogni troppo di perdonare.

Scruta nel tuo intimo e scorgerai il suo volto riflesso nelle tue acque stagnanti.

Ascolta il silenzio della notte e avvertirai il suo desiderio palpitarti nel cuore.
Riconoscere la propria anima nel cuore dell'avversario, ecco la nascita dell'amore autentico.
Eppure molto di te rimane in embrione, celato dietro le ombre del diniego:

Non è forse sorprendente il potere assegnato ad un'innocua ombra, se la si guarda con paura?
E' contrastando il nemico che lo rendi pericoloso.
E la tua stessa carne è avvelenata dal desiderio di vendetta.

Ogni parte del tuo mondo che rifiuti di amare diverrà ostile e ti si ritorcerà contro, derubandoti della tua integrità.

 
 
 

(Zygmunt Bauman)

Post n°10 pubblicato il 14 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

La nostra vita è un'opera d'arte,

che lo sappiamo o no,

che ci piaccia o no.

 
 
 

nascosti...

Post n°9 pubblicato il 11 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Sono giorni che conto i giorni … anche quest’anno conto i giorni …
ed anche quest’anno conto i giorni
in silenzio …
… è come un sortilegio che ogni anno
alla stessa ora mette a tacere il cuore,
invece che vederlo esplodere di gioia …
… forse è solo paura …
di far vivere i pensieri …
i desideri …
( i sentimenti ? )... 

forse è solo paura … vivendoli …
di vederli morire …
… o forse … forse invece
è solo quello che … non è … 
Nella mia casa stasera ascolto l’adagio di Albinoni … perché si avvicina l’estate?
 … anche … ma non sono quelli
i giorni che conto …
… il mare non si sente …
il cielo è di un blu terso …
la montagna non la vedo ma la
immagino imponente …
… ascolto Albinoni stasera …
le sue note attraversano il cuore
da una parte all’altra …
come certe parole … quelle che pongono davanti  una scelta priva di alternative …
… nascondo anche quelle … e le ripongo nell’angolo più recondito dell’anima,
quello in cui tengo tutto ciò che ho
di più caro … perché solo lì posso tenerli …
… solo lì posso tenerli senza farmi male …
... ed è male che fa male ...

 
 
 

Caffe?

Post n°8 pubblicato il 11 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Era da un po’ che voleva fare quella domanda, esattamente dal primo istante in cui aveva visto il suo profilo comparire per caso tra le sue visite.

Avevano scambiato parole, emozioni, silenzi. Ogni volta che appariva il suo nik, il cuore per un istante si fermava ed il respiro si faceva pesante.  L’aveva immaginata, probabilmente neanche bella, ma fascinosamente femminile.

Ed ora era lì, con dito sul tasto invio, incerto sul da farsi.

Sapeva che era libera, e che se solo avesse voluto, quel desiderio si sarebbe trasformato in realtà.

Che fare allora? Chiuse gli occhi, trattenne il fiato e il messaggio partì.

Nervosamente attese la risposta…

 
 
 

Fine

Post n°7 pubblicato il 09 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Petali di rosa ormai appassita su di un letto d'erba...

 
 
 

Tristezza

Post n°6 pubblicato il 08 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Succede nei momenti in cui ho un po’ di confusione in testa e la tristezza comincia a prendere il sopravvento.

Oggi invece di fermarmi per pranzo, mi sono diretto al Verano.

Probabilmente qualcuno lo associa ad un posto lugubre, e forse nelle giornate grigie lo è; oggi invece, con questo splendido sole, l’atmosfera che si respira è piacevole.

Varcato il cancello, attraverso il viale, mi dirigo al quadriportico.

Lì riposa mio padre ed alcuni altri famigliari. Ripenso a lui e ai pochi abbracci che mi ha dato, ai sorrisi negati, alla distanza formale che metteva tra di noi.

Gli ho voluto molto bene, non l’ho mai giudicato e sono convinto che i suoi errori non sono stati intenzionali.

Ogni tanto lo vado a trovare e, guardando la lapide,  rifletto con occhi diversi sui momenti della mia vita. Strano a dirsi, quando vado via, di solito sono sorridente.

 
 
 

Solo

Post n°5 pubblicato il 07 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Solo nella mia stanza provo un senso di tristezza.
Il tempo è cambiato.
Sarà questo cielo grigio … sarà che il mare è inquieto …

sarà questo tempo incerto che avvolge tutto e tutto rende incerto …
anche me …
“sempre in bilico tra una vita che non ho voluto ed una che non esiste“
ma io quasi non so più che dire …
come se tutto ciò che dicessi potesse suonare inutile e stupido …
non lo so …
 è questo che succede quando dei desideri si sfocano i contorni?

 
 
 

Racconto ancora

Post n°4 pubblicato il 07 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

Il sole era già alto su nel cielo, arrivammo in spiaggia piuttosto accaldati e, senza neppure pronunciare parola, ci spogliammo. Poi, riprendendoci per mano corremmo sulla sabbia ormai ardente, verso il mare.

Spruzzi d’acqua ci colpirono sferzando i nostri corpi bollenti. Perdendo l’equilibrio cademmo in mare.

Scherzi, risate, schizzi, sembravamo due bambini che non giocando da anni, finalmente si sentivano liberi di esternare tutta la loro euforica gioia di vivere.

Stanchi, ci sedemmo sul bagnasciuga. Una buca, un’altra, la sabbia mista ad acqua cominciò ad accumularsi. Iniziammo a sagomarla, una torre cominciò a prendere forma, le mura, i merli e, come per incanto, apparve un castello.

Ormai insabbiati all’inverosimile, decidemmo di andare a fare una doccia.

Mi resi conto solo allora di quanto fosse bella. Rimasi estasiato da quel corpo perfetto che si muoveva in maniera sinuosa, quasi provocante.

L’acqua scorreva copiosa tra i folti capelli e il sole faceva brillare quella pelle così abbronzata.

Un seno rigoglioso con i capezzoli inturgiditi dalla differenza di temperatura, catturarono il mio sguardo. Non feci nulla per non farmi notare. Lei si voltò verso di me e, sorridendo compiaciuta, mi schizzo sul viso.

Le note di una radiolina accompagnarono il nostro prendere il sole sdraiati sull’asciugamano.

Ormai il sole stava per tramontare e, dopo esserci rivestiti, ritornammo verso l’albergo.

Poche parole in un silenzio che diceva tutto.

Colsi il suo sguardo e lei il mio. Ci avvicinammo e le nostre labbra si sfiorarono in un pudico bacio.

Chissà se ci saremmo mai rivisti.

 
 
 

Racconto

Post n°3 pubblicato il 02 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

 

Questa mattina mi sono svegliato presto
e ho  aperto
 immediatamente la finestra
per godere del profumo del mare.
Una doccia, la barba, jeans e maglietta e poi subito
sulla terrazza a fare colazione.

Ho scelto questo posto per riposare un paio di giorni.
E’ un pochino distante dal mare, ma la vista che
si gode è fantastica.

Guardo se c’è un tavolo libero, per fortuna hanno
lasciato uno dei più belli, guarda diretto
verso il mare.

Mi siedo ancora estasiato da quella visione, e
attendo con calma l’arrivo del cameriere.
Ad un tratto volto le spalle e vedo una signora
in cerca di un tavolo libero, ma in questo momento
non ce ne sono.
Faccio un cenno, come per farla avvicinare,
lei mi vede
e abbozzando un sorriso si avvia
verso di me.
Prego, signora, se vuole può accomodarsi qui,
ci sono ancora posti liberi. Mi guarda un attimo
perplessa, poi ringraziando si siede.
Nessuno dei due proferisce parola, l’imbarazzo c’è.
Sguardi sfuggenti e il non saper come rompere
il ghiaccio.
Poi, come se qualcuno avesse dato il via,
contemporaneamente abbiamo iniziato
a parlare.
Una risata e tutto si è sciolto.

Abbiamo parlato a lungo, tanto che i tavoli
della terrazza erano ormai vuoti.
Avevamo così tanto dentro le nostre
anime incartate, che non vi fu più un
attimo di pausa.
Le parole uscivano facilmente, con una
semplicità sconvolgente, come mai era
successo prima a nessuno dei due.

Lo sguardo un po’ imbronciato dei camerieri,
ci fece capire che era il momento di andare.
Peccato dover interrompere quel colloquio
così interessante e coinvolgente. 
Ci avviammo quindi verso la hall.
Tutti e due impacciati perché non sapevamo
come fare per poter prolungare il nostro
incontro.
Allora, prendendo un lungo respiro, dissi:
perché non scendiamo in spiaggia insieme?
Rispose con un flebile si.

Con il cuore in gola, avvicinai la mia mano
alla sua, la strinsi, e iniziammo a camminare
verso il mare….

 

 

 

 
 
 

LASCIATEMI ALMENO SOGNARE

Post n°2 pubblicato il 01 Maggio 2009 da oggisonocosiperte

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: oggisonocosiperte
Data di creazione: 28/04/2009
 

QUESTO PICCOLO GRANDE AMORE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

audicentomariomancino.mRosadasfogliare2letigiolacartavincente1giovanni.euripidelubopoyulyusgiovanni80_7oggisonocosiperteluciana531venelunaLudotecaManLouloubelle
 

ULTIME LETTURE

L'OMBRA DEL VENTO

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI

L'ELEGANZA DEL RICCIO

L'INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL'ESSERE

IL MONDO DI SOFIA

 

ULTIMI COMMENTI

Capire tu non puoi tu chiamale se vuoi emozioni
Inviato da: ninfa.77
il 07/07/2012 alle 13:16
 
Ma ti sei separato anche dal blog? :)
Inviato da: niokoe
il 19/06/2012 alle 19:17
 
Ma lo scriverai?
Inviato da: niokoe
il 30/05/2012 alle 15:02
 
Non l'ho più scritto
Inviato da: oggisonocosiperte
il 28/05/2012 alle 01:35
 
Dov'è il seguito?
Inviato da: niokoe
il 28/05/2012 alle 01:26
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom